Giancarlo Galan presidente della Commissione Cultura: se qualcuno ha voglia di commentare...


Ci hanno chiesto perché sul sito non ci siamo occupati della nomina di Giancarlo Galan a Presidente della Commissione Cultura. Ecco cosa ne pensiamo.

Alcuni nostri amici, lettori e fan di Facebook ci hanno chiesto perché abbiamo profuso parole sulle nomine di Massimo Bray e di Ilaria Borletti Buitoni ma non abbiamo espresso alcun commento sulla nomina di Giancarlo Galan a presidente della Commissione Cultura della Camera1. La nostra risposta: vi sembra che sia il caso di commentare? Su Bray e Borletti Buitoni si poteva almeno discutere di idee, condivisibili o meno che fossero. Su Galan, l’unica cosa che possiamo fare è ricordare il suo recente curriculum, ovvero quando il parlamentare del PdL ha avuto a che fare con la cultura.

Il 23 marzo del 2011, Galan veniva nominato Ministro per i Beni Culturali in seguito alle dimissioni di Sandro Bondi2. L’ex-ministro Galan si ricorda intanto per il suo programma per i beni culturali, fondato sull’assunto “la cultura è la benzina del paese” (abbiamo già discusso più volte sul sito di quanto sia inopportuna -oltre che vecchia- questa metafora). Tra le sue proposte: un “consiglio dei giovani per il ministero dei beni culturali con i migliori laureati italiani nel settore” (mai costituitosi), “norme per facilitare capacità di spesa del ministero” e per Pompei “una norma che faciliti le sponsorizzazioni” (mai viste), un generico “punterò anche sul terzo settore no profit e le imprese per la cultura”3: insomma, un “piano Roosevelt della cultura”, come lo aveva definito a suo tempo. Peccato però che di questo piano Roosevelt non siano rimaste grosse tracce nella cultura italiana.

Giancarlo Galan si ricorda anche per un famoso provvedimento, concreto (anzi... fin troppo concreto!): un articolo de Il Giornale dell’Arte uscito sull’edizione cartacea del giornale nel luglio 2011, faceva sapere che “tra gli esperti scelti da Galan come consiglieri personali” figurava anche Marino Massimo De Caro (“già con Galan all’Agricoltura per le bioenergie”, puntualizzava il giornale)4. Non serve ricordare chi sia Marino Massimo De Caro, che in seguito sarebbe stato nominato (sebbene non da Galan, che neppure ratificò la nomina) direttore della Biblioteca dei Girolamini: basta cercare un po’ su Google per farsi un’idea ben definita. E benché Galan si sia dichiarato “amareggiato” per i saccheggi alla Biblioteca dei Girolamini e abbia avvertito “tutta la responsabilità morale di aver eletto De Caro ad incarico così delicato”5, l’aver nominato De Caro come suo consigliere probabilmente non per particolari titoli professionali o scientifici (come si può desumere dal suo curriculum), ma perché gli fu segnalato da Marcello Dell’Utri6, non gioca certo a suo favore. E su tutto questo, si è già espresso appena tre giorni fa Tomaso Montanari sul suo blog sul Fatto Quotidiano7. Montanari però ha fatto in tempo a non assistere alle prime dichiarazioni di Giancarlo Galan in qualità di presidente della Commissione Cultura.

Date le premesse, chi ha voglia di commentare?


Note

1. Cfr. Camera: Galan (Pdl) presidente commissione Cultura, da asca, 7 maggio 2013

2. Cfr. Governo, Galan lascia il ministero dell’Agricoltura e va ai Beni culturali, da La Nuova di Venezia e Mestre, 23 marzo 2011

3. Cfr. Galan: “La cultura? È la benzina del paese. Incassi dei musei vadano al Mibac”, da ADN Kronos, 13 aprile 2011; Il ministro Galan: “Cultura è benzina del paese Non servono più soldi ma capacità di investire”, da Il Giornale, 13 aprile 2011; Cultura, il piano del neo-ministro Galan, da Lettera 43, 13 aprile 2011

4. Cfr. Tutti i consiglieri del ministro, da Il Giornale dell’Arte, luglio 2011

5. Cfr. Girolamini, l’ex ministro Galan ai pm: «De Caro mi fu segnalato da Dell’Utri», da Il Mattino, 29 gennaio 2013

6. Cfr. articolo in nota 6

7. Cfr. Tomaso Montanari, Commissioni, Galan alla Cultura: aiuto!, da Il Fatto Quotidiano, 11 maggio 2013


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, nato a Massa nel 1986, laureato a Pisa nel 2010. Ho fondato Finestre sull'Arte con Ilaria Baratta. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left.

Leggi il profilo completo


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



1. Sandra Poli in data 15/05/2013, 07:44:52

Tutto quello che concerne l'arte tiene... il vantaggio di accrescere, evoluzionare e moldeare la virtu' dell'approfondimento in materia....che evidentemente traccia esseri piu' consoni a determinate esigenze di essere persone competenti in un mondo che fa acqua da tutte le parti....dovuto all'inquinazione che il sistema sociale apporta negativamente alla cultura....come la scuola per esempio che e' uno studio che la societa' mette a disposizione di persone che di creativita' tengono ben poca:solo sono laureati del sistema....che prima perlomeno trovavano lavoro....ora nemmeno quello....gli artisti sempre hanno seguito la loro linea....anche se sempre sono stati appunto ostacolizzati per questo motivo.....non si fanno imporre regole....che all'ora della verita'....solo emarginano....giusto e propriamente chi veramente vale.....



Commenti dal post ufficiale su Facebook



Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana