Il Victoria & Albert Museum celebra Mary Quant, l'inventrice della minigonna


Il Victoria & Albert Museum di Londra dedica una restrospettiva a Mary Quant, colei che rivoluzionò la moda femminile britannica. 

Fino al 16 febbraio 2020 il Victoria & Albert Museum di Londra omaggia con una mostra a lei interamente dedicata l’inventrice della minigonna: Mary Quant (Blackheath, 1934).

Dagli anni Sessanta la stilista britannica influenzò la moda, soprattutto giovanile, con minigonne, hot pants, stivali bianchi di gomma, collant colorati e trucco vivace: la sua fu una vera rivoluzione nella moda femminile. 

Una rivoluzione presentata in mostra con oltre duecento vestiti e accessori, inclusi pezzi inediti dal suo archivio personale. Fotografie, disegni e schizzi calano i visitatori in quell’epoca, tra le più grandi novità dello street style di quel tempo, accessibile a tutte le ragazze. 

Nel 1966 ricevette l’onorificenza ufficiale dell’Ordine dell’Impero Britannico per il suo straordinario contributo al settore della moda, mentre risale ad appena cinque anni fa l’onorificenza di Dama Comandante dell’Ordine dell’Impero Britannico per i servizi alla moda britannica.

Durante la retrospettiva sono previsti eventi speciali, approfondimenti e workshop. Inoltre è possibile scaricare gratuitamente dal sito del museo londinese un divertente “gioco” che permette al pubblico di improvvisarsi sarte, ricreando uno dei vestiti più noti tra le invenzioni della stilista: il Georgie dress.

La mostra è curata da Steph Wood e Jenny Lister. 

Per info: www.vam.ac.uk

Nell’immagine, Mary Quant insieme alle modelle per il lancio della Quantafoot collection nel 1967 © PA Prints 2008

 

Il Victoria & Albert Museum celebra Mary Quant, l'inventrice della minigonna
Il Victoria & Albert Museum celebra Mary Quant, l'inventrice della minigonna


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER