Il Museo Archeologico della Lomellina acquisisce i preziosi vetri romani della Collezione Strada


Il Museo Archeologico Nazionale della Lomellina di Vigevano acquisisce i preziosi vetri romani della Collezione Strada: una raccolta con pezzi rari, in alcuni casi anche unici, che vanno dal II-I secolo a.C. al I-II secolo d.C.

Da venerdì 8 luglio, il Museo Archeologico Nazionale della Lomellina a Vigevano si arricchisce di un importante nucleo: è infatti esposta una selezione di quarantacinque oggetti archeologici appartenenti alla collezione Strada. Formata da Antonio Strada (1904-1968) a partire da un nucleo di reperti rinvenuti nei terreni di famiglia già nel XIX secolo e arricchita anche con successivi acquisti da altre collezioni, raccoglie 269 pezzi appartenenti ad un arco cronologico che si estende per oltre diciotto secoli, dalla preistoria all’età longobarda, con particolare concentrazione di oggetti databili tra l’età della romanizzazione (II-I secolo a.C.) e la prima epoca imperiale romana (I-II secolo d.C.).Il nucleo più prezioso è costituito dagli oggetti in vetro di età romana, tra i quali spicca la splendida coppa firmata da Aristeas, databile al secondo quarto del I secolo d. C., un unicum per la qualità e l’eccezionale stato di conservazione.

Si tratta di un’anteprima, preludio all’esposizione dell’intera collezione, che avverrà entro l’anno. L’esposizione dell’anteprima conclude, garantendo la fruizione pubblica, un’azione di tutela da parte del Ministero della Cultura che ha inizio nel 1999, quando la collezione fu dichiarata di eccezionale interesse culturale. Conservata nel castello di famiglia a Scaldasole (Pavia), la collezione Strada era nota agli studiosi già a partire dagli anni Sessanta del Novecento, soprattutto per la ricchezza e la qualità del vasellame in vetro. Tuttavia l’importanza dell’insieme, la ricchezza in relazione al contesto lomellino, la qualità e l’eccezionalità di alcuni oggetti consigliavano l’acquisizione a favore di un museo pubblico, per garantirne una più ampia fruibilità, favorirne lo studio e diffonderne la conoscenza. Il Ministero della Cultura ha perciò deciso di avviare la procedura di esproprio per pubblica utilità, con assegnazione al Museo Archeologico Nazionale della Lomellina. Il museo avrebbe così ampliato le proprie collezioni con un nucleo importante, significativo anche per la storia del collezionismo locale, mentre la raccolta, dialogando con il patrimonio del museo, avrebbe trovato un più articolato contesto storico. Il lungo iter di acquisizione si è concluso di recente: il pubblico può così ammirare un nucleo di oggetti particolarmente significativi, in attesa che, dopo i necessari interventi di restauro, si giunga ad una mostra complessiva prima e a un allestimento permanente poi.

La Collezione Strada, pur comprendendo oggetti riferiti ad un vasto arco cronologico, si caratterizza soprattutto per la ricchezza e la particolarità degli oggetti in vetro di età romana, che ne costituiscono indubbiamente il punto di forza. Quasi tutti i reperti provengono della Lomellina, territorio noto a livello archeologico proprio per l’abbondanza, la varietà e la raffinatezza della produzione vetraria. I manufatti, rinvenuti in gran parte durante lavori agricoli tra l’Ottocento e i primi anni del Novecento provengono per la maggior parte da corredi funerari, come prova l’integrità di molti di essi. I materiali comprendono diverse tipologie, dalla ceramica di uso comune a quella più raffinata, dai vetri alla coroplastica, dagli oggetti d’ornamento agli utensili in metallo. Nel tempo, Antonio Strada arricchì la raccolta di reperti ereditati con l’acquisizione di altre collezioni private: tra queste le più consistenti sono la Steffanini, composta di oggetti rinvenuti a Mortara e nei dintorni, e la collezione Volpi-Nigra di Lomello, costituita principalmente da reperti della necropoli delle Brelle. Non mancano pezzi di provenienza extra territoriale (Magna Grecia ed Etruria), probabili acquisti di viaggio o frutto di doni e scambi, e oggetti falsi o di dubbia antichità, come spesso si riscontra nelle collezioni.

Il nucleo di oggetti presentato nell’anteprima è esposto in due vetrine, collocate nella sala II del museo, dedicata all’età romana, situata nella cosiddetta terza scuderia del castello visconteo-sforzesco di Vigevano. Nella prima vetrina sono esposti reperti databili tra la tarda età del Bronzo (XIII secolo a.C.) e l’epoca longobarda (VII secolo d.C.). In alcuni casi si tratta di testimonianze rare nel territorio ma per lo più sono manufatti che trovano ampio riscontro negli oggetti esposti in museo, sia nelle tipologie che negli ambiti culturali. Fra le testimonianze di età romana predomina per quantità la ceramica, con il vasellame di uso comune e prodotti più raffinati di importazione Purtroppo, come spesso accade nelle collezioni, la perdita dei contesti originari rende talora difficile precisare le datazioni.

La seconda vetrina raccoglie una selezione di manufatti in vetro: l’oggetto più noto è l’eccezionale coppa biansata in vetro soffiato in stampo, decorata a rilievo, che reca la firma di Aristeas, databile al secondo quarto del I secolo d. C. La coppa, in vetro verde chiaro, con decorazioni a girali d’acanto e tralci di vite, fu rinvenuta ad Albonese (Pavia) alla fine dell’Ottocento ed entrò a far parte della collezione Steffanini, successivamente acquisita da Antonio Strada. L’eccezionalità di questo reperto non risiede però soltanto nell’alta qualità esecutiva e nella raffinatezza della decorazione, ma si deve soprattutto al fatto che si tratta dell’unico esemplare firmato da Aristeas giunto a noi integro. Di questo artigiano del vetro sono conosciuti infatti solo altri cinque manufatti, tutti pervenutici in condizioni frammentarie. La coppa, insieme ad altri esemplari firmati dal più noto Ennione, è stata esposta recentemente in due prestigiose occasioni al Metropolitan Museum di New York e al Corning Museum of Glass, acquistando fama internazionale tra gli studiosi. La coppa apparteneva ad una produzione di vasellame pregiato e destinato alle élites, opera di artigiani probabilmente mediorientali, di cui sono stati ritrovati alcuni esemplari in territorio pavese e piemontese: la loro presenza testimonia l’esistenza di vivaci scambi commerciali nell’area nel corso della prima età imperiale. Altre rarità, sempre tra gli oggetti in vetro, sono la pisside in vetro blu e un’anforetta porpora con decorazione piumata in bianco, mentre altri manufatti trovano riscontro nella ricca documentazione vitrea del territorio lomellino.

Nell’immagine: in alto a sinistra, Coppa biansata in vetro verde chiaro soffiato in stampo, decorata a baccellature e girali vegetali, con al centro entro la tabula ansata la firma dell’autore in greco: ΑΡΙϹΤΕΑϹ ΕΠΟΙΕΙ, “Aristeas fece” (Da Albonese; secondo quarto del I secolo d.C.); in basso a sinistra, Balsamario sferico in vetro soffiato blu con filamento bianco applicato e avvolto a spirale (da Garlasco; prima metà I secolo d.C.); al centro, Anforetta in vetro soffiato porpora, con decorazione applicata in vetro bianco, che forma un motivo piumato (da Scaldasole; metà I secolo d.C.); a destra, Brocca piriforme monoansata, in vetro soffiato color ambra con decorazione applicata a macchie bianche (da Scaldasole; metà I secolo d.C.)

Il Museo Archeologico della Lomellina acquisisce i preziosi vetri romani della Collezione Strada
Il Museo Archeologico della Lomellina acquisisce i preziosi vetri romani della Collezione Strada


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Roma, la Quadriennale organizza un corso di arte del XXI secolo per tutti
Roma, la Quadriennale organizza un corso di arte del XXI secolo per tutti
Gallerie Accademia Venezia, al via un ciclo di lezioni online di storia
Gallerie Accademia Venezia, al via un ciclo di lezioni online di storia
Palazzo Merulana riapre virtualmente le sue porte con #casamerulana
Palazzo Merulana riapre virtualmente le sue porte con #casamerulana
A Genova inaugurato il MEI - Museo Nazionale dell'Emigrazione Italiana
A Genova inaugurato il MEI - Museo Nazionale dell'Emigrazione Italiana
Torino, Giovanni Carlo Federico Villa è il nuovo direttore del Museo Civico di Palazzo Madama
Torino, Giovanni Carlo Federico Villa è il nuovo direttore del Museo Civico di Palazzo Madama
Gli Uffizi riportano una storica vittoria contro i bagarini online
Gli Uffizi riportano una storica vittoria contro i bagarini online