Claudio Bisio regala la sua voce per l'audioguida gratuita dei musei dell'Empolese Valdelsa


Il popolare attore e conduttore Claudio Bisio ha regalato la propria voce per l’audioguida gratuita del MuDEV - Museo Diffuso Empolese Valdelsa: ecco come ascoltarla.

Claudio Bisio per i musei del territorio: il popolare attore e conduttore lombardo ha infatti regalato la propria voce per la guida online del MuDEV - Museo Diffuso Empolese Valdelsa, sistema museale che raduna ventun musei dislocati su undici comuni del territorio dell’Empolese-Valdelsa (Castelfiorentino, Cerreto Guidi, Certaldo, Empoli, Fucecchio, Gambassi Terme, Limite e Capraia, Montaione, Montelupo Fiorentino, Montespertoli, Vinci). Si tratta di una guida che il MuDEV mette a disposizione di tutti i suoi visitatori (sia quelli reali, sia quelli virtuali), gratuitamente, attraverso la piattaforma Izi.travel: dal link è possibile scaricarla e ascoltarla.

Bisio, che è legato alla Toscana da un’assidua frequentazione pluriennale (ha infatti casa sulle colline del Chianti), in occasione della registrazione dell’audio ha anche acconsentito alla realizzazione di un video, realizzato dalla società di comunicazione Danae Project, che servirà per lanciare il progetto (e che si può già vedere online). Nell’audioguida, Bisio interpreta il ruolo del Cicerone, introducendo l’ascoltatore alle bellezze e alle specificità del territorio dell’Empolese Valdelsa e dei suoi musei. L’iniziativa si pone in parallelo ad altre azioni del progetto #leogoesto, che prevede anche una campagna social realizzata con la “personificazione” di undici personaggi storici del MuDEV, che prendono vita interagendo tra loro sulla pagina Facebook del MuDEV, oltre che sull’account Instagram del sistema museale. Questi interventi sono stati realizzati grazie al contributo di Fondazione CR Firenze a seguito del bando Laboratori Culturali.

Si tratta di una serie di post, ideati dalla redazione della rivista Finestre sull’Arte, caratterizzati da una forma grafica e contenutistica senza tempo. Gli undici personaggi (Leonardo da Vinci, il Boccaccio, Benozzo Gozzoli, Indro Montanelli, il Pontormo, Becuccio Bicchieraio, Tommaso da Firenze, Lorenzo di Piero Sartori, Amedeo Bassi, ma anche un contadino del Padule di Fucecchio e l’Arno stesso) sono stati scelti per caratterizzare il MuDEV come sistema museale legato non solo ai beni culturali tradizionalmente intesi, ma a tutto il territorio, con il suo ecosistema e la sua storia: i personaggi storici dialogano dunque per far conoscere e promuovere la visita nei musei dell’Empolese Valdelsa.

“Il MuDEV prosegue la sua promozione anche durante il lockdown e si prepara a riaprire non appena le condizioni ce lo permetteranno più accogliente, sicuro e ricco di eventi di prima”, afferma Giacomo Cucini, sindaco con delega alla cultura per l’Unione dei Comuni Circondario dell’Empolese Valdelsa, “in questo contesto, il progetto Laboratori Culturali è stato per noi di fondamentale importanza non solo per la promozione, ma proprio per realizzare strumenti di divulgazione online che resteranno fruibili per sempre. Ringrazio Claudio Bisio per la grande disponibilità dimostrata e la Fondazione CR Firenze per aver sostenuto il nostro progetto, che ci consente di portare avanti i valori di rete, comunità e promozione culturale che stanno alla base del MuDEV”.

“Bisio testimonial del MuDEV è la dimostrazione di quanto Claudio ami la comunità toscana che lo ha accolto. Credo che qui da noi si senta a casa”, dichiara Cinzia Compalati, curatrice del progetto, “e questo ha creato immediatamente un senso di appartenenza e uno storytelling spontaneo e coinvolgente. Inoltre sviluppare questo progetto digitale proprio durante l’anno dei delle ’fermi’ museali ci ha offerto la grande possibilità di essere fruibili anche a musei chiusi”.

“Riteniamo assai efficaci”, sottolinea il direttore di Fondazione CR Firenze Gabriele Gori, “le iniziative realizzate nell’ambito del nostro bando tematico Laboratori Culturali. È stato infatti pienamente recepito e valorizzato lo spirito che ci ha spinto a promuoverlo, fin dal 2017: stimolare processi di innovazione digitale nei musei minori del territorio, sostenuti dalla nostra Istituzione, per potenziarne la fruibilità e incrementare lo sviluppo di nuovi pubblici. Complimenti all’ Unione dei Comuni Circondario dell’Empolese Valdelsa per essere riuscita a produrre i nuovi servizi che certamente contribuiranno ad una maggiore promozione e conoscenza del ricco patrimonio artistico e culturale del territorio. Una azione ancora più necessaria in questo momento nel quale l’ arte e la cultura sono fortemente penalizzate dall’emergenza sanitaria”.

“È stato indubbiamente un lavoro molto divertente”, spiega Daniele Rocca, titolare di Danae Project, l’agenzia di comunicazione che ha collaborato con il MuDEV per la realizzazione del progetto, “e la professionalità di Claudio Bisio non ha bisogno certamente di essere commentata. Penso che lo scopo di aver prodotto un contenuto che possa permettere al MuDEV di ampliare la propria notorietà sia stato raggiunto, al pari dell’obiettivo di aver creato un prodotto divertente che, senza mortificare i contenuti, porterà un sorriso a chi l’arte già la conosce, e al tempo stesso incuriosirà quelle tante persone che magari hanno per la prima volta l’occasione di avvicinarsi a personalità come Benozzo Gozzoli o Lorenzo di Piero Sartori. Il mondo dell’arte non deve aver paura di rinnovare il modo di raccontarsi, e tutte le volte che riuscirà a parlare ad un nuovo pubblico avrà posto le basi per diventare una comunità sempre più grande e consapevole del patrimonio che è chiamato a custodire”.

“Come redazione di Finestre sull’Arte”, dichiara Ilaria Baratta, caporedattore della rivista, “riteniamo che creare questi dialoghi tra i personaggi del MuDEV sia una maniera divertente di comunicare il patrimonio, e allo stesso tempo sia un modo per avvicinare il territorio alla sua storia e alla sua arte. Il fatto che questi post siano più leggeri non ci esime comunque dal compito di proporre una divulgazione rigorosa: con i loro dialoghi fittizi, infatti, gli undici personaggi storici non soltanto commentano i fatti d’attualità, ma raccontano anche i luoghi, la storia e le opere dell’Empolese Valdelsa, e per fare questo occorre essere molto chiari e precisi. Pensiamo che una buona divulgazione sia una delle chiavi per rendere più solido il legame di una comunità con il suo patrimonio”.

Nella foto, Claudio Bisio mentre registra l’audio per l’audioguida del MuDEV.

Claudio Bisio regala la sua voce per l'audioguida gratuita dei musei dell'Empolese Valdelsa
Claudio Bisio regala la sua voce per l'audioguida gratuita dei musei dell'Empolese Valdelsa


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma