La Verità di Michelangelo Pistoletto: in Svizzera grande mostra dell'artista del Terzo Paradiso


Dal 30 maggio al 26 settembre 2021, il Museo Comunale d'Arte Moderna di Ascona ospita “La Verità di Michelangelo Pistoletto. Dallo Specchio al Terzo Paradiso”, la più grande mostra mai tenuta in Svizzera su Michelangelo Pistoletto.
La Verità di Michelangelo Pistoletto: in Svizzera grande mostra dell’artista del Terzo Paradiso Dal 30 maggio al 26 settembre 2021, il Museo Comunale d’Arte Moderna di Ascona ospita “La Verità di Michelangelo Pistoletto. Dallo Specchio al Terzo Paradiso”, la più grande mostra mai tenuta in Svizzera su Michelangelo Pistoletto.

Il Museo Comunale d’Arte Moderna di Ascona ospita, dal 30 maggio al 26 settembre 2021, una grande mostra su Michelangelo Pistoletto (Biella, 1933), intitolata La Verità di Michelangelo Pistoletto. Dallo Specchio al Terzo Paradiso: organizzata in collaborazione con Cittadellarte - Fondazione Pistoletto di Biella, è la più importante e completa personale dell’artista che si sia mai tenuta in Svizzera. Curata da Mara Folini e Alberto Fiz, la rassegna espone quaranta opere tra dipinti, quadri specchianti, installazioni, video e rare immagini d’archivio, dal 1958 al 2021, alcune iconiche come La Venere degli stracci, Metro cubo d’infinito o i Quadri specchianti, altre esposte solo in rare circostanze, come quelle a tema politico degli anni Sessanta, che fanno riferimento all’esperienza interdisciplinare dello Zoo. La mostra si completa al Museo Castello San Materno, dove i visitatori saranno accolti dallo stesso Pistoletto che, attraverso una videoproiezione interattiva, introduce i temi del Terzo Paradiso, una delle sue opere ambientali più emblematiche.

Il Terzo Paradiso, realizzato nel parco del Castello, utilizzando una novantina di piante, è un tema che Pistoletto ha affrontato spesso negli ultimi anni: è il simbolo matematico dell’infinito che accoglie al suo interno un terzo cerchio centrale, in una dinamica triadica che, sul piano concettuale, fa riferimento a tre momenti della storia dell’umanità (il primo è quello delle origini, in cui l’uomo era totalmente integrato nella Natura, il secondo è quello Artificiale, sviluppato dall’intelligenza umana, fino alle dimensioni globali raggiunte oggi con la scienza e la tecnologia, e il terzo è quello che si pone al centro degli altri due, come superamento dell’attuale conflitto tra natura e artificio, e che implica un nuovo modello di società ecosostenibile, profondamente democratica e inclusiva). Il Terzo Paradiso al Museo Castello San Materno, sarà animato per tutta l’estate, ovvero da giugno a settembre, da proposte a tema, realizzate da diversi enti culturali della regione del Locarnese.

Si è deciso di organizzare una mostra di Pistoletto ad Ascona in virtù della presenza a Monte Verità, punto d’incontro agli inizi del secolo scorso per artisti e intellettuali anticonformisti di tutta Europa, di un Terzo Paradiso realizzato con l’impiego di grandi sassi levigati dal tempo che verrà donato dall’artista e rivela la continuità tra il suo pensiero e questo luogo emblematico di Ascona.

Michelangelo Pistoletto, Venere degli stracci (1967 Cemento, smalto e stracci, 140 x 240 x 80 cm). Courtesy Galleria Continua, San Gimignano
Michelangelo Pistoletto, Venere degli stracci (1967 Cemento, smalto e stracci, 140 x 240 x 80 cm). Courtesy Galleria Continua, San Gimignano

Il percorso della mostra

Il percorso espositivo allestito sui due piani del Museo Comunale d’Arte Moderna di Ascona prende avvio con la sezione che documenta la nascita e l’evoluzione dei Quadri specchianti con sette lavori emblematici tra cui La folla (1958-1959) e Autoritratto oro (1960) che anticipano la rivoluzione di poco successiva. Se La Folla presenta una moltitudine anonima che emerge dal fondo del quadro, Autoritratto oro ha come riferimento il fondo oro ed esprime la necessità di liberare il vuoto che sta dietro la figura. Nel 1962 irrompono sulla scena i Quadri specchianti e in mostra si trova Bottiglia del 1963, uno dei primi esempi realizzato con questa tecnica, dove compare, senza enfasi, un elemento quotidiano nella parte bassa dello specchio. Un altro lavoro particolarmente significativo è Padre e madre del 1968, con i genitori di Pistoletto visti di schiena, nella stessa posizione dell’osservatore di fronte allo specchio. L’excursus, che comprende anche due specchi degli anni settanta, Donna nuda con guanti e Gabbia blu, viene completato da Autoritratto con quaderno Terzo Paradiso del 2017 che sembra dialogare con Autoritratto oro di quasi cinquant’anni prima.

La rassegna prosegue con una serie d’installazioni iconiche degli anni Sessanta tra cui il Labirinto, in cartone ondulato, del 1969 che invade completamente l’ambiente, al cui interno compare il Pozzo del 1965 che fa parte degli Oggetti in meno realizzato anch’esso con cartone ondulato e montato a forma circolare, mentre ai lati dello stesso s’incontrano due opere paradigmatiche nel rinnovato contesto linguistico espresso dall’Arte Povera, come la celeberrima Venere degli stracci del 1967 e il Muro di mattoni del 1968. Le installazioni si relazionano con Specchio diviso, 1973-1978. La seconda metà degli anni Sessanta è caratterizzata anche dalle azioni collettive e delle performance teatrali, che sono rievocate in maniera ampia e approfondita attraverso video e materiale fotografico. Tra questi, le immagini che descrivono l’esperienza dello “Zo”o, la compagnia creata da Pistoletto nel 1968 che propone azioni teatrali e performative in contesti estranei all’ufficialità.

Al centro del lungo corridoio, gli spettatori potranno divertirsi a spostare liberamente Sfera di giornali che ripropone un lavoro storico appartenente alla serie degli Oggetti in meno che già nel 1967 è stato utilizzato per un’azione compiuta in occasione della mostra collettiva Con-temp-l’azione. Il riciclo dell’informazione, la comunicazione fluida, la sovrapposizione delle notizie e il loro azzeramento, sono solo alcuni aspetti che rendono particolarmente attuale Sfera di giornali che, durante la mostra, dal museo si sposterà per le strade di Ascona in occasione di una performance destinata a coinvolgere gli abitanti del Borgo. Una intera sezione è dedicata a Segno Arte, altra fondamentale ricerca di Pistoletto, ovvero una figura, costituita dall’intersezione di due triangoli che inscrive idealmente un corpo umano con le braccia alzate e le gambe divaricate. Di questa forma, che corrisponde alla massima estensione del corpo, vengono proposte alcune opere in materiali diversi, come Porta-Segno Arte, Finestra-Segno Arte, Termosifone-Uomo-Segno Arte, Cassonetto-Segno Arte, Attraverso il Segno Arte.

Al secondo piano del Museo si trovano alcune installazioni recenti di particolare significato tra cui il Tempo del giudizio (2009), che rappresenta idealmente un tempio in cui le quattro grandi religioni (Cristianesimo, Buddismo, Islamismo, Ebraismo) sono indotte a riflettere su se stesse ponendosi di fronte allo specchio con al centro Metrocubo di Infinito (1966), un’opera costituita da superfici esternamente opache ma specchianti verso l’interno, facendo giungere al culmine le possibilità di rifrazione. La rassegna si chiude idealmente con Love Difference-Mar Mediterraneo, un grande tavolo specchiante a forma di bacino del Mediterraneo, circondato da sedie provenienti dai diversi paesi che si affacciano su questo mare. Love Difference, presentato nel 2003 alla Biennale di Venezia quando Pistoletto ha vinto il Leone d’Oro alla carriera, è un annuncio programmatico, un movimento che unisce l’universalità dell’arte all’idea di transnazionalità politica. Sempre nel 2003 l’artista scrive il manifesto del Terzo Paradiso e ne disegna il simbolo, costituito da una riconfigurazione del segno matematico d’infinito. Le grandi fotografie delle installazioni del Terzo Paradiso sulla Piramide del Louvre (2013), nelle acque di fronte a L’Avana (2014), nel Parco del Palazzo delle Nazioni a Ginevra (2015) o sul logo della missione della Stazione Spaziale Internazionale nel 2017, fanno da trait-d’union con le nuove installazioni del Terzo Paradiso che si possono ammirare al Monte Verità e al Museo Castello San Materno. Accompagna la mostra un catalogo bilingue (italiano-inglese) Edizioni Casagrande, con testi di Mara Folini, Alberto Fiz, Paolo Naldini, un intervento di Michelangelo Pistoletto e l’intervista a Pistoletto di Hans Ulrich Obrist.

Michelangelo Pistoletto, Autoritratto oro (1960; olio, acrilico e oro su tela, 200 x 150 cm). Foto D. Andreotti
Michelangelo Pistoletto, Autoritratto oro (1960; olio, acrilico e oro su tela, 200 x 150 cm). Foto D. Andreotti


Michelangelo Pistoletto, Il Terzo Paradiso (2014). Il 16 dicembre 2014 decine di pescherecci formano il simbolo del Terzo Paradiso nelle acque di fronte a L'Avana a Cuba. Evento a cura di Galleria Continua. Foto: Paola Martinez Fiterre & Alejandro Mesa Crespo
Michelangelo Pistoletto, Il Terzo Paradiso (2014). Il 16 dicembre 2014 decine di pescherecci formano il simbolo del Terzo Paradiso nelle acque di fronte a L’Avana a Cuba. Evento a cura di Galleria Continua. Foto: Paola Martinez Fiterre & Alejandro Mesa Crespo


Michelangelo Pistoletto ritratto con la sua opera Sfera di giornali (1966 - 2017; giornali pressati, 100 x 100 cm). Foto A. Lacirasella
Michelangelo Pistoletto ritratto con la sua opera Sfera di giornali (1966 - 2017; giornali pressati, 100 x 100 cm). Foto A. Lacirasella

Le dichiarazioni

“Guardando alla straordinaria opera di Michelangelo Pistoletto”, afferma Mara Folini, direttrice dei Musei Comunali d’Arte di Ascon, “nel contesto culturale del Locarnese, terra di anarchici e teosofi ancor prima dell’esperienza comunitaria di Monte Verità, è proprio il concetto di cambiamento, di ‘demopraxia’, che Pistoletto con Cittadellarte sta portando avanti in modo capillare nel mondo, promuovendo il concetto di Terzo Paradiso nei fatti, ad essere una pratica innovativa che fa la differenza, rispetto agli altrettanti edificanti propositi di altrettanti artisti impegnati. Mettere in piedi processi articolati di attivismo relazionale, pacifico e costruttivo, dal basso, è in altre parole ben diverso dal sogno romantico, visionario e utopico delle storiche comunità di artisti dei secoli scorsi, come quella di Monte Verità, che finivano per essere delle esperienze chiuse, delle “arcadie” di pochi eletti, scollegate dalle società. Mi auguro, così, che da questo progetto ambizioso che collega la storia locale all’oggi, ne possa uscire qualcosa di produttivo e stimolante anche per Ascona e la sua regione”.

“I temi sollevati da Michelangelo Pistoletto”, sottolinea Michela Ris, Capo Dicastero Cultura del Municipio di Ascona, “relativi alla salvaguardia del nostro pianeta, allo sviluppo sostenibile e all’inclusione democratica delle differenze, sono così attuali e urgenti, che mi auguro possano diventare argomenti di discussione in seno al Municipio di Ascona, come occasione di riflessione e di stimolo per incrementare progetti innovativi, sempre più vicini al benessere del cittadino. Incentivare una politica che guarda al verde e alla sostenibilità, come valori aggiunti di una cittadina come quella di Ascona, rinomata per essere stata terra di artisti visionari ante litteram ecologisti, significa valorizzare l’eredità di chi ci ha preceduti, rendendole giustizia nei fatti”.

“Quella di Ascona”, dichiara Alberto Fiz, “è una rassegna esaustiva che consente di analizzare in maniera approfondita l’intero iter creativo di Pistoletto, tra i maggiori protagonisti della ricerca artistica internazionale dagli anni sessanta a oggi. Pistoletto ha radicalmente trasformato il rapporto con l’opera d’arte che, grazie alla sua indagine, si pone come principio relazionale dove il significato non sta nella cosa in sé, bensì nel passaggio tra le cose. E tutto ciò in base ad una prospettiva multipla, dinamica ed espansiva che assorbe la dimensione temporale come accadimento che si modifica nel momento stesso in cui si produce”.

Informazioni pratiche

La mostra aprte dal martedì al venerdì dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 17, il sabato dalle 10 alle 17, la domenica e i festivi dalle 10 alle 16. Chiuso il lunedì. I biglietti: Museo Comunale d’Arte Moderna 15 franchi intero, 10 ridotto; Museo Castello San Materno 10 franchi intero, 7 ridotto. Il biglietto dà diritto alla visita del museo. È possibile anche acquistare un biglietto combinato: 17 franchi svizzeri l’intero, 12 il ridotto. Ingresso gratis per i ragazzi fino a 18 anni. Per info: telefono +41 (0)91 759 81 40, email museo@ascona.ch, sito web www.museoascona.ch.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraLa Verità di Michelangelo Pistoletto. Dallo Specchio al Terzo Paradiso
CittàAscona
SedeMuseo Comunale d’Arte Moderna di Ascona
DateDal 30/05/2021 al 26/09/2021
ArtistiMichelangelo Pistoletto
TemiMichelangelo Pistoletto, Ascona, Museo Comunale d’Arte Moderna di Ascona, Specchio, Terzo Paradiso

Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma