Una mostra epocale sui Longobardi: seconda tappa a Napoli


La mostra sui Longobardi da poco conclusa al Castello Visconteo di Pavia si sposta al Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

La mostra “Longobardi un popolo che cambia la storia” si trasferisce a Napoli. Come vi avevamo riportato in questa notizia, la prima tappa di questa rassegna è stato il Castello Visconteo di Pavia, dove è stata allestita dall’1 Settembre al 3 Dicembre, in quanto fu proprio Pavia la capitale del Regno Longobardo.

Ora la mostra è allestita presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, dove resterà in esposizione fino al 25 Marzo 2018, in attesa di approdare all’Ermitage di San Pietroburgo. "È la prima volta che il MANN decide di organizzare una mostra dedicata a un periodo che segue la caduta dell’Impero romano", spiega il direttore Paolo Giulierini, "i Longobardi, in Campania, hanno lasciato un segno indelebile. Basterà citare Capua, Benevento e Salerno, le tre capitali della Longobardia minor, nonché l’interessante rapporto che esse intrattennero con le città costiere".
La mostra è a cura di Gian Pietro Brogiolo, Federico Marazzi e promossa da MiBACT, Museo Archeologico Nazionale - MANN, Comune di Pavia, Pavia Musei, Comune di Napoli e Regione Campania.

Prezzo del biglietto intero € 12, ridotto €, gratuito per i minori di 18 anni e personale docente. Per tutte le informazioni potete telefonare il numero +39 0814422203, visitare il sito www.museoarcheologiconapoli.it oppure mandare una mail a man-na@beniculturali.it.

Una mostra epocale sui Longobardi: seconda tappa a Napoli
Una mostra epocale sui Longobardi: seconda tappa a Napoli


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER