Roma, a Villa Torlonia le opere scultoree di Francesco Messina


Dal 14 aprile al 4 settembre, Villa Torlonia a Roma ospita una ricca selezione di opere di Francesco Messina, per una mostra che vuole presentare al pubblico l’opera di uno dei maggiori scultori italiani del Novecento.

Villa Torlonia a Roma presenta, fino al 4 settembre, la mostra Francesco Messina. Novecento Contemporaneo, una ricca selezione di bronzi, terrecotte e gessi raffigura la vitale attualità dell’arte del maestro tra tradizione e modernità. La mostra propone al pubblico l’attività di Francesco Messina (Linguaglossa, 1900 - Milano, 1995) e dello Studio Museo milanese che porta il suo nome rappresentando sia il rapporto con la tradizione – classica, rinascimentale e ottocentesca – sia il dialogo con la contemporaneità, restituendo quindi l’ancora vitale e stimolante attualità del lavoro dello scultore e il senso profondo dell’attività di valorizzazione che lo Studio Museo Francesco Messina ha condotto a partire dal 2014, in primo luogo, grazie all’attività espositiva.

Francesco Messina, siciliano di nascita, ma milanese di adozione, delinea fin dall’inizio del proprio percorso artistico un preciso orientamento verso la grande tradizione artistica della scultura di figura, con l’uso di tecniche e materiali classici – il bronzo, il marmo, la cera, la terracotta, il gesso – intercettando il gusto di un pubblico distante dalle sperimentazioni più ardite, che lo segue anche sui più noti rotocalchi italiani del secondo dopoguerra. Nonostante il riferimento costante alla tradizione dell’intera produzione dell’artista, la mostra Francesco Messina. Novecento Contemporaneo non restituisce il profilo di uno scultore arroccato in un sentimento di nostalgia verso un passato remoto da cui trarre suggestioni e contaminazioni, ma viceversa ricostruisce una personalità dinamica che, in ogni stagione, ha saputo maturare un nuovo approccio alla tradizione, di volta in volta rielaborata e adeguata al linguaggio del proprio tempo, e che ha dimostrato, nella sua produzione, di saper precorrere ricerche poi sviluppatesi in epoche più recenti.

La mostra vuoleessere considerata un banco di prova per verificare questa specifica vocazione dell’artista ovvero la sua appartenenza a un tempo senza tempo, quale depositario consapevole dell’antico mestiere del fare scultura. A questo scopo, trovano collocazione nelle sale del Casino dei Principi 81 opere (soprattutto bronzi, terrecotte e gessi) che appartengono alla collezione permanente dello Studio Museo Francesco Messina e opere di quindici artisti contemporanei (cyop&kaf, Vanni Cuoghi, Salvatore Cuschera, Giovanna Giachetti, Alberto Gianfreda, Andi Kacziba, Giulia Manfredi, Francesco Merletti, Daniele Nitti Sotres, Francesca Piovesan, Nada Pivetta, Dominique Robin, Daniele Salvalai, Elisabeth Scherfigg, Andreas Senoner), che si confrontano con le sculture di Francesco Messina e che illustrano, per tappe significative, la linea programmatica e l’attività di valorizzazione condotte dallo Studio Museo negli ultimi anni.

La collezione permanente – selezionata, nel suo nucleo principale, dallo stesso Messina alla metà degli anni Settanta, al momento della nascita dello Studio Museo – riassume la produzione dell’artista in modo articolato, abbracciando un arco cronologico che, dagli anni Trenta, giunge fino ai primi anni Ottanta del secolo scorso.

Di questo nucleo fanno parte opere emblematiche che sono esposte a Villa Torlonia: le fusioni dagli originali che, negli anni Trenta, furono selezionate dalla Biennale di Venezia per rappresentare l’Italia nelle mostre all’estero organizzate da Antonio Maraini (come Bambino al mare, 1935); i ritratti che restituiscono il clima culturale degli anni compresi tra le due guerre (come il Ritratto di Salvatore Quasimodo, 1937); i bozzetti per importanti commissioni monumentali (la serie dei cavalli che precede la realizzazione del Cavallo della RAI del 1966, i bozzetti per il Monumento a Pio XII in San Pietro); le sculture femminili in terracotta e in gesso policromo degli anni Settanta.

L’esposizione romana si articola in sezioni che ruotano attorno ai temi principali della ricerca di Messina: il ritratto tra archeologia e contemporaneità, l’approccio alla tradizione con uno sguardo moderno, l’indagine anatomica, il colore, la scultura monumentale. Il percorso è arricchito da due video-interviste del 1973 che mostrano Francesco Messina all’interno dello Studio Museo (Io e… di Anna Zanoli, in cui lo scultore racconta il suo rapporto con la Pietà Rondanini di Michelangelo e Incontri – Fatti e personaggi del nostro tempo in cui Messina, intervistato da Franco Russoli, realizza un bozzetto in creta).

A cura di Maria Fratelli, Chiara Fabi e Chiara Battezzati, è promossa da Roma Culture, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali in collaborazione con il Comune di Milano e lo Studio Museo Francesco Messina.

Per tutte le informazioni, potete visitare il sito ufficiale di Villa Torlonia.

Foto di Alberto Lagomaggiore

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraFrancesco Messina. Novecento Contemporaneo
CittàRoma
SedeVilla Torlonia
DateDal 14/04/2022 al 04/09/2022
ArtistiFrancesco Messina
CuratoriMaria Fratelli, Chiara Fabi, Chiara Battezzati
TemiNovecento, Arte contemporanea, Scultura

Roma, a Villa Torlonia le opere scultoree di Francesco Messina
Roma, a Villa Torlonia le opere scultoree di Francesco Messina


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Milano, una grande mostra sulle artiste di '500 e '600: 34 donne, da Artemisia a Fede Galizia
Milano, una grande mostra sulle artiste di '500 e '600: 34 donne, da Artemisia a Fede Galizia
Monasteri e carceri: similitudini tra questi due mondi nelle fotografie di Eliana Gagliardoni
Monasteri e carceri: similitudini tra questi due mondi nelle fotografie di Eliana Gagliardoni
Una grande mostra sui Macchiaioli con 80 opere in arrivo in Val d'Aosta
Una grande mostra sui Macchiaioli con 80 opere in arrivo in Val d'Aosta
Treviso, via a una trilogia di mostre sul contributo del Veneto all'arte del '900
Treviso, via a una trilogia di mostre sul contributo del Veneto all'arte del '900
Al MA*GA di Gallarate la personale di Chiara Dynys, Melancholia
Al MA*GA di Gallarate la personale di Chiara Dynys, Melancholia
Leonardo da Vinci fu anche ingegnere militare: a Bologna una mostra approfondisce questo aspetto
Leonardo da Vinci fu anche ingegnere militare: a Bologna una mostra approfondisce questo aspetto