Nelle Fiandre apre un nuovo museo dedicato all'arte borgognona. A Mechelen


Apre a Mechelen, nelle Fiandre, un museo dedicato all’arte borgognona: è l’Hof van Busleyden, accolto in un palazzo rinascimentale.

Apre a Mechelen, nelle Fiandre, un nuovissimo museo dedicato alla pittura borgognona: il museo Hof van Busleyden (questo il nome dell’istituto) ha sede nel palazzo rinascimentale che fu residenza dell’umanista e mecenate Hieronymus van Busleyden (Aarlen 1470 circa - Bordeaux, 1517): proprio in questo palazzo, van Busleyden era solito incontrarsi con i suoi amici intellettuali e filosofi, tra i quali spiccano Tommaso Moro ed Erasmo da Rotterdam. Si tratta, in realtà, di una riapertura: nel 1938 infatti, nello stesso palazzo, aveva aperto i battenti il Museo Civico di Mechelen, che fu attivo fino agli anni Novanta, quando si resero necessari importanti lavori di restauro. All’epoca iniziò una prima fase d’intervento, mentre la seconda ha avuto luogo nel 2015 e si è da poco conclusa: il nuovo museo ha dunque aperto al pubblico il 17 giugno del 2018.

Il museo raccoglie opere che furono prodotte in uno dei periodi più importanti e splendenti della storia delle Fiandre, ovvero tra il 1348 e il 1482, quando i Paesi Bassi furono governati dai Duchi di Borgogna che portarono grande prosperità economica nella regione. I duchi erano sovrani illuminati, amanti dell’arte e della letteratura e favorirono uno sviluppo culturale che fece segnare importanti progressi nel campo dell’arte e della scienza (fu questo il periodo dei cosiddetti primitivi fiamminghi, tra i quali si annovera il celeberrimo Jan van Eyck).

Il casato borgognone non aveva una reggia fissa e tendeva a spostarsi tra le diverse città fiamminghe. Tuttavia, Mechelen fu un luogo privilegiato: è per questa ragione che per accogliere il nuovo museo è stato scelto Hof van Busleyden. Nelle sale del palazzo, attraverso i capolavori dell’arte fiamminga, i visitatori potranno rivivere i fasti della cultura della corte e ripercorrere la storia della città, dalle associazioni degli artigiani agli spazi privati, fino ad approfondire figure di grande impatto storico e culturale legate alla corte, prima fra tutti Margherita d’Austria, una delle donne più importanti e potenti dei Paesi Bassi e d’Europa nel Rinascimento. Fu proprio Margherita a segnare il destino della città di Mechelen scegliendola come propria residenza ed istituendovi la Corte Suprema, e trasformandola così nella capitale dei Paesi Bassi Borgognoni. Vissero alla Corte di Mechelen anche Carlo V e Anna Bolena, che vi trascorse alcuni anni prima di diventare la moglie di Enrico VIII e dare alla luce Elisabetta I.

Grazie ai lavori di restauro che hanno permesso di raddoppiare l’area espositiva e di rinnovare completamente gli interni, Hof van Busleyden è nuovamente pronto a recuperare il suo vecchio ruolo: il palazzo tornerà ad essere un luogo di incontro e conversazione, terreno fertile per le idee e l’arte. Ci sarà infatti anche spazio per l’arte contemporanea: per esempio, dal 15 dicembre il muiseo ospiterà una delle più grandi artiste del mondo, la fiamminga Berlinde de Bruyckere (Gand, 1964), per una mostra personale, che includerà anche opere inedite. Inoltre, in ossequio alla sua antica funzione di museo civico, Hof van Busleyden accoglierà anche una sezione denominata “Le città sono fatte dalla popolazione”, nella quale i visitatori incontreranno la Mechelen odierna: ci sarà anche spazio per aziende e associazioni per mostrarsi al pubblico, perché il museo è convinto che siano loro a rappresentare la quantità, l’impegno e le differenze della città moderna. Il museo prevede infatti diverse iniziative che coinvolgeranno in maniera diretta i cittadini, convinto che l’innovazione è possibile solo tramite la partecipazione, senza dimenticare la storia della comunità.

Il museo apre tutti i giorni (tranne il mercoledì, giorno di chiusura), dalle 10 alle 17, e il giovedì fino alle 22. Chiuso il 24, 25, 31 dicembre e 1° gennaio. Il biglietto d’ingresso costa 11 euro, 9 euro il ridotto, 7 euro il ridotto diversamente abili, 5 euro il ridotto per giovani dai 13 ai 26 anni, 2 euro tariffa speciale per UiT-pas e Fonds Vrijetijdsparticipatie, gratis per bambini fino ai 12 anni e convenzionati. Le famiglie (2 adulti + fino a 4 giovani da 12 a 26 anni) hanno diritto a un 20% di sconto su ciascun biglietto. Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito www.hofvanbusleyden.be.

Nella foto: Hof van Busleyden

Nelle Fiandre apre un nuovo museo dedicato all'arte borgognona. A Mechelen
Nelle Fiandre apre un nuovo museo dedicato all'arte borgognona. A Mechelen


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER