A Forte dei Marmi in mostra i viaggi straordinari di Aldo Mondino


Dal 7 agosto al 26 settembre 2020 Villa Bertelli a Forte dei Marmi accoglierà la mostra Aldo Mondino. Viaggi straordinari. 

Dal 7 agosto al 26 settembre 2020 Villa Bertelli a Forte dei Marmi accoglierà la mostra Viaggi straordinari di Aldo Mondino (Torino, 1938 - 2005), curata da Valerio Dehò. La retrospettiva è promossa da Villa Bertelli con il patrocinio del Comune di Forte dei Marmi, in collaborazione con l’Archivio Aldo Mondino

Tema centrale nell’artista è il viaggio, sia in senso fisico che metaforico: da qui il titolo della mostra. Viaggi straordinari che nascono per il desiderio di scoprire e conoscere culture e mondi differenti, ma anche per affacciarsi ai tanti linguaggi dell’arte. 

Fin dagli inizi degli anni Sessanta, Mondino si è confrontato con molti linguaggi artistici, dalle enciclopedie e dagli erbari a Felice Casorati, che l’artista ha omaggiato riprendendo la celebre Maternità. Ha inoltre rivisitato l’arte astratta, la pittura Pop di Jim Dine, la xilografia mitteleuropea, Alberto Giacometti e Umberto Boccioni, l’enigmistica, i King, il codice stradale e molti altri linguaggi. La sua curiosità e la sua predisposizione all’ironia, al gioco di parole, alla parodia lo hanno spinto a cercare continuamente nuovi confronti. 

Nei suoi viaggi Mondino si è spinto in Africa, nel bacino del Mediterraneo, in India; nel 2000 ha esposto alcune opere di grandi dimensioni a Calcutta. Tuttavia, oltre che fisici, i suoi viaggi sono stati anche letterari, ovvero occasioni nate da libri o da autori che ha sempre amato, quali Paul Bowles e Blaise Cendrars. È stato molte volte a Essaouira, in Marocco, dove Orson Wells realizzò il suo Otello. Per Mondino l’esotismo è attraente: lo si vede anche dalla serie di tappeti dipinti su pannelli di eraclit che ha compiuto. L’artista si appropria dell’universo di segni e di culture da cui si sente attratto. 

Il percorso espositivo allestito a Forte dei Marmi presenterà oltre quaranta opere tra dipinti, sculture e lavori su carta, che provengono da un’importante collezione privata toscana. Un’intera sala della rassegna sarà poi interamente dedicata alla musica, tema ricorrente nella sua produzione. 

“Mondino ha realizzato una coinè culturale davvero unica, in cui l’arte contemporanea è non solo luogo di concentrazione del simbolico, ma anche archivio di culture differenti, panopticum borgesiano in cui osservare l’universo da una prospettiva unica” ha scritto il curatore in catalogo. “L’artista ha realmente dato al viaggio e al confronto tra mondi ed esperienze diversi, non solo uno spazio nell’arte contemporanea, spesso ripiegata su se stessa, ma anche il fascino di un’avventura fisica e intellettuale. Nella pittura e nell’arte italiana Mondino ha saputo portare intelligenza e ironia, il suo lavoro è stato sempre uno stimolo a guardare all’arte come ad una ricerca continua e felice”.  

La mostra è accompagnata da un catalogo con un testo di Valerio Dehò e un ricco apparato iconografico. 

Per info: www.villabertelli.it

Orari: Nel mese di agosto dalle 17 alle 22 (in concomitanza con gli spettacoli in calendario, la mostra potrebbe essere temporaneamente chiusa. Si suggerisce di contattare la sede prima della visita). Nel mese di settembre da lunedì a venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19; sabato e domenica dalle 16 alle 19. Ingresso libero. 

Immagine: Aldo Mondino, Ex Libris (1979; olio su tela, 100 x 145 cm)

A Forte dei Marmi in mostra i viaggi straordinari di Aldo Mondino
A Forte dei Marmi in mostra i viaggi straordinari di Aldo Mondino


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER