A maggio aprono due nuove sedi delle Gallerie d'Italia: Torino e Napoli


Le Gallerie d’Italia, i musei di Intesa Sanpaolo, aprono a maggio due nuove sedi: a Torino sarà possibile visitare Palazzo Turinetti, mentre a Napoli si entrerà a Palazzo Piacentini. Due musei da diecimila metri quadri ciascuno.

Apriranno a maggio le due nuove sedi delle Gallerie d’Italia, a Torino e a Napoli. Lo ha annunciato oggi Intesa Sanpaolo. Per Napoli si tratterà di un importante rinnovamento di un museo che il pubblico già conosceva, quello di Palazzo Zevallos Stigliano, che verrà di fatto trasferito a Palazzo Piacentini, già sede del Banco di Napoli, edificio progettato da Marcello Piacentini, e situato in via Toledo 177, a fianco di Palazzo Zevallos Stigliano. Le Gallerie d’Italia allestiranno le collezioni napoletane su spazi triplicati, che toccheranno quota diecimila metri quadrati, per un intervento architettonico di grande impatto che attualizzerà l’edificio e trasformerà le Gallerie napoletane in un istituto al pari di grandi musei nazionali, con criteri museologici e museografici che andranno ad allinearsi ai più innovativi e riconosciuti standard museali internazionali. Per Torino si tratta di una novità assoluta, dal momento che il pubblico potrà visitare per la prima volta la sede di Palazzo Turinetti in piazza San Carlo. Qui si trova la sede legale e storica di Intesa Sanpaolo, dove la Banca inaugura il suo quarto museo, dopo quelli di Milano, Vicenza e Napoli. Anche qui, diecimila metri di percorso espositivo su cinque piani, di cui tre ipogei, con un progetto architettonico che trasforma gli spazi di Palazzo Turinetti in un luogo unico dove fotografia e video arte documenteranno e conserveranno immagini, avvenimenti, riflessioni per promuovere i temi legati all’evoluzione della sostenibilità ESG (Environmental, Social, Governance).

A Napoli sarà esposta una selezione di dipinti e sculture di ambito napoletano e meridionale dagli inizi del XVII ai primi decenni del XX secolo, a partire dal capolavoro della collezione Intesa Sanpaolo, il Martirio di sant’Orsola di Caravaggio, oltre a nuovi itinerari dedicati alle ceramiche attiche e magnogreche e all’arte moderna e contemporanea. A Torino, invece, Palazzo Turinetti sarà sede dell’Archivio Publifoto Intesa Sanpaolo, con circa 7 milioni di scatti realizzati dagli anni Trenta agli anni Novanta da una delle principali agenzie di fotogiornalismo italiane, ed esporrà una selezione di opere dalle collezioni del Gruppo tra cui il ciclo pittorico dell’antico Oratorio della Compagnia di San Paolo di proprietà della Banca. A Torino apertura per martedì 17 maggio, a Napoli sabato 21 maggio.

“L’apertura dei due musei”, dichiara Intesa Sanpaolo in una nota, “costituisce un fondamentale passo di Intesa Sanpaolo nella promozione della cultura in Italia e nella valorizzazione del proprio patrimonio artistico formato da oltre 35 mila opere d’arte di proprietà, il cui valore economico è inserito a fair value nel bilancio dal 2017. I quattro musei delle Gallerie d’Italia – Milano, Napoli, Torino e Vicenza – richiamano i tratti distintivi comuni consolidando il sistema museale di Intesa Sanpaolo gestito dal Progetto Cultura della Banca, nato per valorizzare il patrimonio storico artistico confluito negli anni nel Gruppo. Le sedi sono palazzi storici già uffici della Banca che, nell’opera di ristrutturazione guidata dalle nuove esigenze – tra cui l’apertura al pubblico, la tutela e conservazione delle opere d’arte, la sostenibilità, la piena accessibilità –, mantengono evidente il ricordo delle loro passate funzioni. Il Piano d’Impresa 2022-2025 presentato di recente dal Consigliere delegato e CEO Carlo Messina rafforza l’impegno di Intesa Sanpaolo nella cultura con l’ampliamento degli altri due musei della Banca a Milano e Vicenza, portando entro il 2025 al raddoppio degli spazi espositivi complessivi delle Gallerie d’Italia - da 14.200 metri quadri a 30.000 metri quadri - e consolidando la posizione del Gruppo tra i primi operatori culturali privati a livello internazionale per reputazione, impegno e per dimensioni, qualità e valore finanziario della collezione, impegno che si inserisce nelle attività ESG del Gruppo. Entrambi i musei realizzeranno numerose attività tra cui mostre temporanee originali, didattica per le scuole, ricerca scientifica, iniziative per l’inclusione sociale. Alcuni degli spazi saranno a disposizione per eventi e iniziative cittadine”.

Torino, Palazzo Turinetti

L’ingresso alle nuove Gallerie d’Italia – Torino avverrà dall’attuale accesso al cortile della Banca, piazza San Carlo 156, attraverso un grande scalone che diventerà anche luogo di socialità e porterà i visitatori verso gli spazi espositivi ipogei destinati alle mostre. Al primo piano sotterraneo, il progetto prevede la presenza di aule didattiche con spazi modulari caratterizzati da una grande vetrata che si affaccia sulla “Sala dei 300”, la storica sala dove si svolgevano le Assemblee dell’Istituto Bancario Sanpaolo-IMI prima della costruzione del grattacielo torinese. Qui saranno ospitate le mostre temporanee.

Il secondo piano ipogeo, dove si troverà la biglietteria, sarà un luogo di comunicazione e di incontro, anche per le scolaresche in visita, punto di snodo del museo da cui il pubblico potrà decidere come muoversi attraverso molteplici percorsi secondo le scelte e gli interessi. Una “manica lunga” pensata per la fotografia classica condurrà ai locali al terzo piano sotterraneo dove troverà sede l’Archivio Publifoto Intesa Sanpaolo, visibile da parte dei visitatori attraverso una grande vetrata. Un pannello touchscreen di grande dimensione permetterà di consultare le immagini digitalizzate dell’Archivio, reso così accessibile alla fruizione collettiva. In questo piano si troverà uno dei maggiori elementi caratterizzanti delle Gallerie torinesi: una sala multimediale (40 x 14 m) dotata di 17 proiettori 4K per offrire al visitatore la sensazione di essere immersi nelle immagini e nei video.

Il percorso di visita non si limita agli spazi ipogei. Risalendo fino al piano terra il pubblico troverà un chiostro all’aperto delimitato da Piazza San Carlo, via XX Settembre e via Santa Teresa, dove apriranno anche una nuova libreria, il caffè e il ristorante. Al piano nobile del Palazzo, nell’infilata di sale che affacciano su Piazza San Carlo, il percorso museale curato da Fernando Mazzocca, Alessandro Morandotti e Gelsomina Spione esporrà circa cinquanta opere – dipinti, sculture, arazzi, arredi – dal XIV al XVIII secolo, allestiti in dialogo con gli apparati decorativi tardobarocchi (sovrapporte, boiseries, specchi) del palazzo; un ambiente dedicato ospiterà inoltre le nove grandi tele di proprietà della Banca realizzate nella seconda metà del Seicento per decorare l’antico Oratorio della Compagnia di San Paolo, oggi distrutto. Nello stesso piano la storica “Sala Turinetti” sarà destinata a eventi e iniziative cittadine. La Direzione del museo torinese è affidata a Michele Coppola, Executive Director Arte Cultura e Beni Storici e Direttore delle Gallerie d’Italia, affiancato dal Vicedirettore Antonio Carloni, già direttore del Festival internazionale Cortona On The Move.

Gallerie d'Italia di Torino, rendering
Gallerie d’Italia di Torino, rendering
Gallerie d'Italia di Torino, rendering
Gallerie d’Italia di Torino, rendering
Gallerie d'Italia di Torino, rendering
Gallerie d’Italia di Torino, rendering

Napoli, Palazzo Piacentini

Il cantiere di Palazzo Piacentini è stato avviato nel 2020 mantenendo la piena continuità sia delle attività bancarie ospitate nell’edificio, sia di quelle espositive di Palazzo Zevallos Stigliano, che malgrado il trasloco non ha mai smesso le proprie attività. Si tratta di un intervento architettonico di grande impatto che attualizza l’edificio, il cui corpo principale è opera del 1940 di Marcello Piacentini, con l’obiettivo di non snaturarne il pregio storico in coerenza con quanto realizzato per le altre sedi delle Gallerie d’Italia.

Le opere della collezione permanente sono distribuite lungo tre itinerari tematici. Al primo piano, nella sezione del museo curata da Fernando Mazzocca, troviamo una selezione di dipinti e sculture principalmente di ambito napoletano e meridionale, del periodo che va dagli inizi del XVII ai primi decenni del XX secolo, a partire dal capolavoro assoluto delle collezioni, il Martirio di sant’Orsola di Caravaggio, ultima tela del maestro realizzata nel maggio del 1610, poche settimane prima della sua morte. Spiccano fra gli altri i nomi di Artemisia Gentileschi, Luca Giordano, Gaspar van Wittel, Anton Smink Pitloo, Giacinto Gigante, Domenico Morelli. Una raccolta di disegni e sculture di Vincenzo Gemito forma uno dei nuclei più importanti del grande autore, documentando efficacemente la sua straordinaria parabola artistica. Al secondo piano saranno esposti gli itinerari dedicati alle ceramiche attiche e magnogreche e alle opere dalle collezioni di arte moderna e contemporanea. Il primo, curato da Fabrizio Paolucci, presenta per la prima volta al pubblico nella sua interezza la storica Collezione Caputi appartenente a Intesa Sanpaolo, formata da oltre 500 vasi e altri reperti realizzati ad Atene, in Apulia e in Lucania tra il V e il III secolo a.C, tutti provenienti da Ruvo di Puglia, centro nella provincia di Bari che rivestì un ruolo politico, economico e culturale molto rilevante in Magna Grecia.

Un’infilata di sale che affacciano su via Toledo ospita, sullo stesso piano, il secondo itinerario: una selezione di opere dalla collezione d’arte del XX e XXI secolo di Intesa Sanpaolo, curata da Luca Massimo Barbero, che costituisce un suggestivo percorso attraverso accostamenti cronologici che dal dopoguerra giungono fino al contemporaneo. Sono presenti opere di Lucio Fontana, Alberto Burri, Piero Manzoni, Enrico Castellani, Mario Schifano, Giulio Paolini, Alighiero Boetti, Michelangelo Pistoletto, Giosetta Fioroni, Carol Rama, Afro, Emilio Vedova, Gerhard Richter, Jannis Kounellis, Sol LeWitt.

Il monumentale atrio d’ingresso vivrà in simbiosi con la strada stabilendo continuità e stretta connessione con lo spazio urbano. Cuore dell’edificio sarà il grande salone al piano terra dedicato alle mostre temporanee e alle grandi iniziative culturali con i migliori artisti e curatori internazionali. Da via Toledo si potrà accedere liberamente alla caffetteria-bistrot e al bookshop. Tre aule didattiche, al primo piano, permettono l’ampliamento delle attività educative per le scuole e per pubblici specifici, sempre gratuite, che hanno rappresentato negli anni un elemento di fondamentale impegno da parte della Banca verso il territorio. Una nuova biblioteca con una raccolta di volumi del patrimonio librario di Intesa Sanpaolo, collegata al Servizio Bibliotecario Nazionale, offrirà a studiosi e appassionati l’opportunità di approfondire temi e aspetti legati alle opere delle collezioni e alle mostre temporanee del museo. La Direzione del museo napoletano rimane affidata a Michele Coppola, Executive Director Arte Cultura e Beni Storici e Direttore delle Gallerie d’Italia, affiancato dal Vicedirettore Antonio Ernesto Denunzio.

Gallerie d'Italia di Napoli, rendering
Gallerie d’Italia di Napoli, rendering
Gallerie d'Italia di Napoli, rendering
Gallerie d’Italia di Napoli, rendering
Gallerie d'Italia di Napoli, rendering
Gallerie d’Italia di Napoli, rendering

Le due mostre inaugurali

L’inaugurazione degli spazi espositivi di Torino avverrà con la mostra La fragile meraviglia. Un viaggio nella natura che cambia di Paolo Pellegrin, un reportage fotografico d’autore dedicato al tema del cambiamento climatico con la curatela di Walter Guadagnini e il contributo di Mario Calabresi. Il lavoro rappresenta una committenza originale che ha visto impegnato il fotografo in Paesi come Namibia, Islanda, Costa Rica, Italia per fornire una personale lettura per immagini del rapporto tra l’uomo e il suo ambiente naturale, tema cruciale della contemporaneità. La riflessione per immagini di Pellegrin dialogherà con la mostra Dalla guerra alla luna. 1945-1969, una selezione di immagini storiche dell’Archivio Publifoto Intesa Sanpaolo a cura di Giovanna Calvenzi e Aldo Grasso che documenta il miracolo economico fino alla più grande conquista dell’uomo moderno, lo sbarco sulla luna.

A Napoli, prima esposizione temporanea ospitata nella nuova sede sarà la mostra conclusiva della XIX edizione di Restituzioni, il programma biennale di salvaguardia e valorizzazione del patrimonio artistico nazionale che Intesa Sanpaolo conduce da oltre trent’anni in collaborazione con il Ministero della Cultura. Saranno esposte al pubblico le opere del patrimonio pubblico restaurate grazie a Intesa Sanpaolo nel triennio scorso (la pandemia ha dilazionato i tempi ma non ha fermato il progetto) appartenenti a siti archeologici, musei, luoghi di culto da tutta Italia.


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Miramare, visite guidate nel Museo ed escursioni nel Parco nei weekend di giugno
Miramare, visite guidate nel Museo ed escursioni nel Parco nei weekend di giugno
Al Labirinto della Masone un nuovo percorso a tappe per scoprire la sua storia
Al Labirinto della Masone un nuovo percorso a tappe per scoprire la sua storia
Come invitare i visitatori a indossare guanti e mascherina? Trasformandoli in ladri...di storie! L'idea di Villa Bernasconi
Come invitare i visitatori a indossare guanti e mascherina? Trasformandoli in ladri...di storie! L'idea di Villa Bernasconi
Online il nuovo sito della Collezione Peggy Guggenheim
Online il nuovo sito della Collezione Peggy Guggenheim
Firenze, dopo due anni termina il restauro della Sala degli Elementi in Palazzo Vecchio. Possibile grazie a un finanziamento privato
Firenze, dopo due anni termina il restauro della Sala degli Elementi in Palazzo Vecchio. Possibile grazie a un finanziamento privato
La “Regina di Genova” sarà restaurata grazie a partnership tra Palazzo Ducale e Volotea
La “Regina di Genova” sarà restaurata grazie a partnership tra Palazzo Ducale e Volotea