A Genova i Musei di Strada Nuova dedicano un percorso speciale ai capolavori di Bernardo Strozzi


A Genova, i Musei di Strada Nuova propongono, dal 31 ottobre al 6 gennaio 2020, un nuovo percorso dedicato a Bernardo Strozzi.

A Genova, i Musei di Strada Nuova, in parallelo alla monografica su Bernardo Strozzi (Genova, 1581 - Venezia, 1644) in corso a Palazzo Nicolosio Lomellino, propongono un focus sui capolavori del “prete genovese” conservati nelle collezioni dei due musei civici genovesi, Palazzo Bianco e Palazzo Rosso (che compongono il nucleo dei Musei di Strada Nuova). I capolavori di Bernardo Strozzi dei Musei di Strada Nuova è un percorso dedicato che espone una selezione rappresentativa dei capolavori del pittore ligure che fanno parte delle raccolte comunali: tra questi, è possibile citare opere molto famose come la Cuoca, la Madonna con Bambino e san Giovannino, il Pifferaio, l’Incredulità di san Tommaso.

Il percorso è stato ideato da tre storici dell’arte di riferimento per le collezioni civiche (Raffaella Besta, Piero Boccardo e Margherita Priarone) e comprende dodici opere che rappresentano la maniera e le scelte tematiche dell’artista nel periodo in cui fu attivo a Genova (Strozzi, nel 1630, a causa di vicende giudiziarie a suo carico abbandonò per sempre la sua patria per recarsi a Venezia, da dove non si sarebbe più mosso). Gran parte dei dipinti di Bernardo Strozzi che si trovano nelle collezioni comunali proviene dalla grande quadreria della famiglia Brignole Sale, antica proprietaria di Palazzo Rosso, donato alla città di Genova nel 1874 assieme a tutte le opere in esso contenute.

Il nuovo itinerario di visita tra i capolavori strozziani, che i visitatori possono percorrere dal 31 ottobre 2019 fino al 6 gennaio 2020, include anche un’importante selezione di disegni dell’artista provenienti dal Gabinetto Disegni e Stampe di Palazzo Rosso: si tratta di carte preziose, normalmente conservate al riparo dalla luce nelle cassettiere della collezione di grafica del museo, che si espongono per l’occasione al pubblico, come si legge nella presentazione, per “svelare l’immediatezza del processo creativo del maestro, dal primo fresco abbozzo sul foglio all’idea compositiva di un dipinto o di un affresco”. Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito dei Musei di Genova.

Nella foto: Bernardo Strozzi, La cuoca (1625 circa; olio su tela, 176 x 185 cm; Genova, Palazzo Rosso)

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraI capolavori di Bernardo Strozzi dei Musei di Strada Nuova
CittàGenova
SedeMusei di Strada Nuova
DateDal 31/10/2019 al 06/01/2020
ArtistiBernardo Strozzi
TemiSeicento

A Genova i Musei di Strada Nuova dedicano un percorso speciale ai capolavori di Bernardo Strozzi
A Genova i Musei di Strada Nuova dedicano un percorso speciale ai capolavori di Bernardo Strozzi


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Liu Bolin, “l’uomo invisibile” dell'arte contemporanea è in mostra al Vittoriano
Liu Bolin, “l’uomo invisibile” dell'arte contemporanea è in mostra al Vittoriano
I dinosauri invadono la Fabbrica del Vapore di Milano, una mostra con ricostruzioni a grandezza naturale
I dinosauri invadono la Fabbrica del Vapore di Milano, una mostra con ricostruzioni a grandezza naturale
Art is for everyone: la personale di Romero Britto al Franciacorta Outlet Village
Art is for everyone: la personale di Romero Britto al Franciacorta Outlet Village
Le antidive protagoniste in una mostra al Centro Matteucci di Viareggio
Le antidive protagoniste in una mostra al Centro Matteucci di Viareggio
I luoghi ultimi di Andrea Chiesi, a Ravenna la produzione dell'artista dai primi anni Duemila a oggi
I luoghi ultimi di Andrea Chiesi, a Ravenna la produzione dell'artista dai primi anni Duemila a oggi

"Kandinskij, il cavaliere errante" al MUDEC di Milano