Al Museo Egizio di Torino, visita guidata su Tebe capitale d'Egitto


Sabato 16 settembre il Museo Egizio di Torino organizzerà una visita guidata sul tema ’Tebe Capitale d’Egitto’.

Sabato 16 Settembre, il Museo egizio di Torino organizzerà la visita guidata “Tebe capitale d’Egitto” che porterà i visitatori alla scoperta della fase storica nota come Primo Periodo Intermedio, durante la quale ci fu una forte frammentazione politica, fino a quando non salì al potere una dinastia originaria di Tebe (che oggi si chiama Luxor).

Durante questo periodo, infatti, vide la decadenza del regno faraonico ed un crescente potere dei governatori delle province. Ci fu una breve rinascita dei faraoni con la dinastia di Akhtoy, che impose Eracleopoli come capitale d’Egitto, finchè una famiglia di principi guerrieri originaria di Tebe, il cui membro più famoso fu Menthotpe I, non crebbe d’importanza politica scatenando una guerra civile tra le due città che finì con la vittoria di Tebe, il cui governatore riunì i due regni.

Questo periodo storico diede vita ad una nuova cultura, una nuova società e ad una nuova politica nell’antico Egitto.

La visita durerà un’ora a partire dalle ore 15 (prezzo al pubblico 5 €, escluso biglietto d’ingresso al museo) e porterà i visitatori in una ricostruzione del villaggio di Deir el-Medina, alla scoperta degli aspetti più affascinanti della società, dell’economia della religione e del lavoro nel corso del Nuovo Regno.

Photo credit Wikipedia

Al Museo Egizio di Torino, visita guidata su Tebe capitale d'Egitto
Al Museo Egizio di Torino, visita guidata su Tebe capitale d'Egitto


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER