Ancora sulla battaglia di Anghiari: la bufala del 'Cerca trova'


Chiariamo con questo articolo perché la scritta 'Cerca trova' nella Battaglia di Marciano di Giorgio Vasari non si riferisce alla Battaglia di Anghiari di Leonardo.

Mentre cercavamo materiale per scrivere il riassunto della ricerca della Battaglia di Anghiari di Leonardo da Vinci, la pittura murale che Maurizio Seracini e il suo team vorrebbero trovare sotto alla Battaglia di Marciano della Chiana di Giorgio Vasari nel Salone dei Cinquecento (Palazzo Vecchio, Firenze), ci siamo imbattuti in una impressionante serie di articoli tratti dalle fonti più disparate (quotidiani, riviste, blog, siti web, forum e quant’altro) che riportano un’osservazione dello stesso Seracini. Un’osservazione che a detta di molti sarebbe un enorme e inequivocabile indizio della presenza del dipinto di Leonardo sotto a quello di Vasari. In un articolo apparso nel mese di marzo sul Corriere Fiorentino si legge: “negli anni ’70, Seracini notò le parole ’cerca trova’ dipinte nell’affresco del Vasari e cominciò a credere che si trattasse di un indizio per risolvere il mistero del Leonardo perduto”1. O ancora, da La Nazione: “una prova essenziale per Seracini è rappresentata dalle parole ’Cerca trova’, impresse sopra uno stendardo dipinto nell’affresco del Vasari”2.

La scritta in questione, “Cerca trova”, si trova rappresentata su una bandiera verde portata dai ribelli fiorentini che combattendo dalla parte dei senesi si scontrarono con l’esercito mediceo a Marciano della Chiana. Ora, basterebbe un minimo di buon senso per evitare di pensare che quella sia, come i quotidiani (e Seracini) vogliono farci credere, una prova inconfutabile del fatto che Vasari abbia nascosto sotto alla Battaglia di Marciano della Chiana il perduto dipinto leonardesco. Persino l’animatore parrocchiale più a corto di idee sarebbe in grado di escogitare qualche espediente più raffinato per far capire che sotto a un dipinto se ne cela un altro, e pensare che Vasari sia stato così banale e scontato da scrivere “Cerca trova” per indicare che sotto al suo affresco ci sarebbe la Battaglia di Anghiari di Leonardo da Vinci, ridimensionerebbe di molto la grandezza di uno degli storici dell’arte più importanti di sempre (oltre che di uno dei principali esponenti del Manierismo).

Ma noi di Finestre sull’Arte, oltre a usare il buon senso, vogliamo anche fornire prove per quello che diciamo. Per capire quindi quella scritta “Cerca trova” è necessario spendere due paroline sulla battaglia che si combattè a Marciano della Chiana il 2 agosto del 1554. Lo scontro, noto anche come Battaglia di Scannagallo dal nome del fosso presso cui fu combattuta, vide opposti fiorentini, imperiali e spagnoli da una parte, tutti comandati da Gian Giacomo de’ Medici, e senesi, francesi e svizzeri (oltre a fuoriusciti fiorentini) dall’altra: le forze senesi erano comandate da Piero Strozzi, anche lui fiorentino (non dimentichiamo che gli Strozzi furono praticamente da sempre rivali dei Medici).

Tutto questo avvenne nel contesto delle guerre contro Siena, che si arrese definitivamente a Firenze nel 1559, anno in cui la Repubblica di Siena cessò di esistere e i suoi territori andarono a confluire in quelli fiorentini (e ovviamente fu anche l’anno dell’ingresso trionfale a Siena del duca di Firenze Cosimo de’ Medici, divenuto poi nel 1569 granduca di Toscana). La battaglia di Marciano della Chiana fu vinta dai fiorentini, e l’episodio segnò l’inizio della fine per Siena perché l’esercito al comando di Piero Strozzi subì una sconfitta gravissima e di fatto lasciò il via libera alla conquista di Siena da parte di Firenze.

Lo scontro viene descritto con dovizia di particolari nelle Istorie Fiorentine dello storico fiorentino Bernardo Segni (1504-1558), che ci descrive anche alcune delle bandiere portate dagli avversari dei fiorentini: ed è qui che iniziamo a capire che quel “Cerca trova” notato da Seracini si riferisce a tutt’altra situazione. Leggiamo infatti in Bernardo Segni, a proposito dei giovani fuoriusciti fiorentini che combattevano al fianco dei senesi e dei francesi: "a questi il re Enrico di Francia per più animargli in questo proposito, aveva donate loro venti bandiere, le quali erano di colore verde, entrovi scritto il nome di libertà con quel verso di Dante: Libertà vo cercando, ch’è sì cara"3. Una bandiera verde, come quella dipinta da Vasari, e con un motto che non è poi così dissimile da quello che leggiamo sull’affresco. E sappiamo inoltre che altre bandiere, anch’esse verdi, recavano altri motti inneggianti alla libertà di Firenze (intesa come libertà dai Medici), per esempio la scritta Libertas o la sigla SPQF (Senatus Popolusque Florentinus, “il senato e il popolo fiorentino”). Ma perché Vasari ha deciso di scrivere “Cerca trova” e non l’intero verso dantesco che secondo Segni decorava le bandiere dei ribelli?

Per rispondere a questa domanda ci viene in aiuto uno storico dell’arte che notò la scritta “Cerca trova” ben prima di Seracini: ora noi non sappiamo se Maurizio Seracini ritiene di essere il primo ad averla notata, ma in tal caso dobbiamo informarlo che arriva almeno per secondo. Nel 1969 infatti lo storico dell’arte Lionello Giorgio Boccia pubblicava sulla rivista L’Arte un saggio intitolato Un inedito dello Stradano: la Rotella Odescalchi all’interno del quale si faceva riferimento non soltanto all’affresco di Vasari rappresentante la battaglia di Marciano della Chiana, ma anche alle bandiere portate dagli schieramenti, tra le quali ovviamente quella verde con la scritta “Cerca trova”! Ma leggiamo cosa scriveva Boccia a proposito delle bandiere: “Altre, numerose, sono verdi ed erano, come si è visto, quelle dei fuoriusciti fiorentini antimedicei. Queste bandiere verdi compaiono anche nel grande affresco vasariano, ma al posto del LIBERTAS S.P.Q.F. che vi doveva comparire, una di esse (la penultima verso l’estrema ala sinistra dello Strozzi) è iscritta, con pesante ironia, ’chi cerca trova’, per alludere alla falsa ricerca di libertà dei fuoriusciti, divenuti strumento straniero e che ora trovavano il giusto castigo”4.

Dunque la frase che molti vorrebbero come prova inconfutabile del fatto che Vasari abbia nascosto la Battaglia di Anghiari sarebbe in realtà un motto sarcastico, un motto di scherno nei confronti di un gruppo di esuli ribelli (considerati ovviamente traditori di Firenze) che combattendo al fianco di Siena cercavano un modo per liberare Firenze dai Medici, e per quella libertà che avevano cercato, avevano in cambio trovato una durissima punizione, perché molti a seguito dello scontro furono fatti prigionieri, portati a Firenze e quindi giustiziati. Ecco quindi spiegato il senso di quel “Cerca trova” inserito sul drappo verde. O vogliamo ancora continuare a credere che Vasari abbia organizzato una banalissima caccia al tesoro, con il risultato che da artista-storico dell’arte, Giorgio Vasari viene trasformato in un animatore turistico?


Note

1. Federica Sanna, Alla ricerca del Leonardo perduto, “C’è lo stesso nero della Gioconda”, da Corriere Fiorentino, 12 marzo 2012
2. Leonardo, l’ultimo segreto. Il docufilm che racconta la battaglia di Anghiari, da La Nazione, 12 marzo 2012
3. Bernardo Segni, Istorie Fiorentine dall’anno MDXXVII al MDLV, edizione Barbera, Bianchi e comp. del 1857, libro XIV, pagg. 547-548. A questo indirizzo è disponibile una versione digitale del testo.
4. Lionello Giorgio Boccia, Un inedito dello Stradano: la Rotella Odescalchi, in L’Arte, vol. 5, 1969, pag. 111.


Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, nato a Massa nel 1986, laureato a Pisa nel 2010. Ho fondato Finestre sull'Arte con Ilaria Baratta. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left.

Leggi il profilo completo

Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante, clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter: niente spam, una sola uscita settimanale per aggiornarti su tutte le nostre novità!


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Grazia in data 17/08/2012, 23:28:33

Vasari che organizza cacce al tesoro, Matteo Renzi come Indiana Jones e Maurizio Seracini più  fantasioso di Dan Brown. Insomma, a questo punto, il"Codice da Vinci" non è nulla al confronto...Peccato che non siamo a Hollywood e che i soldi, pubblici e privati, sprecati in questa vana impresa potevano essere utilizzati meglio altrove.





2. Federico D. Giannini in data 19/08/2012, 10:16:41

Firenze avrebbe bisogno secondo me di risorse da dedicare a un ampio progetto che possa decongestionare il centro storico e a togliere l'enorme massa dall'asse Accademia-Calzaioli-Uffizi per frammentarla portandola alla scoperta dei tantissimi altri capolavori sparsi per la città, invece si sprecano soldi per operazioni come questa che vanno proprio nella direzione opposta, probabilmente non hanno mai fatto un giro per il centro storico nelle stagioni di massimo afflusso e ancor più probabilmente non sanno perché la massa entra nei musei... non tanto perché interessati a scoprire le vicende dell'arte fiorentina attraverso i secoli quanto perché vedere la Venere o il David segnalati nelle guide turistiche è sentito come un obbligo.





3. Daniela Crugnola in data 19/05/2013, 15:09:50

Dan Brown ci è arrivato...



4. Federico Giannini in data 24/05/2013, 17:07:05

Vero ci è arrivato... :-) E chissà cosa si sarà inventato :-)



5. Maria Cecilia D'alessandro in data 16/04/2014, 20:29:40

:::E il sindaco Domenici (DS) che voleva far passare i filobus accanto al Duomo? Che belle persone!AH, FIORENZA MIA! ...



6. Leo in data 14/10/2016, 14:57:13

Stupende e precise osservazioni sulla scritta del Vasari. Cio' non toglie comunque il fatto che il famoso dipinto Leonardesco anche se incompiuto, fu fatto proprio su quella parete.



7. Federica in data 09/11/2016, 18:43:44

Sono completamente d'accordo con voi. Perché si deve sempre cercare del mistero in tutto? Perché fa ascolti ovvio! Mi ricordo ancora quando su "Voyager" fecero vedere il prelevamento del pigmento tramite un forellino praticato sull'affresco di Vasari. Metterebbero in pericolo un'opera d'arte per l'audience. Bah!



8. Gino in data 05/02/2017, 15:29:11

MA veramente se si vedono i due dipinti si vede che quello di Vasari contiene quello di DaVinci. E' piuttosto evidente



9. francesco in data 08/07/2018, 03:48:46

"Dunque la frase sarebbe in realtà un motto sarcastico" scrivete voi, usando giustamente il "sarebbe", perchè state smentendo una bufala con dicerie, interpretazioni, nulla di certo . quindi con altre bufale.



Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Cinquecento     Novecento     Barocco     Quattrocento     Firenze     Genova     Roma    

Strumenti utili