Il Mudec racconta sui social Tina Modotti, tra le più grandi fotografe di sempre


Sui canali social del Mudec un video documentario racconta la vita e l’opera di Tina Modotti, una delle più grandi fotografe di sempre. 

Si conclude con Tina Modotti la miniserie video 10 x 10 Dieci storie per dieci donne che hanno cambiato la storia della fotografia sui canali social del Mudec. Ogni sabato il museo ha infatti lanciato sui propri profili Facebook, Instagram e YouTube dieci mini-video documentari che hanno raccontato la vita di dieci grandi protagoniste della storia della fotografia. Un progetto a cura di Nicolas Bellario che rientra nel palinsesto 2020-2021 legato alla creatività femminile I talenti delle donne del Comune di Milano. 

L’ultimo appuntamento è quindi dedicato alla vita e all’opera di Tina Modotti, protagonista della mostra Tina Modotti. Donne, Messico e libertà di prossima apertura al Mudec Photo.

La sua vita inizia a Udine nel 1896. Il padre emigra negli Stati Uniti e nel 1913 Tina lo raggiunge a San Francisco, dove inizia a lavorare in una fabbrica tessile. San Francisco è una città ricca di stimoli che si prepara ad inaugurare la grande esposizione internazionale Panama-Pacifico del 1915. Nella città californiana Tina vive un periodo di fertilità culturale, conosce grandi artisti e intellettuali.

Nel 1923 decide di trasferirsi con il fotografo Edward Weston in Messico, dove in quegli anni ferveva uno straordinario rinascimento culturale post-rivoluzionario. Tra il 1923 e il 1926 inizia il suo lavoro di fotografa al fianco di Weston. Inizialmente si concentra sulla natura morta, in particolare sui fiori, e studia la composizione fotografica con particolare attenzione alla luce. Si iscrive poi al Partito Comunista e la sua fotografia si trasforma in racconto sociale. Fotografa la società messicana, i lavoratori, i campesinos e le donne, diventando un punto di riferimento culturale e intellettuale per il Messico: ogni sua fotografia diventa il simbolo di un’epoca.

Tina Modotti ha saputo “dare immagine” ai suoi ideali e al suo impegno politico. Nonostante abbia esercitato la sua arte per pochi anni, è universalmente riconosciuta come una delle più grandi fotografe di sempre.

A partire dal 22 febbraio da questa serie di dieci video nascerà un podcast: i video-documentari continueranno la loro mission divulgativa in forma di audio-documentari attraverso i podcast e saranno disponibili sulle piattaforme Spotify e Apple Podcast.

Immagine: Tina Modotti (1921, San Francisco) © Johan Hagemeyer   

Il Mudec racconta sui social Tina Modotti, tra le più grandi fotografe di sempre
Il Mudec racconta sui social Tina Modotti, tra le più grandi fotografe di sempre


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Il Mart sbarca sulla più importante biblioteca digitale del mondo
Il Mart sbarca sulla più importante biblioteca digitale del mondo
Ecco come sarà la Galleria Nazionale delle Marche. Il nuovo direttore Gallo si presenta
Ecco come sarà la Galleria Nazionale delle Marche. Il nuovo direttore Gallo si presenta
Napoli, Volotea sponsorizza il MANN: finanzierà il nuovo accesso e un'area per bambini
Napoli, Volotea sponsorizza il MANN: finanzierà il nuovo accesso e un'area per bambini
Gli Uffizi da oggi sono in parte visitabili anche da casa grazie al virtual tour
Gli Uffizi da oggi sono in parte visitabili anche da casa grazie al virtual tour
Dopo mesi ad Amsterdam, il San Giovanni Battista di Caravaggio e il Narciso tornano a Roma
Dopo mesi ad Amsterdam, il San Giovanni Battista di Caravaggio e il Narciso tornano a Roma
Museo Bagatti Valsecchi, restaurata la splendida decorazione pittorica ottocentesca della Biblioteca
Museo Bagatti Valsecchi, restaurata la splendida decorazione pittorica ottocentesca della Biblioteca