Bergamo, le opere di Ugo La Pietra in una mostra all'Accademia Carrara


Dal 27 ottobre 2019 al 6 gennaio 2020, l’Accademia Carrara di Bergamo ospita una mostra dedicata a Ugo La Pietra (Bussi sul Tirino, 1938): intitolata Ugo La Pietra. Opere, installazioni, film d’artista, la rassegna, in un dialogo aperto tra arte antica e contemporanea, tra diversi mezzi di espressione, tra riflessioni su spazio e funzione, offre al pubblico non solo la possibilità di approfondire la figura dell’artista, ma anche quella di rileggere la grande collezione Carrara. Un percorso composto da quattro installazioni, tre lavori storici e un inedito realizzato specificatamente per l’esposizione bergamasca e in riferimento diretto con Madonna con il Bambino di Jacopo di Antonello. Completa il progetto la sezione presso GAMeC, una rassegna di tre film e due progetti speciali di cui I propri itinerari. Ci sono tante Bergamo quanti sono gli abitanti di Bergamo, installazione audiovisiva interattiva, è specificatamente dedicata alla cittadinanza.

In Accademia Carrara, al primo piano, nelle sale dedicate ai capolavori dell’arte italiana e internazionale del Trecento e Quattrocento, La Pietra presenta quattro installazioni che si relazionano in modo diretto agli spazi e alle opere del museo, utilizzando diversi mezzi espressivi: dal disegno alla ceramica al vetro. Segnali naturali (2019), una colonna in ceramica, contenitore in vetro soffiato, ciliegie in vetro soffiato di Murano, è un’esplicita citazione della Madonna con il Bambino di Jacopo di Antonello datata al 1480; L’ultima cena (2017) si compone di dodici piatti in ceramica ingobbiata e incisa a mano dall’autore e dodici provette in vetro trasparente dipinto, su una struttura a cavalletto in legno; Libri aperti. Inferno, Purgatorio, Paradiso (2018) è invece un’installazione realizzata con tre libri in ceramica ingobbiata e incisa e disegni su struttura a cavalletti in legno, che cita il San Gerolamo di Bartolomeo Montagna; infine, Libri aperti (2004-2008) è un insieme di libri in ceramica ingobbiata e incisa su cavalletti in metallo.

Presso la GAMeC, come anticipato, il pubblico troverà una rassegna di film, con la collaborazione dell’Archivio Storico della Cineteca Italiana, che in diversi modi e luoghi (periferie urbane, stazione centrale, attrezzature urbane di Milano e altro) riportano un’esplicita indicazione dello slogan che per anni ha photo Aurelia Raffo caratterizzato buona parte delle ricerche di La Pietra: “abitare è essere ovunque a casa propria”. In programmazione tre film storici (La riappropriazione della città del 1977, Interventi pubblici per la città di Milano del 1979 e Per oggi basta! del 1974) e due progetti speciali. 

In occasione della mostra sarà pubblicato il volume Abitare è essere ovunque a casa propria, Corraini Edizioni, con testi di M. Cristina Rodeschini e Lorenzo Giusti.

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale dell’Accademia Carrara.

Nell’immagine: Ugo La Pietra, Libri Aperti, erbario, installazione (2004-2008)

Informazioni sulla mostra

CittàBergamo
DateDal 27/10/2019 al 06/01/2020

Bergamo, le opere di Ugo La Pietra in una mostra all'Accademia Carrara
Bergamo, le opere di Ugo La Pietra in una mostra all'Accademia Carrara


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma