Fa tappa a Parigi Cantica21, la mostra di arte contemporanea dedicata a Dante Alighieri


 L’Istituto Italiano di Cultura di Parigi ospita un’altra tappa, dopo Shanghai, della mostra Cantica21 con cinque opere dedicate a Dante Alighieri di altrettanti artisti contemporanei. 

Dal 14 aprile all’11 maggio 2022 l’Istituto Italiano di Cultura di Parigi ospita un’altra tappa del tour internazionale della mostra Cantica21. Dante Alighieri and the Italian Artists, esponendo cinque opere dedicate a Dante Alighieri. La curatela scientifica è della Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura, in partenariato con l’Istituto Italiano di Cultura di Parigi.

“Con questa nuova tappa della mostra Cantica21. Dante Alighieri and the Italian Artists a Parigi”, dichiara il Direttore Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura Onofrio Cutaia, “prosegue l’azione di internazionalizzazione della creatività del nostro paese da parte del Ministero della Cultura, in stretta sinergia con il MAECI. Il progetto di Cantica21 rappresenta per i nostri artisti italiani un’importante occasione di confronto con gli ambienti culturali all’estero e una fonte di arricchimento e di stimolo reciproco”.

“Arte contemporanea e tradizione culturale si fondono in queste opere”, ha aggiunto Diego Marani, direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Parigi, “mostrando che il contemporaneo dell’oggi è in potenza il classico del domani. Dante con il suo poema fu un avanguardista e uno sperimentatore. Assieme alla sua costruzione poetica che ancora oggi ispira ogni visione dell’al di là, inventò la lingua italiana”.

Il percorso espositivo si snoda negli spazi dell’Hôtel de Galliffet, sede dell’Istituto: in questa occasione le opere vengono riallestite per instaurare un inedito dialogo con gli ambienti dell’edificio storico settecentesco. Come nella precedente tappa a Shanghai, protagonista della mostra è la luce che caratterizza ogni opera, evocando simbolicamente il viaggio compiuto da Dante nella Divina Commedia: la totale oscurità dell’immersiva opera video di Valentina Furian, la penombra che avvolge le installazioni di Marinella Senatore e Marta Roberti, la luce calibrata per l’installazione fotografica di Silvia Camporesi e, infine, l’opera di Leone Contini che vive di luce.

Le atmosfere scure dell’Inferno fanno da introduzione a Ciacco, il film di Valentina Furian dedicato al girone dei golosi, condannati a essere tormentati, sotto una pioggia incessante, da Cerbero con le sue tre teste. Nell’opera di Marinella Senatore, la visione dell’Inferno inteso come luogo di punizione eterna per i peccatori viene ribaltato, a significare che anche il peggior peccatore può trovare la strada per la redenzione. Con l’opera A salire a le stelle / To Climb To The Stars, Marinella Senatore mostra il percorso di redenzione dell’anima di Vanni Fucci, indicando come tutti possano avere una seconda opportunità, anche soprattutto attraverso il linguaggio dell’arte. Marta Roberti rivolge la sua attenzione agli animali: i disegni che compongono Bestiario dell’altro mondo puntano all’aspetto metamorfico e mostruoso ispirato dagli esseri polimorfi della Commedia Con la sua opera l’artista indica che la vita nella Divina Commedia può essere considerata una metamorfosi intraspecifica. Interpretando il simbolismo allegorico dell’opera dantesca, Silvia Camporesi ha realizzato un lavoro costituito da disegni e fotografie inedite, ispirandosi anche ai repertori di ambito esoterico, con l’intento di verificare il simbolismo dei numeri ricorrenti presenti del poema. La scultura Monte Purgatorio di Leone Contini è formata da macerie e detriti che rimandano alle distruzioni belliche della storia recente sulla cui sommità germoglia tuttavia della vegetazione, a significare che anche dai disastri è possibile rinascere a nuova vita.

La mostra Cantica21 ha un duplice scopo: da una parte celebrare Dante e diffondere la conoscenza nel mondo, dall’altra promuovere l’arte contemporanea italiana a livello internazionale attraverso una selezione di artisti che hanno saputo reinterpretare in maniera inedita l’immaginario di Dante Alighieri.

Per info: www.cantica21.it

Orari: Da lunedì a venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18.

Nell’immagine, l’installazione di Marta Roberti. 

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraCantica21. Dante Alighieri and the Italian Artists
CittàParigi
SedeIstituto Italiano di Cultura
DateDal 14/04/2022 al 11/05/2022
ArtistiValentina Furian, Marta Roberti, Marinella Senatore, Leone Contini, Silvia Camporesi
CuratoriDirezione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura
TemiArte contemporanea, Parigi, Dante Alighieri

Fa tappa a Parigi Cantica21, la mostra di arte contemporanea dedicata a Dante Alighieri
Fa tappa a Parigi Cantica21, la mostra di arte contemporanea dedicata a Dante Alighieri


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


I moti dell'animo di Leonardo da Vinci celebrati con un'installazione al Museo del Cinema di Torino
I moti dell'animo di Leonardo da Vinci celebrati con un'installazione al Museo del Cinema di Torino
Ai Musei di San Domenico di Forlì una grande mostra racconta il mito di Ulisse
Ai Musei di San Domenico di Forlì una grande mostra racconta il mito di Ulisse
Tradizione africana e tessitura fiamminga. La mostra di Otobong Nkanga al Castello di Rivoli
Tradizione africana e tessitura fiamminga. La mostra di Otobong Nkanga al Castello di Rivoli
Dante dialoga con Giotto al Museo degli Eremitani nel segno del contemporaneo
Dante dialoga con Giotto al Museo degli Eremitani nel segno del contemporaneo
Da Kandinskij a Boccioni, a Rovigo la grande mostra sui legami tra arte e musica
Da Kandinskij a Boccioni, a Rovigo la grande mostra sui legami tra arte e musica
Dieci grandi arazzi realizzati con materiale riciclato da giovani artisti contemporanei: parte a Torino il progetto “A collection”
Dieci grandi arazzi realizzati con materiale riciclato da giovani artisti contemporanei: parte a Torino il progetto “A collection”