Alla Reggia di Venaria in mostra oltre duecento opere restaurate


La Reggia di Venaria ospita dal 28 marzo al 16 settembre 2018 oltre duecento opere restaurate grazie a Intesa Sanpaolo.

Alla Reggia di Venaria Reale saranno esposti dal 28 marzo al 16 settembre 2018, nell’ambito della XVIII edizione di Restituzioni, il programma di salvaguardia e valorizzazione condotto da quasi trent’anni da Intesa Sanpaolo, oltre duecento opere d’arte. 

Queste sono state restaurate tra il 2016 e il 2017 grazie al sostegno di Intesa Sanpaolo e provengono da 17 regioni italiane, eccetto una che proviene da Dresda.

Capolavori che vanno dall’antichità al contemporaneo: tra le opere esposte, la Madonna della Misericordia e angeli con Dio Padre del Maestro di Staffolo, il Ritratto di Caterina Balbi Durazzo di Van Dyck e il mosaico con raffigurazione di Nereide risalente alla seconda metà del I secolo a.C - inizio del II secolo d.C., oltre a opere di Tiziano e di Twombly.

La mostra "La fragilità della bellezza" è curata da Carlo Bertelli e Giorgio Bonsanti ed è organizzata da Intesa Sanpaolo in collaborazione con Consorzio Residenze Reali Sabaude.

Per info: www.lavenaria.it

Orari: Da martedì a venerdì dalle 9 alle 17; sabato, domenica e festivi dalle 9 alle 18.30. Chiuso il lunedì. Martedì 10 aprile fino alle 16.

Biglietti: Intero 10 euro, ridotto 8 euro per maggiori di 65 anni, ridotto 6 euro per ragazzi dai 6 ai 20 anni e universitari under 26. Gratuito per minori di 6 anni.

Ph.Credit

 

Alla Reggia di Venaria in mostra oltre duecento opere restaurate
Alla Reggia di Venaria in mostra oltre duecento opere restaurate


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER