Da Isgrò a Cattelan, a Treviso una mostra sull'Europa nel tempo presente


Dal 15 ottobre all’11 dicembre 2022, tre musei a Treviso ospitano la mostra “L’Europa non cade dal cielo. Riflessioni attraverso l’arte contemporanea”, una riflessione sull’Europa nel presente con opere di grandi artisti contemporanei, da Emilio Isgrò a Maurizio Cattelan.

A Treviso, la Fondazione Imago Mundi, in collaborazione con il Comune di Treviso, presenta da sabato 15 ottobre a domenica 11 dicembre 2022 la mostra L’Europa non cade dal cielo. Riflessioni attraverso l’arte contemporanea, appuntamento espositivo che intende offrire una riflessione sul nostro continente nel tempo presente, le sue sfide e le sue opportunità. La mostra si sviluppa come itinerario all’interno della città di Treviso e coinvolge quattro sedi: le Gallerie delle Prigioni, Ca’ Scarpa, Casa Robegan e il Museo Luigi Bailo.

L’Europa non cade dal cielo presenta una selezione di lavori di venti artisti: Matthew Attard, Gabriele Basilico, Maurizio Cattelan, Jasmina Cibic, Braco Dimitrijević, Claire Fontaine, Olexa Furdiyak, Marco Godinho, Dan Halter, Emilio Isgrò, Yurii Ivantsyk, Annette Lemieux, Richard Mudariki, Arcangelo Sassolino, Santiago Sierra, Giulio Squillacciotti, Slavs and Tatars, Giuseppe Stampone, Paolo Ventura e Dominique White. Utilizzando diverse pratiche artistiche (dall’installazione alla pittura, dal suono alla fotografia fino al video), gli artisti in mostra invitano a considerare i temi dibattuti oggi in Europa.

A queste opere si affianca una selezione di oltre 40 raccolte di Imago Mundi Collection dedicate ai Paesi europei. Le opere in mostra, nel formato 10x12 cm, concorrono a esprimere la ricchezza variegata e affascinante della cultura visiva e concettuale del nostro continente, in un abbraccio che si estende dal Mediterraneo fino all’Artico.

Il titolo dell’esposizione si ispira a un testo di Altiero Spinelli, da molti considerato uno dei padri del federalismo europeo, che nei suoi scritti del secondo dopoguerra espone e anticipa alcuni dei temi all’epoca urgenti e oggi ancora attuali, come la creazione e lo sviluppo di una identità europea, la gestione delle fonti energetiche, il ruolo della diplomazia europea nello scacchiere internazionale e l’impegno per la pace. La mostra vuole contribuire a far riflettere sulle identità dell’Europa di oggi, anche in considerazione delle sfide che in questi ultimi anni ha affrontato: dai flussi migratori all’emergenza sanitaria, dalla crisi climatica alle vicende geopolitiche, fino ai recenti conflitti. Proprio per approfondire questa discussione, la mostra prevede anche un calendario di appuntamenti con giornalisti, studiosi e ricercatori, esperti di politica internazionale. A loro viene chiesto di aiutare a comprendere il significato di comunità, andando oltre i confini nazionali ed europei. Il primo incontro, dal titolo “Come la guerra cambia il mondo”, si tiene lunedì 17 ottobre alle 18 a Palazzo dei Trecento, Treviso, con Lucio Caracciolo, direttore di Limes.

Alle Gallerie delle Prigioni la riflessione è sull’identità culturale europea, con le collezioni Imago Mundi dedicate ai Paesi della regione orientale. Tutte le opere mostrano come l’Europa sia da sempre un crogiuolo di culture, lingue e tradizioni che convivono e al contempo creano dissonanze e conflitti quando realtà ibride diventano coabitazioni forzate.

A Ca’ Scarpa il focus è sul concetto di incontro tra culture diverse, tra Nord e Sud e trova espressione in Stadium, opera di Maurizio Cattelan, presentata qui dopo trent’anni dalla sua ultima esposizione in Italia: un calcio balilla lungo oltre 6 metri con 22 postazioni, 11 per parte, che si attiva con happening artistici in cui due squadre si affrontano. A completare il percorso espositivo, le collezioni Imago Mundi dedicate al Nord Europa.

A Casa Robegan l’attenzione si concentra sul Mediterraneo, con le collezioni Imago Mundi dei Paesi che vi si affacciano. Si propone qui una ricerca sui confini mentali e fisici che delimitano il continente europeo, con il mare che da sempre rappresenta una barriera che, se da un lato arresta il cammino, dall’altro apre nuovi orizzonti.

Il Museo Luigi Bailo accoglie infine la raccolta di Imago Mundi Collection dedicata all’Italia, che si affianca alla mostra in corso su Antonio Canova, in un ideale filo rosso che unisce l’arte neoclassica a quella contemporanea e celebra il genio artistico e la creatività del nostro Paese.

Immagine: Emilio Isgrò, Europe Q99 (Roma, Collezione Emiliano e Ottavia Cerasi)

Da Isgrò a Cattelan, a Treviso una mostra sull'Europa nel tempo presente
Da Isgrò a Cattelan, a Treviso una mostra sull'Europa nel tempo presente


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Prato, al Museo del Tessuto in mostra gli abiti e gli accessori della collezione Fineschi
Prato, al Museo del Tessuto in mostra gli abiti e gli accessori della collezione Fineschi
Bologna, alla Fondazione Cirulli in mostra le scenografie felliniane di Danilo Donati
Bologna, alla Fondazione Cirulli in mostra le scenografie felliniane di Danilo Donati
Il Mart di Rovereto dedica una grande mostra a Fortunato Depero con oltre 500 lavori
Il Mart di Rovereto dedica una grande mostra a Fortunato Depero con oltre 500 lavori
Da sessant'anni Villa Adriana è raccontata dal cinema. Una mostra indaga sul tema
Da sessant'anni Villa Adriana è raccontata dal cinema. Una mostra indaga sul tema
A Vicenza la mostra dedicata ad Antonio Pigafetta e alla prima circumnavigazione del mondo
A Vicenza la mostra dedicata ad Antonio Pigafetta e alla prima circumnavigazione del mondo
Come è stata raffigurata la dea Venere dall'antichità al Seicento? A Palazzo Te una mostra sul tema
Come è stata raffigurata la dea Venere dall'antichità al Seicento? A Palazzo Te una mostra sul tema