Ca' Pesaro dedica una mostra a Gino Rossi a 70 anni dalla sua scomparsa


Gino Rossi a Venezia. Dialogo tra le collezioni di Fondazione Cariverona e Ca’ Pesaro: una mostra omaggio a Gino Rossi allestita a Ca’ Pesaro di Venezia.

Nella suggestiva Ca’ Pesaro - Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Venezia è in corso fino al 20 maggio 2018 la mostra "Gino Rossi a Venezia. Dialogo tra le collezioni di Fondazione Cariverona e Ca’ Pesaro".

Gino Rossi (Venezia, 1884 – Treviso, 1947) è tra gli esponenti più significativi dell’avanguardia veneziana e Ca’ Pesaro gli dedica una rassegna a settant’anni dalla sua scomparsa.

L’esposizione, a cura di Luca Massimo Barbero ed Elisabetta Barisoni, che si snoda negli spazi espositivi del secondo piano del museo, presenta al pubblico alcuni capolavori dell’artista conservati nella collezione di Fondazione Cariverona posti in dialogo con le collezioni di Ca’ Pesaro stessa.

Tra le opere esposte, una selezione di ritratti, come Bruto (1913), che sottolinea la predilezione dell’artista nel raffigurare i poveri e gli emarginati; tale opera è posta a confronto con Buffone (1913-14), scultura di Arturo Martini.

Anche le donne ritratte da Gino Rossi sono popolane, spesso madri, vestite di scuro con abiti semplici, in totale contrapposizione con le donne sofisticate aristocratiche e borghesi: "Ritratto di Signora“ (1914) e ”Maternità“ (1913) sono contrapposti alla grande tela di Felice Casorati ”Le Signorine" (1912).

I suoi paesaggi rappresentati evidenziano un forte espressionismo e sono estremamente influenzati dai primi soggiorni in Bretagna: ne sono esempi "Douarnenez“ (1912) e ”Paesaggio nordico" (1911).

L’isola di Burano è soggetto prediletto, testimoniato in mostra da "Barene a Burano" (1912-13) e da altri due paesaggi buranesi degli stessi anni.

Sono esposti inoltre studi su carta e linoleumgrafie che testimoniano un avvicinamento allo studio della composizione, come "Studio per natura morta con violino e pipa" (1922). 

Chiude la mostra "Poemetto della sera" (1923), scena bucolica con animali al chiaro di luna.

Per informazioni: http://capesaro.visitmuve.it

Orari: Dalle 10 alle 18. Chiuso il lunedì.

Biglietti: Intero 10 euro, ridotto 7,50 euro per ragazzi da 6 a 14 anni; studenti da 15 ai 25 anni; accompagnatori (max. 2) di gruppi di ragazzi o studenti; cittadini over 65; personale del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT); titolari di Carta Rolling Venice; titolari di ISIC – International Student Identity Card; soci di TRA Treviso Ricerca Arte. Gratuito per residenti e nati nel Comune di Venezia; bambini da 0 a 5 anni; portatori di handicap con accompagnatore; guide turistiche abilitate e interpreti turistici che accompagnino gruppi o visitatori individuali, per ogni gruppo di almeno 15 persone, 1 ingresso gratuito (solo con prenotazione); docenti accompagnatori di gruppi scolastici, fino ad un massimo di 2 per gruppo; membri ICOM; titolari AMACI Card; partner ordinari MUVE; volontari del Servizio Civile; possessori MUVE Friend Card, Possessori di The Cultivist card (più tre accompagnatori); soci dell’associazione “Amici dei Musei e Monumenti Veneziani”; possessori di Art Pass Venice Foundation.

Immagine: Gino Rossi, Barene a Burano (1912-13; olio su cartone, 59,5 x 70,4 cm; Collezione Fondazione Cariverona) ©Archivio Fotografico Fondazione Cariverona - Saccomani, Verona

 

 

Ca' Pesaro dedica una mostra a Gino Rossi a 70 anni dalla sua scomparsa
Ca' Pesaro dedica una mostra a Gino Rossi a 70 anni dalla sua scomparsa


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma