A Milano un'installazione sonora di Eugenio Tibaldi si attiva con il pubblico, come un carillon


BASE Milano ospita dal 28 marzo al 3 aprile 2022 l’installazione sonora Marginal Carillon realizzata da Eugenio Tibaldi in collaborazione con sound designer Taketo Gohara. L’opera si attiva come un carillon alla presenza dello spettatore. 

La Collezione Ramo presenta dal 28 marzo al 3 aprile 2022, presso BASE Milano, Marginal Carillon, un’installazione sonora realizzata partendo da una grande opera su carta di Eugenio Tibaldi (Alba, 1977) in collaborazione con il sound designer Taketo Gohara (Milano, 1975). Il progetto espositivo è a cura di Irina Zucca Alessandrelli.

Nella Ground Hall di BASE, Tibaldi mostra un lungo disegno che ruota su una struttura sottostante. Un ramo disegnato di tre metri su cui sono disposti vecchi marchingegni sonori come un grammofono e un giradischi. Taketo Gohara ha creato i contrappunti sonori a queste ancore di salvataggio. Ha ideato molti suoni che, sulla base del battito cardiaco, si susseguono dando vita alla colonna sonora del segno in movimento. Il disegno si attiverà, come un carillon, grazie alla presenza dello spettatore. Chi si avvicina all’opera innesca una videocamera che rileva la quantità di inchiostro presente sulla carta trasformandosi in nota. Così sul cuore si innestano un clavicembalo, un pianoforte, delle percussioni, dei campanellini, un vibrafono per omaggiare lo stupore di suoni nuovi, il piacere dello stato di sospensione, in cui ogni melodia può coesistere o vivere autonoma.

Il carillon è un simbolo spazio-temporale di marginalità, da bambini lo apriamo o lo carichiamo nei momenti di stasi per essere portati altrove, per vivere un attimo assorti e rapiti dalla musica e dal movimento di una ballerina in uno scrigno. Da adulti si aggiunge la nostalgia, ma il carillon rimane un meccanismo di piccola fuga.

La collaborazione tra Eugenio Tibaldi e Taketo Gohara ha dato vita a un’esperienza visiva e uditiva che può esistere solo se innescata da una presenza. La mostra Marginal Carillon rientra nella programmazione di BASE per Art Week che prevede la mostra SIGNS 2, inaugurata durante Milano Graphic Days, nello spazio adiacente Room 1400.

Immagine: Progetto per Marginal Carillon, dettaglio (matita e china su carta; 50 x 70 cm). Su gentile concessione di Eugenio Tibaldi e Collezione Ramo.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraMarginal Carillon
CittàMilano
SedeBASE Milano
DateDal 28/03/2022 al 03/04/2022
ArtistiEugenio Tibaldi, Taketo Gohara
CuratoriIrina Zucca Alessandrelli
TemiMilano, Installazione, Suono

A Milano un'installazione sonora di Eugenio Tibaldi si attiva con il pubblico, come un carillon
A Milano un'installazione sonora di Eugenio Tibaldi si attiva con il pubblico, come un carillon


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Caprese, le sculture di Michelangelo Galliani alla Casa Natale di Michelangelo Buonarroti
Caprese, le sculture di Michelangelo Galliani alla Casa Natale di Michelangelo Buonarroti
Le opere di Filippo de Pisis raccolte da Luigi Vittorio Fossati Bellani sono riunite a Milano
Le opere di Filippo de Pisis raccolte da Luigi Vittorio Fossati Bellani sono riunite a Milano
La fotografia per abbattere le disuguaglianze. Razza Umana, il progetto di Oliviero Toscani
La fotografia per abbattere le disuguaglianze. Razza Umana, il progetto di Oliviero Toscani
Bottegantica apre una mostra virtuale con cinque promettenti artisti dell'Accademia di Brera
Bottegantica apre una mostra virtuale con cinque promettenti artisti dell'Accademia di Brera
A Forlì una grande mostra interamente dedicata alle più grandi fotografe del Novecento
A Forlì una grande mostra interamente dedicata alle più grandi fotografe del Novecento
Manufatti di artigianato nipponico in mostra al Museo Vincenzo Vela
Manufatti di artigianato nipponico in mostra al Museo Vincenzo Vela