Renzi, Franceschini e Madia: rottamatori di beni culturali? Verso lo smantellamento delle soprintendenze


Con il ddl Madia, le soprintendenze potrebbero confluire nella prefettura: potrebbe essere un durissimo colpo alla tutela del nostro patrimonio.

Come nel 2014, anche quest’anno, in piena estate, i nemici dei beni culturali iniziano a oliare gli ingranaggi della loro macchina. Nel 2014, sempre nel mese di luglio, evidentemente giovandosi dell’atmosfera estiva, delle ferie vicine e della conseguente disattenzione di molti, avevano partorito la pessima riforma del MiBACT, di cui abbiamo parlato a lungo su queste pagine. Una riforma che dava il via allo smantellamento delle soprintendenze come le avevamo conosciute fino ad allora, attraverso l’istituzione delle commissioni regionali per il patrimonio culturale (art. 39 del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri) che ha dato il via ufficiale alla riforma), che di fatto scavalcano la soprintendenze in molti compiti, l’istituzione dei poli museali regionali, e altre misure come l’accorpamento e la soppressione di diverse soprintendenze: per esempio, Arezzo è stata accorpata con Siena e Grosseto, e ancora le due soprintendenze calabresi, quella di Catanzaro, Crotone e Cosenza, e quella di Reggio Calabria-Vibo Valentia, sono state soppresse ed è stata creata un’unica soprintendenza regionale, e praticamente ovunque le soprintendenze ai beni architettonici sono state unite a quelli per i beni storico-artistici. Insomma: meno istituti, con compiti più confusi, ma con meno poteri. E non dimentichiamoci l’ultimo parto della riforma, ovvero l’inutile concorso per la nomina dei direttori dei venti musei autonomi.

La riforma del MiBACT, a tutti gli effetti, ha spianato la strada per gli ultimi colpi che potrebbero essere inferti alla tutela dei nostri beni culturali e del nostro paesaggio, in barba a tutti i proclami sull’arte e sulla cultura pronunciati dai nostri politici che, a parole, si direbbero paladini dell’arte, ma nei fatti mostrano o il più totale disinteresse o il più becero opportunismo e, pertanto, cercano di fare in modo che il lavoro di chi veramente tutela il nostro patrimonio proceda con sempre maggiori difficoltà. Il tutto, adesso, in nome dell’efficienza. Che non parrebbe altro che una scusa, peraltro anche decisamente debole e vacillante, per coprire altri interessi: e per capire quali possano essere tali interessi, basta solo pensare ai continui slogan del presidente del consiglio (“Gli Uffizi sono una macchina da soldi”, “Soprintendente è una delle parole più brutte del vocabolario”, “Per valorizzare la cultura meno soprintendenze borboniche, più vitalità”, tanto per citarne alcuni).

Renzi, Franceschini e Madia
Renzi, Franceschini e Madia. Le prime due immagini sono di VVox.it, la terza è di Francesco Pierantoni. Tutte e tre sono distribuite con licenza Creative Commons.

Vogliamo davvero degli apparati statali efficienti? Si eliminino gli sprechi e le spese improduttive e inutili, e si investa in formazione, in turn-over e in nuove assunzioni: le soprintendenze soffrono di cronica mancanza di personale, e quello che è rimasto ha un’età media alta e di conseguenza è spesso inadatto ad affrontare molte delle sfide che il futuro presenta alla cultura (una su tutte: il rapporto tra la cultura e il digitale). E invece il governo, per rendere a suo dire più efficienti gli apparati dello Stato, decide di esautorarli, di privarli di poteri fondamentali, di ridurre i loro ambiti di intervento, di subordinarli ad altri istituti che magari non avrebbero le competenze per decidere nelle loro materie, ma vengono messi in grado di farlo in virtù del loro livello nella struttura organizzativa dello Stato.

Nei giorni scorsi avevamo parlato del ddl Madia, che ha lo scopo di riformare la pubblica amministrazione, e in particolare avevamo parlato dell’articolo 3, che introduce il silenzio assenso nei rapporti tra le amministrazioni dello Stato: se un amministratore pubblico, tenuto a rispondere a una richiesta, non riesce a farlo in una tempistica prestabilita, la richiesta sarà automaticamente considerata accettata. Avevamo già detto della pericolosità di questa misura, e vi rimandiamo dunque all’articolo in cui ne avevamo discusso.

Il ddl Madia però contiene anche altre sorprese, parimenti insidiose: c’è un articolo, il numero 7, che al comma 1c prevede la “confluenza nell’Ufficio territoriale dello Stato di tutti gli uffici periferici delle amministrazioni civili dello Stato”. L’Ufficio Territoriale dello Stato non sarebbe altro che la Prefettura, che dopo la riforma assumerà tale nuova denominazione. Ne consegue che, essendo la soprintendenza un “ufficio periferico delle amministrazioni civili dello Stato”, tutte le soprintendenze potranno confluire nelle Prefetture, e quindi dipendere dai prefetti. Sui rischi di questa confluenza ha scritto bene, qualche giorno fa, Tomaso Montanari su Repubblica: le soprintendenze non sono gli uffici dove lavorano “coloro che rompono le scatole a chi decida di aprire una finestra sul tetto”, ma sono piuttosto gli istituti che “si oppongono alle speculazioni che continuano ad affogarci nel cemento”. Il rischio concreto potrebbe consistere, come evidenzia Montanari, nella subordinazione del soprintendente al prefetto, con tutto ciò che potrebbe conseguirne in termini di decisioni e competenze. La Camera dei Deputati, tuttavia, ha approvato un ordine del giorno che “impegna il governo a prevedere che le funzioni dirette di tutela, conservazione, valorizzazione e fruizione dei beni culturali previste dal Codice dei beni culturali (D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42), rimangano di competenza esclusiva ed autonoma dell’amministrazione preposta alla tutela dei beni culturali”. Come, non è dato sapere: attendiamo dunque gli sviluppi, ma di certo c’è di che essere preoccupati.

A tal punto che ieri è stato lanciato un appello a Dario Franceschini, firmato da diverse personalità di spicco della nostra cultura (figura, tra gli altri, anche l’ex ministro Massimo Bray), per chiedere al ministro di vigilare su eventuali violazioni dell’articolo 9 della Costituzione. Far sì che la soprintendenza diventi subordinata alla prefettura, potrebbe di fatto costituire una fattispecie perché si parli, appunto, di violazione dell’articolo. Noi comunque nutriamo qualche piccola perplessità sulla riuscita dell’appello: se l’attacco alla soprintendenza è partito da una riforma che è stata un po’ il cavallo di battaglia di Franceschini, le speranze di fatto si riducono. Anche se non sono del tutto perse dacché Franceschini ha comunque mostrato buon senso sulla vicenda del silenzio assenso, quindi ci auguriamo possa rispondere in modo positivo all’appello. Rimane il fatto che le riforme firmate Franceschini e Madia (anche se sono in tutto e per tutto prodotti fortemente voluti da Renzi) costituiscono il punto di partenza per la rottamazione dei nostri beni culturali: possiamo ancora opporci allo smantellamento definitivo delle soprintendenze e alla conseguente fine del sistema di tutela del patrimonio per come l’abbiamo conosciuto sinora, ma dobbiamo mostrare una forte passione nel criticare l’azione del governo.


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90€

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, nato a Massa nel 1986, laureato a Pisa nel 2010. Ho fondato Finestre sull'Arte con Ilaria Baratta. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left.

Leggi il profilo completo


Un mega ascensore panoramico addossato al Colosseo. Fantascienza? No, possibile effetto del DDL Madia
Un mega ascensore panoramico addossato al Colosseo. Fantascienza? No, possibile effetto del DDL Madia
Quanto è inutile il concorso per i direttori dei nuovi musei statali?
Quanto è inutile il concorso per i direttori dei nuovi musei statali?
La riforma del MiBACT: tutt'altro che rivoluzionaria. Poche idee buone, tanti dubbi
La riforma del MiBACT: tutt'altro che rivoluzionaria. Poche idee buone, tanti dubbi


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. gianni in data 26/07/2015, 21:31:45

se l'Italia ha un patrimonio culturale di cui parlare è grazie alle Soprintendente. Per tutto il Novecento tutti i politici che si sono succeduti hanno lasciato le strutture tecnico scientifiche (le soprintendenze appunto) al riparo dalle ingerenze del potere politico. Proprio per salvaguardare la tutela del patrimonio dalle pressioni cui un politico è sottoposto, volente o nolente. Adesso questa autonomia infastidisce... altro che burocrazia....




2. brigantino in data 27/07/2015, 10:59:03

Pensavo di essere iscritto ad una newsletter che si occupa di arte e non di politica, credo che per parlare di arte si debba essere competenti della materia, e lo stesso penso della politica. Troppo spesso ho sentito, e letto, giudizi nati da una visione particolare e troppo spesso vedo che qualunque cambiamento viene bollato come dannoso e distruttivo (ma per cautelarci, non si sa mai, lo si fa precedere da un condizional: "potrebbe", "rischierebbe" ecc ecc) ma questa Italia è così perchè è sempre stata refrattaria alle innovazioni.
Avanti facciamoci ancora del male.



3. Giovanni in data 29/07/2015, 13:05:37

Quando si ha mal di denti si va dal dentista per curare "il dente malato" e non dal chirurgo per farsi tagliare la testa ... Nello stesso modo se nelle Soprintendenze qualcosa non funziona si elimina ciò' che non va ma perché cancellare anche tutto quello che funziona ?
Giovanni



Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Barocco     Quattrocento     Genova     Toscana