Dantedì, passeggiata virtuale dantesca nel Parco Archeologico del Colosseo


In occasione del Dantedì, il Parco Archeologico del Colosseo propone una passeggiata dantesca nel suo patrimonio.

Partecipa al Dantedì anche il Parco Archeologico del Colosseo, proponendo un percorso dantesco all’interno del patrimonio del PArCo.

Sul sito ufficiale www.parcocolosseo.it e sui canali social Facebook, Instagram, Twitter e Youtube si ripercorrerà la storia del PArCo attraverso le terzine dantesche che raccontano alcune delle vicende della storia di Roma.

Ancora oggi il Foro Romano, il Palatino e i Fori imperiali conservano le testimonianze storiche dei personaggi a cui Dante ha dato voce nella sua Commedia, e in questi luoghi sono state venerate le divinità pagane. Si avrà quindi occasione di riscoprire, leggendo le terzine dantesche, le vicende di Enea e del Palladio, il pastore Caco, l’evoluzione del potere attraverso Cesare, il princeps Augusto e Giustiniano, l’umiltà di Traiano, fino a giungere alla figura di san Pietro e alle numerose divinità tutelari del Pantheon romano.

Il pubblico sarà accompagnato in questo viaggio dantesco dalle voci narranti di attori che partecipano all’iniziativa ideata e curata dalle funzionarie archeologhe Elisa Cella e Federica Rinaldi. Ad aprire la maratona è la voce di Massimo Ghini, seguito da Giuseppe Cederna, Rosa Diletta Rossi e Domenico Cupaiuolo.

Nell’immagine: veduta meridionale del Palatino 

Dantedì, passeggiata virtuale dantesca nel Parco Archeologico del Colosseo
Dantedì, passeggiata virtuale dantesca nel Parco Archeologico del Colosseo


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma