John Bock e i suoi universi surreali in mostra alla Fondazione Prada


The Next Quasi-Complex, la mostra dell’artista tedesco John Bock in arrivo alla Fondazione Prada. 

Gli spazi del Podium della Fondazione Prada ospiteranno dal 18 luglio al 24 settembre 2018 la mostra "The Next Quasi-Complex" dell’artista tedesco John Bock (Gribbohm, 1965).

Il piano terra del Podium diventerà un mondo surreale, un teatro dell’assurdo in cui umorismo nero, filosofia, economia, musica, moda e frammenti di vita quotidiana si intersercano.

Le performance di Bock, da lui denominate “lectures”, sono parodie di presentazioni accademiche in cui utilizza oggetti di uso quotidiano, materiali di scarto, mobili e altri elementi combinati per creare mondi assurdi.

Nell’esposizione ci saranno due grandi installazioni: il palco mobile di When I’m Looking into the Goat Cheese Baiser (2001) e il salotto di Lütte mit Rucola (2006). La prima è una scenografia mobile utilizzata dall’artista durante una delle sue performance, ovvero un assemblaggio di arredi scenici, mentre la seconda è il set del film in cui Bock ha recitato il ruolo di un pazzo omicida che fa a pezzi la sua vittima ancora viva.

Oltre a queste due installazioni, saranno presentate altre costruzioni surreali.

Per info: www.fondazioneprada.org

Orari: Lunedì, mercoledì, giovedì dalle 10 alle 19; venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 21. Chiuso il martedì

Immagine: John Bock, Lütte mit Rucola (2006) Photo: Jan Windszus © 2006 John Bock

John Bock e i suoi universi surreali in mostra alla Fondazione Prada
John Bock e i suoi universi surreali in mostra alla Fondazione Prada


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER