Roma, al Museo Bilotti artisti contemporanei si confrontano con la carta coreana Hanji


Il Museo Carlo Bilotti a Roma ospita fino al 27 febbraio 2022 la mostra Carta coreana - Hanji: cinquanta artisti contemporanei si sono confrontati con la carta dei mille anni.  

Fino al 27 febbraio 2022 il Museo Carlo Bilotti di Villa Borghese a Roma ospita la mostra Carta coreana - Hanji, realizzata dall’Accademia di Belle Arti di Roma in collaborazione con l’Istituto Culturale Coreano e promossa da Roma Culture, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Il progetto espositivo è a cura di Maria Rosaria Carbone, Flavia Coccioletti, Joelle Cotza, Rebecca De Carli, Tania Federico, Serena Fioravanti, Alessandra Gabriele, Francesco Giovanetti, Martina Macchia, Andrea Masucci, Giorgia Mele, Marianna Pontillo, Danio Ruffini, Valeria Tomaselli.

In occasione della rassegna, cinquanta artisti hanno realizzato opere d’arte contemporanea, tra pittura, disegno, scultura, fotografia e installazioni multimediali, utilizzando la carta coreana Hanji, detta anche “carta dei mille anni” per la sua grande resistenza. Agli artisti invitati, sia giovani che con riconosciuta esperienza a livello internazionale, è stato chiesto di partecipare alla realizzazione manuale della carta presso il laboratorio dell’Accademia di Belle Arti di Roma, l’unico in Europa ad essersi specializzato nella produzione della Carta coreana tradizionale. Tra gli artisti, Riccardo Ajossa, Sonia Andresano, Simone Bacco, Cho Byung-guk, Park Chul, Adelaide Cioni, Iginio De Luca, Iulia Ghita, Matilde Guarnieri, Lee Gun-Hee, Olivia Magnani, Elena Nonnis, Marina Paris, Moon Yeon-Hee.

Le opere italiane dialogano con quelle coreane e in una sezione dedicata sono esposti oggetti e manufatti che raccontano l’uso multidisciplinare che di questa carta si fa in Corea. 

“L’Hanji è soprattutto conosciuta per il restauro di libri antichi grazie all’eccezionale capacità di durare oltre mille anni se conservata in modo appropriato”, ha spiegato Choong Suk Oh, direttore dell’Istituto Culturale Coreano. “In Corea è però utilizzata in maniera molto versatile sia per la produzione di oggetti della quotidianità, ma anche in opere artistiche sia tradizionale che contemporanee ed è quest’ultimo aspetto che volevamo esplorare con l’Accademia di Belle Arti di Roma”. 

“Obiettivo di questa mostra è di portare la carta Hanji nel mondo della ricerca sul contemporaneo più avanzata, grazie al contributo degli artisti e delle opere realizzate con questo materiale”, ha dichiarato Cecilia Casorati, direttrice dell’Accademia di Belle Arti di Roma. 

Per info: www.museocarlobilotti.it

Orari: Da martedì a venerdì dalle 10 alle 16; sabato e domenica dalle 10 alle 19. Ingresso gratuito.

Immagine: Riccardo Ajossa, Gradazioni di sambuco di fine estate 1 (carta Hanji tinta con colori naturali, 107 x 82 cm)

Roma, al Museo Bilotti artisti contemporanei si confrontano con la carta coreana Hanji
Roma, al Museo Bilotti artisti contemporanei si confrontano con la carta coreana Hanji


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


A Genova una grande retrospettiva su Tomas Rajlich e l'astrattismo in Italia
A Genova una grande retrospettiva su Tomas Rajlich e l'astrattismo in Italia
A Milano in mostra le opere di Giuseppe Uncini sul tema delle ombre
A Milano in mostra le opere di Giuseppe Uncini sul tema delle ombre
Da Yves Klein a Wolfgang Tillmans, a Bergamo una mostra sulle trasformazioni della materia
Da Yves Klein a Wolfgang Tillmans, a Bergamo una mostra sulle trasformazioni della materia
La Triennale di Milano sbarca a New York: al MoMA la sua mostra “Broken Nature”
La Triennale di Milano sbarca a New York: al MoMA la sua mostra “Broken Nature”
A Seravezza la prima personale italiana di Rachel Lee Hovnanian
A Seravezza la prima personale italiana di Rachel Lee Hovnanian
Mantova, a Palazzo Ducale la prima retrospettiva su Claudio Olivieri dopo la scomparsa
Mantova, a Palazzo Ducale la prima retrospettiva su Claudio Olivieri dopo la scomparsa