Il metodo Montessori e l'arte di Bruno Munari in una mostra sul tatto


La Mole Vanvitelliana di Ancona presenta dal 10 novembre 2019 la mostra Toccare la bellezza. Maria Montessori Bruno Munari. 

Presso la settecentesca Mole Vanvitelliana di Ancona si terrà dal 10 novembre 2019 all’8 marzo 2020 la mostra Toccare la bellezza. Maria Montessori Bruno Munari.

Attraverso due protagonisti della cultura italiana moderna, per la prima volta insieme, si cercherà di dare risposta a questioni su cui entrambi si sono interrogati: è possibile percepire, riconoscere e apprezzare la bellezza anche tramite il tatto? se si volesse promuovere questa consapevolezza estetica presso chiunque voglia sperimentare tale possibilità, quali strategie si potrebbero porre in essere?

L’esposizione intende infatti proporre una riflessione sul pensiero e i materiali di Maria Montessori e sulle idee e i lavori originali di Bruno Munari.

Filo conduttore della mostra sarà il tatto, a cui sono ispirati i nuclei tematici che costituiscono il percorso espositivo: le forme, i materiali, manipolare e costruire, alfabeti e narrazioni tattili. Obiettivo è dunque promuovere una significativa esperienza della tattilità dal punto di vista artistico ed estetico.

Saranno esposte oltre cento opere dell’artista e designer Bruno Munari e lavori editoriali che documentano il suo percorso creativo, a partire dagli anni Quaranta del Novecento; la sua arte è sempre stata caratterizzata dalla multisensorialità e dall’utilizzo di una grande quantità e varietà di materiali naturali e industriali a fini pedagogici. 

Di Maria Montessori saranno presentati sia il modello educativo che i vari materiali, soprattutto quelli relativi all’educazione sensoriale e della mano, da lei considerata “l’organo dell’intelligenza”. La mostra è occasione anche per celebrare i 150 anni dalla nascita di Maria Montessori. 

Il percorso sarà arricchito da approfondimenti, ambienti e stanze interattive, tra cui Il bosco tattile ideato da Munari.

La rassegna è promossa e organizzata dal Museo Tattile Statale Omero e dal Comune di Ancona, in collaborazione con la Fondazione Chiaravalle Montessori e l’Associazione Bruno Munari

Per info: www.museoomero.it

Orari: Giovedì e venerdì dalle 16 alle 19; sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 19. 

Biglietti: Intero 5 euro. Gratuito per minori di 18 anni. 

Immagine: Bruno Munari, Tavola tattile n.32 (1991) 

Informazioni sulla mostra

Titolo mostra Toccare la bellezza. Maria Montessori Bruno Munari
CittàAncona
SedeMole Vanvitelliana
DateDal 10/11/2019 al 08/03/2020
ArtistiBruno Munari
TemiNovecento

Il metodo Montessori e l'arte di Bruno Munari in una mostra sul tatto
Il metodo Montessori e l'arte di Bruno Munari in una mostra sul tatto


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Una grande mostra per celebrare Armando Testa, la sua arte e i suoi personaggi
Una grande mostra per celebrare Armando Testa, la sua arte e i suoi personaggi
L'astrazione geometrica in Italia tra il 1930 e il 1965: una mostra al MA*GA di Gallarate
L'astrazione geometrica in Italia tra il 1930 e il 1965: una mostra al MA*GA di Gallarate
Milano, Yoje Dondich dal Messico in Italia per la mostra “La sinestesia delle forme”
Milano, Yoje Dondich dal Messico in Italia per la mostra “La sinestesia delle forme”
I Musei Reali di Torino dedicano una mostra al capostipite della pittura estone moderna, Konrad Mägi
I Musei Reali di Torino dedicano una mostra al capostipite della pittura estone moderna, Konrad Mägi
Picasso, il cartone di Guernica al Museo Magi '900
Picasso, il cartone di Guernica al Museo Magi '900
La Val d'Aosta scolpita e fotografata. Le opere di Stefano Venturini e Ladislao Mastella in mostra
La Val d'Aosta scolpita e fotografata. Le opere di Stefano Venturini e Ladislao Mastella in mostra