A Carrara una grande mostra sul mare, da Fattori a De Chirico


Dal 9 luglio al 30 ottobre 2022, Palazzo Cucchiari a Carrara ospita “Il Mare: Mito Storia Natura. Arte italiana 1860 - 1940”, grande rassegna sul mare con opere di Fattori, Signorini, Nomellini, De Chirico, De Pisis, Morandi e molti altri.

Una grande mostra sul mare dall’Ottocento al Novecento: è Il Mare: Mito Storia Natura. Arte italiana 1860 - 1940 in programma dal 9 luglio al 30 ottobre 2022 a Carrara, a Palazzo Cucchiari. La rassegna racconta ottanta anni cruciali per la cultura italiana, con un unico fil rouge che riguarda una cinquantina di artisti. Curata da Massimo Bertozzi e articolata in sei diverse sezioni, la mostra propone un viaggio attraverso varie scuole artistiche italiane in anni decisivi, compresi tra la nascita del Regno d’Italia e lo scoppio della seconda guerra mondiale.

Si tratta di un panorama d’arte che, in un centinaio di opere, va dai macchiaioli (Fattori) e post macchiaioli (Lloyd, Ulvi Liegi, Puccini) ai pittori cosiddetti labronici (March e Natali), dalla figurazione simbolista (Sartorio, Benvenuti, Baracchini Caputi), dal mondo colorato dei divisionisti (Nomellini) alla stagione delle avanguardie (Ram e Thayaht) e dei “ritorni all’ordine”, con richiami alle grandi individualità dell’arte italiana, De Chirico, Savinio, De Pisis, Campigli, Morandi, Nathan e tra gli scultori Martini, Marino, Manzù e Messina.

Ovviamente un’attenzione particolare sarà riservata all’area ligure-apuana, e quindi ai pittori versiliesi autoctoni, come Chini, Moses Levy, Viani, o d’adozione, come Carrà, Carena, De Grada, Funi, e quindi ai cantori delle terre di Liguria, come Telemaco Signorini e agli scultori apuani come Carlo Fontana e Arturo Dazzi. Per tutti, un solo comune denominatore: il mare e quelle terre, piatte o scoscese, che vi si affacciano e che da millenni accolgono popoli che hanno scelto di viverci. Un mare che è di tutti, ma non appartiene a nessuno; e seppur questi artisti abbiano visto lo stesso mare, alla fine ognuno se l’è immaginato e figurato a modo suo. Probabilmente sta in questo piccolo particolare il fascino e la magia delle diverse espressioni artistiche, di cui la mostra di Palazzo Cucchiari vuol dare ampia testimonianza.

La mostra, corredata di catalogo, apre dal martedì alla domenica. Nei mesi di luglio, agosto e settembre il martedì, il mercoledì, il giovedì e la domenica dalle 9:30 alle 12:30 e dalle 16 alle 20, il venerdì e il sabato dalle 9:30 alle 12:30 e dalle 16 alle 23. A ottobre il martedì, il mercoledì, il giovedì e la domenica dalle 9:30 alle 12:30 e dalle 16 alle 20, il venerdì e il sabato dalle 9:30 alle 12:30 e dalle 16 alle 21. Chiuso il lunedì. Biglietti: € 10; ridotto € 8; gruppi 10-29 persone € 8; da 30 in poi € 7; scuole € 4 (2 accompagnatori gratuiti per scolaresche); gratuito Giovani fino a 8 anni accompagnati dai genitori, portatori di handicap e accompagnatore, giornalisti con tesserino nazionale. Informazioni: Tel. +39 0585 72355, email info@palazzocucchiari.it, sito web www.ilmarecarrara.it.

Immagine: Carlo Carrà, Marina (1940)

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraIl Mare: Mito Storia Natura. Arte italiana 1860 - 1940
CittàCarrara
SedePalazzo Cucchiari
DateDal 09/07/2022 al 30/10/2022
CuratoriMassimo Bertozzi
TemiNovecento, Ottocento

A Carrara una grande mostra sul mare, da Fattori a De Chirico
A Carrara una grande mostra sul mare, da Fattori a De Chirico


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE