Padova, Palazzo Zuckermann ospita una mostra dedicata all'arte del territorio tra gli anni Venti e Trenta


Dal 25 gennaio al 13 aprile il Palazzo Zuckermann di Padova ospita la mostra Novecento al Museo. Dipinti e sculture tra le due guerre dalle collezioni civiche che espone una selezione di dipinti e sculture degli anni Venti e Trenta del Novecento, conservati presso il Museo d’Arte Medioevale e Moderna di Padova e non ancora esposti in modo permanente.

Promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova e curata da Elisabetta Gastaldi, conservatrice del Museo d’Arte Medioevale e Moderna, la mostra si impegna a dare visibilità ad opere di meritevole interesse in attesa dell’allestimento della sezione dell’Otto-Novecento del Museo. Si tratta di una testimonianza del ricco e variegato tessuto artistico della realtà veneta nel periodo tra le due guerre e del costante arricchimento delle civiche raccolte.

Parliamo di opere realizzate da Giuliano Tommasi a Giovanni Dandolo, da Antonio Morato ad Antonio Fasan, da Fulvio Pendini a Tono Zancanaro, da Servilio Rizzato a Paolo Boldrin e a Luigi Strazzabosco. A questi si aggiunge anche il pittore Ubaldo Oppi che, fra il 1930 e il 1931, realizzò gli affreschi per la cappella di San Francesco nella Basilica del Santo.

Per tutte le informazioni potete visitare il sito http://padovacultura.padovanet.it/.

Padova, Palazzo Zuckermann ospita una mostra dedicata all'arte del territorio tra gli anni Venti e Trenta
Padova, Palazzo Zuckermann ospita una mostra dedicata all'arte del territorio tra gli anni Venti e Trenta


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER