Roma, al Museo di Palazzo Braschi le foto di Luigi Spina in dialogo coi gessi di Tenerani


Dal 28 giugno al 12 novembre, il Museo di Roma a Palazzo Braschi accoglie la mostra “Vis-à-vis. Tenerani Spina. Dialogo in immagini”, che presenta 25 ritratti in gesso di Pietro Tenerani riletti dal fotografo Luigi Spina.

Dal 28 giugno al 12 novembre, il Museo di Roma a Palazzo Braschi accoglie la mostra Vis-à-vis. Tenerani Spina. Dialogo in immagini, che presenta venticinque ritratti in gesso di Pietro Tenerani (Carrara, 1789 – Roma, 1869), uno dei più significativi scultori dell’Ottocento, riletti dal fotografo Luigi Spina. Il dialogo intende far ammirare in maniera inedita le sculture di Tenerani, in molti casi mai esposte in precedenza, delle quali le fotografie di Spina (un dittico per ciascun ritratto) realizzate su pellicola in bianco e nero e stampate personalmente, mettono in luce dettagli che a volte possono sfuggire. La mostra è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Cultura, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali ed è curata da Fabio Benedettucci, con organizzazione di Zètema Progetto Cultura.

Un percorso tra scultura e fotografia che, oltre a porsi l’obiettivo di contribuire alla valorizzazione di uno dei più rilevanti nuclei del Museo di Roma, ovvero la gipsoteca di Tenerani, vuole anche offrire la possibilità di ammirare da vicino l’indagine fotografica di Luigi Spina, eseguita su ritratti di nobili, intellettuali, artisti e religiosi, tutti al centro della società romana di metà Ottocento, di cui Tenerani era esponente di primissimo piano. Uno spaccato che prenderà di nuovo vita, grazie all’indagine fotografica di Spina, autore di numerosi studi che hanno sempre lo stesso filo conduttore, ovvero la ricerca della bellezza e della perfezione, in tutti gli ambiti ma soprattutto nella scultura.

La gipsoteca di Tenerani in origine era collocata nella galleria progettata da Carlo, unico figlio maschio dello scultore, in via Nazionale. La collezione comprende modelli, bozzetti e studi, testimonianza dell’intera produzione artistica dello scultore, e va annoverata tra i maggiori esempi di raccolte di gessi dell’Ottocento insieme a quelle di Canova a Possagno e di Thorvaldsen a Copenaghen. Per valorizzare in maniera sempre maggiore la gipsoteca, una selezione della quale è già presente nel percorso del Museo, è nata la mostra Vis-à-vis.

Uno scultore scomparso nel 1869 e un fotografo nato praticamente un secolo dopo, nel 1966 sono i due artisti protagonisti di questa mostra, dai differenti mezzi espressivi e tra loro distanti nel tempo, accomunati dalla ricerca sulla figura umana: un dialogo tra uno scultore capace di rendere nel gesso i minimi dettagli di un volto e un fotografo in grado, attraverso la luce, di far emergere quei dettagli. Per una precisa scelta, tra i circa centocinquanta ritratti di Tenerani nelle collezioni del Museo di Roma, in mostra non si espongono quelli delle personalità più illustri come re, imperatori o pontefici: si è infatti preferito presentare una serie di ritratti che raccontano l’articolata società romana di metà Ottocento. Sono esponenti di famiglie nobili della città, committenti stranieri, uomini e donne, in abiti classici, moderni o a torso nudo, in busti o in forma di erma. Con molti di essi Tenerani fu in rapporto di amicizia; per altri, semplicemente, essere raffigurati da lui in un ritratto rappresentò il raggiungimento di un’elevata condizione sociale. Di molti degli effigiati, in mostra si narrano vicende personali, spesso attraverso testimonianze d’epoca.

Con i personaggi di Tenerani, Luigi Spina ha voluto stabilire un rapporto diretto, in un dialogo attraverso le immagini nel quale la luce diviene fonte espressiva e al tempo stesso strumento per la conoscenza delle opere, dal momento che nelle fotografie si colgono dettagli delle sculture spesso altrimenti difficilmente visibili. Le foto di Spina sono caratterizzate da un forte impatto tridimensionale, che accentua la componente emotiva di ogni personaggio.

Nelle sale del primo piano di Palazzo Braschi, i ritratti di Tenerani sono posti di fronte alle immagini di Luigi Spina, in un percorso nel quali vengono suddivisi per tematiche. In apertura della mostra, dopo un autoritratto del maestro carrarese, tre busti realizzati nel 1850, specchio della società intellettuale e artistica di quel preciso momento storico; ad essi segue una serie di ritratti di esponenti della nobiltà romana e internazionale, quindi tre busti destinati a monumenti funebri danno vita a un’ideale Spoon River figurata da Tenerani.

Dopo i busti degli statisti Charles Wentworth, australiano, e José Gutierrez de Estrada, messicano, esempi delle committenze giunte allo scultore anche da ambiti culturali distanti da quello europeo, viene presentato un gruppo di protagonisti dei salotti culturali italiani e internazionali di metà Ottocento, da Zenaide Wolkonsky a Carlotta Lenzoni a Leonilla Bariatinsky, unica tra i personaggi in mostra ad aver conosciuto il XX secolo.

A conclusione del percorso, un nucleo di ritratti realizzati in quasi mezzo secolo di attività, per far cogliere al visitatore le differenti anime del maestro toscano, che Luigi Spina, con la sensibilità che da oltre un ventennio ne caratterizza la produzione artistica, è riuscito a riportare alla luce. Per tutte le informazioni è possibile visitare il sito del museo.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraVis--vis. Tenerani Spina. Dialogo in immagini
CittàRoma
SedeMuseo di Roma
DateDal 28/06/2023 al 12/11/2023
ArtistiLuigi Spina, Pietro Tenerani
CuratoriFabio Benedettucci
TemiOttocento, Fotografia

Roma, al Museo di Palazzo Braschi le foto di Luigi Spina in dialogo coi gessi di Tenerani
Roma, al Museo di Palazzo Braschi le foto di Luigi Spina in dialogo coi gessi di Tenerani


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Venezia, al Museo d'Arte Orientale le antichissime ceramiche cinesi delle fornaci di Yaozhou
Venezia, al Museo d'Arte Orientale le antichissime ceramiche cinesi delle fornaci di Yaozhou
MAR Aosta, per la prima volta in Italia una mostra sull'Espressionismo svizzero
MAR Aosta, per la prima volta in Italia una mostra sull'Espressionismo svizzero
Torino, alla Reggia di Venaria la mostra degli arazzi alla corte dei papi
Torino, alla Reggia di Venaria la mostra degli arazzi alla corte dei papi
Alla Galleria Bianconi la doppia personale di Szilvia Bolla e Gioia Di Girolamo sulla corporeit femminile
Alla Galleria Bianconi la doppia personale di Szilvia Bolla e Gioia Di Girolamo sulla corporeit femminile
Ferrara dedica una mostra a Piero Guccione, il pittore del mare
Ferrara dedica una mostra a Piero Guccione, il pittore del mare
Venezia, riapre al pubblico la Stanza Duse e ospita una prima mostra dedicata alla famosa attrice
Venezia, riapre al pubblico la Stanza Duse e ospita una prima mostra dedicata alla famosa attrice



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020