L'Ospedale delle Bambole di Roma diventa protagonista di un progetto fotografico


Dal 18 febbraio al 26 marzo 2002, Crumb Gallery, a Firenze, ospita il progetto fotografico di Séléne de Condat, L’Hôpital des poupées: 25 scatti sull’Ospedale delle Bambole, piccola bottega artigiana nel cuore di Roma dove si riparano bambole.

Raccontano la vita e la storia dell’Hôpital des poupées, l’ospedale delle bambole di Roma, gli scatti di Sélène de Condat in mostra alla Crumb Gallery di Firenze. Al centro del lavoro dell’artista francese ci sono luoghi, personaggi, oggetti, frammenti di vita; c’è la ricerca del tempo che trasforma ogni cosa. Così come in altre esposizioni, al Museo delle Fogne di Parigi (2013), dove ha presentato gli ultimi fognaioli della capitale francese, oppure al Comune di Parigi (2016) con le immagini dei éboueurs, gli spazzini, della Municipalité, Sélène de Condat penetra nel vissuto delle città, dei luoghi, attraverso il racconto di mestieri antichi, umili e di chi li pratica.

Questa volta, nell’Hôpital des poupées, la fotografa ci narra la storia dell’Ospedale delle Bambole, una piccola bottega artigiana nel cuore di Roma, in via di Ripetta, vicino a Piazza del Popolo, che esiste dal 1939. Qui Federico Squatriti, erede dell’attività di famiglia, con il sapiente aiuto della madre Gelsomina, ultraottantenne, rimette in sesto bambole di qualsiasi epoca: antiche, di legno o di carta pesta, di pannolenci o di porcellana, soldatini di piombo e marionette. Un mestiere, anche questo, che si va perdendo e che, con un taglio dal gusto cinematografico, Sélène immortala per sempre. I clienti dell’Ospedale sono collezionisti che provengono da tutte le parti del mondo per restaurare e riportare a nuova vita questi fascinosi oggetti e come ogni paziente di un vero ospedale, ogni bambola viene dimessa con un referto diagnostico che indica le riparazioni subite e i consigli su come trattarla. E, per chi lo desidera, si può assistere, su appuntamento, a sedute di lavoro dimostrative. A Roma è conosciuto anche come “il negozio del terrore” per l’atmosfera un po’ inquietante della vetrina dove si affastellano teste, occhi, braccia e gambe di bambole ed è su questi particolari che si sofferma l’obbiettivo della de Condat, quasi le bambole fossero esseri umani.

“Queste bambole sorprese dalla macchina fotografica", scrive Marcelle Padovani nell’introduzione al catalogo, "hanno avuto una loro vita, una loro parte, una loro storia, e i loro desideri, ed eccole adesso handicappate, azzoppate, invecchiate, sciancate, e brutalmente confrontate all’idea della propria disgregazione, che non è altro che la morte. Come noi. Esattamente come noi.” L’artista ci sottopone, come sotto una lente d’ingrandimento, la polvere del tempo che si stratifica sulla superficie delle poupées, negli angoli della bottega che emana un ché di magico e sinistro allo stesso tempo e di cui non puoi che subirne il fascino. Il lavoro fotografico di Sélène de Condat oppone ombre e luci, sfumature e dettaglio, movimento e frammento dell’istante. Esteticamente, si iscrive nella percezione dell’attimo, tema caro al filosofo Gaston Bachelard: lo sguardo del fotografo rende eterno ciò che è destinato a divenire. Luoghi, personaggi, oggetti delle fotografie di Sélène de Condat sono immagini iconiche di frammenti di vita, di spazio e di tempo in cui sono frammischiati esperienza individuale e fondamenti dell’Umanità.

Ogni fotografia è intesa come un frammento della storia di uomini e di donne eternizzato dall’Ars fotografica. La scelta del bianco e nero, del dettaglio, della sfumatura traducono il bisogno estetico di costruire plasticamente i corpi, i monumenti, i luoghi, gli oggetti e gli istanti per conservarne la dimensione in divenire. Questa ricerca del tempo che trasforma ogni cosa si scorge mutatis mutandis pienamente nella scelta del chiaroscuro: linguaggio universale del tempo eterno, esso permette di rendere universali le emozioni, il lavoro, gli istanti della vita quotidiana e le tappe dell’esistenza.

Alla Crumb Gallery saranno esposte 25 opere fotografiche, di diverso formato, e la mostra sarà accompagnata da un catalogo, Collana NoLines, con testi di Rory Cappelli e della giornalista francese Marcelle Padovani, attiva dagli anni Settanta, che ha collaborato con Giovanni Falcone alla stesura del libro Cose di Cosa Nostra, pubblicato nel 1991 da Rizzoli.

CRUMB GALLERY Via San Gallo, 191 rosso | 50129 Firenze giovedì, venerdì e sabato: dalle 16.00 alle 19.00 gli atri giorni su appuntamento – tel. + 39 347 3681894

info: crumbgalleryfi@gmail.com www.crumbgallery.com

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraL’Hôpital des poupées
CittàFirenze
SedeCrumb Gallery
DateDal 18/02/2022 al 26/03/2022
ArtistiSélène de Condat
CuratoriMarcelle Padovani

L'Ospedale delle Bambole di Roma diventa protagonista di un progetto fotografico
L'Ospedale delle Bambole di Roma diventa protagonista di un progetto fotografico


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Il Campanile di Giotto e la Gioconda in stile LEGO: al via a Firenze una grande mostra sugli iconici mattoncini
Il Campanile di Giotto e la Gioconda in stile LEGO: al via a Firenze una grande mostra sugli iconici mattoncini
Uffizi, una mostra virtuale tra i gioielli dipinti nei capolavori d'arte
Uffizi, una mostra virtuale tra i gioielli dipinti nei capolavori d'arte
Il Crocifisso di Michelangelo Buonarroti messo a confronto con quello di Lorenzo Puglisi
Il Crocifisso di Michelangelo Buonarroti messo a confronto con quello di Lorenzo Puglisi
Palazzo Strozzi annuncia la mostra per la primavera 2021: arte americana dagli anni '60 ai Duemila
Palazzo Strozzi annuncia la mostra per la primavera 2021: arte americana dagli anni '60 ai Duemila
Corpo di donna. La prima mostra fiorentina di Letizia Battaglia
Corpo di donna. La prima mostra fiorentina di Letizia Battaglia
Firenze, doppia mostra alla Galleria Eduardo Secci: Marco Tirelli e Radu Oreian
Firenze, doppia mostra alla Galleria Eduardo Secci: Marco Tirelli e Radu Oreian