La Fondation Beyeler riapre l'11 maggio e proroga la grande mostra dedicata a Hopper


La Fondation Beyeler riapre al pubblico l’11 maggio. Prorogate le mostre già allestite nel museo fino al 26 luglio 2020.

La Fondation Beyeler riapre le porte al pubblico lunedì 11 maggio 2020, secondo un piano di protezione completo per visitatori e dipendenti che mette in atto le misure dell’ordinanza Covid-19 previste dalla Confederazione Svizzera

L’ingresso dei visitatori sarà contingentato attraverso l’acquisto online dei biglietti con fasce orarie fisse e l’accesso e la circolazione del pubblico nel parco e nel museo sarà predisposta con punti differenziati di accesso e di uscita. 

Saranno ancora visitabili le mostre già allestite nella sede museale, ovvero quella dedicata al celebre artista americano Edward Hopper e quella che presenta la collezione Vedere il silenzio - Immagini di quiete. Entrambe sono prorogate fino al 26 luglio 2020.
I biglietti sono acquistabili online a partire da giovedì 7 maggio sul sito www.fondationbeyeler.ch
La rassegna dedicata a Hopper ha ottenuto un grande successo di pubblico e molti hanno espresso il desiderio di una riapertura e di una proroga della mostra. Il Whitney Museum of American Art di New York e gli altri prestatori americani hanno concesso la proroga dell’esposizione, nella sua totalità.

Il direttore della Fondation Beyeler, Sam Keller, ha commentato: “Siamo felici di sapere che l’11 maggio, il nostro museo uscirà dal sonno della ”Bella addormentata nel bosco“ e le opere esposte saranno risvegliate dal ”bacio“ dei visitatori. Ci sono mancati. Il ”sortilegio“ del coronavirus non è ancora finito, ma la riapertura dei musei e dei parchi è una bella notizia. Poiché le esperienze vissute a contatto dell’arte e della natura contribuiscono in modo essenziale alla sanità mentale, fisica e alla qualità della vita”.

Anche la mostra Vedere il silenzio - Immagini di quiete è prorogata fino al 26 luglio. Presenta opere d’arte moderna e contemporanea che trattano i differenti aspetti del silenzio e della quiete, come nature morte, paesaggi contemplativi, immagini di sonno e di ultimo riposo. Oltre cento opere di Claude Monet, Paul Cézanne, Pablo Picasso, Fernand Léger, Piet Mondrian, Hans Arp, Alberto Giacometti, Mark Rothko, Andy Warhol, Richard Serra, Gerhard Richter, Marlene Dumas e molti altri ancora. 

Tuttavia, era prevista una grande rassegna dedicata a Goya dal 17 maggio al 16 agosto 2020, ma a causa dell’emergenza sanitaria è stata rinviata. A giugno verrà comunicata una nuova data. In collaborazione con il Prado di Madrid, l’esposizione riunisce dipinti, disegni e stampe raramente esposti provenienti da collezioni private e da sedi museali europee e americane. 

Immagine: Edward Hopper, Cape Cod Morning (1950; olio su tela, 86,7 x 102,3 cm; Smithsonian American Art Museum, Gift of the Sara Roby Foundation) © Heirs of Josephine Hopper / 2019, ProLitteris, Zurich. Photo: Smithsonian American Art Museum, Gene Young

La Fondation Beyeler riapre l'11 maggio e proroga la grande mostra dedicata a Hopper
La Fondation Beyeler riapre l'11 maggio e proroga la grande mostra dedicata a Hopper


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

NEWSLETTER