A Milano arriva la prima mostra italiana della giapponese Leiko Ikemura


Si intitola “Prima del tuono, dopo il buio”, ed è la prima mostra personale in Italia della giapponese Leiko Ikemura, da anni residente in Europa, e importante protagonista dell’arte contemporanea tra Asia ed Europa. Si tiene alla galleria Building di Milano.

A Milano, presso gli spazi della galleria Building, arriva la prima personale italiana dell’artista giapponese, naturalizzata svizzera, Leiko Ikemura (Tsu, 1951): si intitola Prima del tuono, dopo il buio, è in programma dal 4 settembre al 23 dicembre 2021, ed è curata da Frank Boehm. La rassegna offre un’ampia panoramica sulla ricerca artistica di Ikemura, riunendo una selezione di 50 opere realizzate dagli anni Ottanta ad oggi. Il progetto espositivo, che si sviluppa su quattro piani, presenta alcune significative produzioni storiche accanto a lavori più recenti. Tra questi, una scultura in vetro, realizzata grazie alla collaborazione con alcune delle più importanti maestranze di Venezia.

L’opera di Leiko Ikemura si caratterizza per un linguaggio visivo complesso e altamente espressivo. Nei suoi lavori, all’inizio prevalentemente figurativi, poi sempre più tendenti verso l’astratto, l’artista si concentra sulla figura umana e sulla sua posizione all’interno del cosmo. Le figure femminili, tipiche della sua produzione, sono per lo più mostrate libere da qualsiasi ambiente spaziale, contestualizzate all’interno di paesaggi eterei, più emotivi che fisici. Queste figurazioni sono le protagoniste di una pittura senza tempo, espressione di una personale rappresentazione della condizione esistenziale contemporanea. Osservarle è un’esperienza intima, che trasmette un crescente desiderio inappagato di completezza.

L’universo espressivo di Leiko Ikemura spazia dal disegno all’acquerello, dalla pittura alla fotografia, fino alla scultura, realizzata in ceramica, terracotta, bronzo e, più recentemente, in vetro. Le singole opere presentano una grande autonomia ed intensità, riscontrabile anche nei formati dalle dimensioni più ridotte, ma dalla forte presenza. Attraverso le sale di Building, l’esposizione si sviluppa in gruppi tematici che ripercorrono lo svilupparsi del vocabolario visuale dell’artista, a partire dai disegni a carboncino di grande formato degli anni Ottanta, mostrati qui per la prima volta, passando attraverso le tonalità delicate e sfumate delle opere degli anni Novanta, fino ai colori intensi delle tele più recenti.

Ikemura, che oggi vive e lavora fra Berlino e Colonia, si è trasferita in Europa nel 1973, dove ha studiato arte all’Università di Siviglia. Per diversi anni ha vissuto in Svizzera, dove ha sviluppato i suoi disegni espressivi e dipinti di grande formato nei primi anni Ottanta. Ha ricevuto la borsa di studio per artisti “Stadtzeichnerin von Nürnberg” nel 1983 da Faber-Castell e dalla città di Norimberga. Nel 1985 si è trasferita prima a Colonia e poi a Berlino, dove è diventata professoressa alla Universität der Künste nel 1991. A metà degli anni Novanta è divenuta nota per le figure di ragazze rappresentate nei suoi dipinti, disegni e sculture. Negli ultimi decenni Leiko Ikemura si è concentrata sui paesaggi, monumentali e cosmici, che parlano del cambiamento come principio metafisico e che attingono da riferimenti culturali europei ma anche propri della sua terra natale, il Giappone. Nelle sue opere, fra i diversi temi che affronta, esprime la sua preoccupazione per il nostro pianeta: gli esseri umani e la natura si fondono, le sculture a forma di testa sono creature ibride con un volto umano e piccoli alberi al posto delle orecchie. Attualmente, presso il Sainsbury Center di Londra è in corso la mostra personale Leiko Ikemura: Usagi in Wonderland, visitabile fino a a dicembre 2021. Un’ampia retrospettiva le è stata dedicata nel 2019 presso il National Art Center di Tokyo e il Kunstmuseum di Basilea. Alcune fra le sue mostre personali più importanti sono: Leiko Ikemura. Poetics of Form presso il Nevada Museum of Art di Reno, 2016; Leiko Ikemura. All about Girls and Tigers, Museum für Ostasiatische Kunst di Colonia, 2015; Leiko Ikemura: Transfiguration, Museo Nazionale di Arte Moderna di Tokyo, 2011. I suoi lavori sono stati esposti in Europa, Stati Uniti, Asia e Australia.

Immagine: Leiko Ikemura, Standing in a Pink Skirt (1994; terracotta smaltata, 49,5 x 25 x 25 cm)

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraLeiko Ikemura. Prima del tuono, dopo il buio
CittàMilano
SedeBuilding
DateDal 04/09/2021 al 23/12/2021
ArtistiLeiko Ikemura
CuratoriFrank Boehm
TemiMilano, Arte contemporanea, galleria Building, Leiko Ikemura

A Milano arriva la prima mostra italiana della giapponese Leiko Ikemura
A Milano arriva la prima mostra italiana della giapponese Leiko Ikemura


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma