Le opere d'arte nell'era del virtuale tra gemelli digitali e NFT Phygital


Opere d'arte nell'era della riproduzione digitale: quali i confini tra l'esperienza reale e quella virtuale? Si parla sempre più di “phygital”, esperienza a metà tra i due regni: ecco le implicazioni che potrebbe avere per i musei.

Non sorprende che l’editoriale dell’ultimo numero di The Burlington Magazine (marzo 2022) sia dedicato all’arte nell’era della riproduzione digitale. Prendendo spunto dal saggio di Walter Benjamin del 1936 L’opera d’arte nell’era della riproduzione meccanica, l’editoriale parla della dialettica tra originale e copia, portando avanti il ??discorso anche per quanto riguarda le opere d’arte digitali. “Il mezzo sembra erodere completamente la distinzione tra originale e copia”, afferma l’editoriale, “poiché qualsiasi opera del genere potrebbe, in teoria, essere riprodotta un numero illimitato di volte con perfetta accuratezza”.

Un punto sollevato dall’editoriale di The Burlington Magazine mi è sembrato perspicace. Nella scelta di descrivere le risorse digitali come copie certificate di opere d’arte originali, l’editoriale fa un’osservazione molto pertinente: “... uno schermo non sembra la superficie di una tela”, quindi queste dovrebbero essere considerate, a tutti gli effetti, copie. Ciò che l’editoriale di The Burlington Magazine tiene particolarmente a sottolineare è l’essenza di un’opera d’arte e la sua materialità. Tendo a guardare a questo aspetto dalla prospettiva dell’utente, in particolare del pubblico dei musei.

Il mio punto è piuttosto semplice. Tendiamo a dimenticare che quando godiamo di un’opera d’arte, compiamo a tutti gli effetti un’esperienza multisensoriale. Piuttosto che essere un’esperienza puramente visiva, la nostra esperienza dell’arte fisica è multisensoriale. Il nostro primo incontro con l’essenza di un’opera d’arte è, il più delle volte, visivo, ma questo ci porta più a fondo per impegnarci con il suono catturato all’interno di strati di pittura. Altri sensi seguono a ruota. L’olfatto e il gusto sono evocati nella nostra mente dagli oggetti raffigurati o dall’astrazione che l’artista ha creato. Proviamo a nostro modo delle sensazioni osservando la forma e il volume dell’opera d’arte che vediamo.

L’editoriale di The Burlington Magazine sembra suggerire che le risorse digitali coniate come NFT potrebbero non avere questo potenziale di esperienza multisensoriale. È così o c’è di più?

NFT. Immagine di Milad Fakurian
NFT. Immagine di Milad Fakurian

Le conversazioni sulla dialettica tra l’opera d’arte fisica e la sua versione digitale coniata come NFT da numeri sempre crescenti di musei negli ultimi mesi sono generalmente informate dall’idea del gemello digitale. Il concetto esiste da un po’ di tempo. L’industria lo descrive come un programma digitale o una rappresentazione virtuale. Una definizione appropriata si legge in queste righe: “... una rappresentazione virtuale di un oggetto o di un sistema che copre il suo ciclo di vita, viene aggiornata da dati in tempo reale e utilizza la simulazione, l’apprendimento automatico e il ragionamento per aiutare il processo decisionale”. Seguendo questa definizione, un gemello digitale sarebbe una risorsa con uno scopo, a sostegno del fisico, e da cui piuttosto si trae. È molto meno di una versione digitale identica che ha la stessa aura dell’originale con cui condivide un’esistenza. Potrebbe benissimo essere il caso che l’idea di un gemello digitale di per sé possa ispirare un nuovo modo di pensare per le NFT, sebbene questo possa essere informato anche dal phygital.

Approfondiamo ulteriormente questo aspetto. Linguisticamente, la parola phygital è una combinazione delle parole “fisico” e “digitale” per indicare il sempre crescente incrocio esperienziale e la fusione di questi due mondi. In altre parole, il termine si riferisce alle modalità e ai mezzi con cui questi due regni - fisico e digitale - si fondono l’uno nell’altro e quindi è sempre più difficile abitarli separatamente. Possiamo pensare a una NFT phygital come a un’opera d’arte che può passare da uno stato fisico a uno digitale o viceversa, e che può anche essere vissuta separatamente o alternativamente. Potrebbe anche essere una combinazione di due stati, fisico e digitale, per cui l’aura dell’originale di Benjamin è condivisa tra i due stati.

Questo pensiero sta già prendendo forma. Possiamo citare la piattaforma Phygi come un buon esempio di questo pensiero. Su questa piattaforma, gli NFT possono cambiare materia da digitale a fisica, che si tratti di poster, oggetti indossabili o qualsiasi altra forma tangibile. Un altro esempio da citare sarebbe la piattaforma milanese Asthetes. Questo pensiero è relativamente più facile da applicare nel caso della pratica artistica contemporanea, ma molto più complesso per informare il concetto alla base degli NFT phygital per le opere d’arte antica. È qui che un cambiamento di mentalità potrebbe fare la differenza. Piuttosto che considerare l’aura come un punto di partenza, l’esperienza dell’utente potrebbe invece avere molto più potenziale. Nel caso dei musei, il phygital potrebbe indicare una combinazione di stati molto più informata dall’esperienza multisensoriale di un’opera d’arte. Questo pensiero intorno al multisensoriale esiste da un po’ di tempo. Il progetto Art Sensorium, sviluppato dalla Tate nel 2015, è un buon esempio tra molti altri che potrebbero informare l’esperienza NFT phygital dei gemelli digitali coniati per le opere d’arte nelle collezioni dei musei.

La questione è affascinante. Possiamo effettivamente estrarre il paesaggio sonoro di un dipinto, una molteplicità di punti di vista dall’interno del dipinto stesso che può espandere l’esperienza dell’utente di un’opera d’arte e coniata come NFT per essere considerata come una stessa opera d’arte phygital? Possiamo anche portare questa idea molto oltre. L’esperienza di un’opera d’arte è solitamente soggettiva, personalizzata e raramente condivisa, eccezion fatta per le visite di gruppo e le piattaforme social. E se gli NFT phygital documentassero la molteplicità delle esperienze soggettive da parte del pubblico del museo, comprese le coordinate e le date in cui quella memoria soggettiva è stata registrata? Immagina di poter tramandare la memoria soggettiva di un incontro con un’opera d’arte e stratificare ogni ricordo in quella che nel tempo può diventare una storia dell’arte pubblica grazie a uno speciale smart contract abilitato da chip o codici QR che possono accedere a dati e memorie NFT.

In breve... piuttosto che considerare l’ambizione di monetizzare come punto di partenza, i musei potrebbero invece fare bene a esaminare l’esperienza dell’utente. Piuttosto che guardare alle tendenze informate da ciò che è accaduto, i musei potrebbero avere molto di più da guadagnare esaminando le possibilità nella loro ricerca di un’utilità e uno scopo significativi.

Una parola di cautela. Non c’è dubbio che le possibilità future per i musei e le NFT phygital siano quasi infinite. La questione, tuttavia, è sfidante. Si tratterebbe di un’innovazione che si adatta alla pratica museale o potremmo guardare a un nuovo pensiero museologico che sposta radicalmente lo status quo in direzioni che devono ancora essere comprese e tanto meno considerate? Ci aspettano tempi emozionanti, davvero.


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE

Sandro Debono

L'autore di questo articolo: Sandro Debono

Pensatore del museo e stratega culturale. Storico dell'arte, ideatore oltre che ex direttore del Museo Nazionale-Comunitario di Malta, il MUZA. Insegna museologia all'Universita di Malta, membro academico della European Museum Academy oltre che rappresentante nazionale e membro del comitato consultivo di We Are Museums, la piattaforma internazionale degli innovatori e change makers nel mondo dei musei. Curatore di svariate mostre internazionali, autore di svariati libri. Scrive spesso sui futuri del museo ed ha il suo blog publication - The Humanist Museum.


Dopo il virus l’Europa sarà come l’Impero Romano all'epoca della caduta, se non saprà rifondarsi
Dopo il virus l’Europa sarà come l’Impero Romano all'epoca della caduta, se non saprà rifondarsi
Tosatti da solo per il Padiglione Italia? Fatto grave, evento unico nel suo estremismo
Tosatti da solo per il Padiglione Italia? Fatto grave, evento unico nel suo estremismo
Abolire le prenotazioni obbligatorie nei festivi per i musei
Abolire le prenotazioni obbligatorie nei festivi per i musei
Perché è profondamente sbagliato chiudere Rai Storia per accorparla a Rai 5
Perché è profondamente sbagliato chiudere Rai Storia per accorparla a Rai 5
Musei: la Superlega dei ricchi è già realtà, ma nessuno si è opposto
Musei: la Superlega dei ricchi è già realtà, ma nessuno si è opposto
No alla censura sulla cultura russa. Cancellare Dostoevskij è grottesco
No alla censura sulla cultura russa. Cancellare Dostoevskij è grottesco


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti





Torna indietro