Con la riapertura dei musei, apre anche la grande mostra su De Chirico a Pisa


Riaprono i musei in zona gialla e dunque l'attesissima mostra su De Chirico a Pisa può cominciare ad accogliere il pubblico.

La riapertura dei musei in zona gialla dà il via anche alla grande mostra su Giorgio De Chirico a Pisa, a Palazzo Blu: la rassegna doveva aprire lo scorso 7 novembre ma non è stato possibile a causa delle disposizioni che hanno imposto la serrata della cultura ovunque. Organizzata da Fondazione Pisa con MondoMostre e curata da Saretto Cincinelli e Lorenzo Canova, la mostra apre al pubblico e presenta le opere di tutta la carriera dell’artista, in un percorso cronologico dal primo Novecento, agli anni della grande pittura Metafisica, fino all’ultima luminosa fase neometafisica. Uno degli elementi principali del progetto è la scoperta della collezione personale dell’artista, dei “de Chirico di de Chirico” che sono il fulcro di questa mostra, composta soprattutto da un grande numero di opere provenienti da La Galleria Nazionale di Roma (donate nel 1987 dalla moglie del pittore, Isabella) e dalla Fondazione Giorgio e Isa de Chirico (a questo link un’ulteriore presentazione).

L’attesa mostra antologica apre al pubblico nel pieno rispetto delle misure di sicurezza: contingentamento, distanziamento e prenotazione. Assieme alla mostra su De Chirico, inoltre, riapre anche la Mostra Permanente di Palazzo Blu con la rassegna fotografica Pisa, Ultimo Novecento che racconta la storia di Pisa degli ultimi trent’anni del secolo scorso, attraverso le immagini tratte dall’archivio Luciano Frassi. In quegli anni Pisa vive una stagione intensa, ricca di eventi che hanno un’eco che si allarga nel mondo, documentati dalle foto in mostra, come l’allarme per la stabilità della Torre Pendente e l’avvio dei lavori che si concluderanno con il suo consolidamento. Resta memorabile anche la straordinaria avventura del Pisa di Romeo Anconetani che vide i colori nerazzurri comparire da protagonisti sulla scena del grande calcio italiano ed a cui è dedicata un’ampia galleria di immagini che occupa un’intera stanza. È poi in quel periodo, nel giugno del 1989, che Pisa si arricchisce di una grande opera di arte contemporanea, la più importante fra quelle realizzate in città nel XX secolo, destinata ad assumere una fama internazionale: il murale di Keith Haring intitolato Tuttomondo.

“Fondazione Pisa”, si legge in una nota, “è lieta di poter riprendere le attività e di poter accogliere i visitatori nelle sale di Palazzo Blu, rimettendo l’arte e la bellezza al servizio della società e del suo sviluppo, missione di ogni spazio per la cultura”. Il palazzo, nel rispetto delle norme stabilite dal dpcm del 14 gennaio, è aperto dal lunedì al venerdì, con orario 10 – 20. Per info visitare il sito palazzoblu.it.

Immagine: Giorgio De Chirico, Le muse inquietanti, dettaglio (1925 [1947]; olio su tela, 97 x 67 cm; Roma, Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea) © Giorgio De Chirico by SIAE 2020

Con la riapertura dei musei, apre anche la grande mostra su De Chirico a Pisa
Con la riapertura dei musei, apre anche la grande mostra su De Chirico a Pisa


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma