Roma, prorogata la mostra di Jim Dine fino al 26 luglio


Il Palazzo delle Esposizioni ha riaperto la mostra dedicata a Jim Dine (Cincinnati, 1935), uno dei maggiori artisti della scena statunitense contemporanea, con proroga fino al 26 luglio.

Lo stesso artista,  il cui lavoro ha avuto un grande impatto sulla cultura visiva contemporanea, in particolare su quella italiana degli anni Sessanta, ha realizzato la mostra a cura di Daniela Lancioni esponendo oltre 60 opere, datate dal 1959 al 2016, provenienti da collezioni pubbliche e private, europee e americane. Un esaustivo apparato iconografico restituisce la memoria visiva dei celebri happening, raccontati in mostra dalla voce dello stesso Jim Dine, e una selezione di video interviste, permette di familiarizzare con la figura dell’artista.

Per saperne di più, vi rimandiamo alla nostra precedente news.

Nell’immagine: Jim Dine, Putney Winter Heart (Crazy Leon) (1971-1972; Saint-Étienne, Musée d’art moderne et contemporain de Saint-Étienne Métropole) ©Y. Bresson/MAMC+

Roma, prorogata la mostra di Jim Dine fino al 26 luglio
Roma, prorogata la mostra di Jim Dine fino al 26 luglio


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

NEWSLETTER