I bronzi di Riace alla pompa di benzina


A proposito di pubblicità brutte: la statua A dei bronzi di Riace è diventata un benzinaio per promuovere un concorso dall'originalissimo titolo 'Cultura petrolio d'Italia'.

E sì che di campagne pubblicitarie brutte ne avevamo viste, e anche tante. E in questo senso il MiBAC è stato un maestro. Abbiamo visto il povero David di Michelangelo portato via dagli elicotteri. Abbiamo visto il giovane del Bacio di Francesco Hayez cambiare partner e scegliere una ragazza in jeans e sneakers. Abbiamo visto Zefiro e Cloris dalla Nascita di Venere di Sandro Botticelli spegnere le candeline di una torta di compleanno. Abbiamo visto il ritratto d’uomo di Antonello da Messina la cui espressione seria e vagamente enigmatica è stata trasformata in un sorriso soddisfatto per l’incremento dei visitatori ai musei statali, e non contenti di ciò i creativi (se così li si può chiamare) del MiBAC hanno ben pensato di accompagnare il ritratto “rivisitato” con una ulteriore rivisitazione, quella della famosa frase di Napoli milionaria di Eduardo de Filippo che però, posta nei termini del manifesto, sembra più una frase di una canzone di Gigi D’Alessio. Oltretutto non si capisce cosa avrà avuto da festeggiare il ritratto di Antonello, dato che è conservato alla National Gallery di Londra. Per la festa delle donne abbiamo visto una orrenda rivisitazione della Velata di Raffaello trasformata in un brutto ceffo barbuto, e abbiamo visto anche uno dei bronzi di Riace offrire un bouquet di mimose. E mi fermo qui ma si potrebbe continuare a oltranza: probabilmente i creativi del MiBAC hanno sul contratto una clausola che li obbliga a tormentare i grandi capolavori del passato per le loro pessime iniziative pubblicitarie. A proposito di bronzi di Riace: cosa dire invece della magnifica trovata (questa volta della regione Calabria) che li vedeva sfogliare un touchscreen e poi scappare dal museo per andare in vacanza? Del resto, dato il loro attuale stato di conservazione, non si poteva dar loro torto.

Il punto più basso però stavolta non è stato toccato dai creativi del Ministero (per fortuna), ma da quelli di una onlus viterbese dal nome che è tutto un programma (Fondazione Caffeina Cultura), che hanno pensato bene di tornare a molestare i bronzi di Riace proponendo però un cambio di mestiere e trasformando la statua A da fiorista a benzinaio, il tutto per promuovere un concorso dal titolo originalissimo: "Cultura petrolio d’Italia". Una metafora che ha già fatto troppi danni di per sé, perché oltretutto dover mettere in mano al bronzo una pompa di benzina verde? Al confronto, i bronzi vacanzieri della regione Calabria ci possono pure apparire simpatici. Lo stesso regolamento del concorso è un coacervo di luoghi comuni e contraddizioni: dalla cultura che “l’Italia deve cominciare a sfruttare per avere la speranza di una rinascita economica” (e abbiamo già visto come il verbo “sfruttare” sia il peggiore da abbinare al termine “cultura”), passando attraverso la metafora della “cultura come combustibile non inquinante” (evidentemente in Fondazione non hanno le idee molto chiare, visto che il petrolio è uno dei combustibili più inquinanti che esistano), concludendo con l’asserzione secondo cui “l’Italia deve ricominciare a costruire cattedrali” (poi magari dalla Fondazione ci spiegheranno cosa vogliono dire). Il tutto con l’obiettivo di “scandagliare il paese e scoprirne le risorse migliori” (ammesso che le risorse migliori siano disposte a spendere i 25 euro della quota di partecipazione... altrimenti che risorse migliori sono?). Infine il bando ci regala anche una piccola perla, ovvero il “premio social” destinato all’elaborato che riceve il maggior numero di like su Facebook, e date le ultime tendenze facebookiane che premiano una pagina che rivisita le opere d’arte facendone parlare i personaggi in romanesco, sarà simpatico vedere quale elaborato emergerà. Mica vorremo sottrarre le migliori risorse d’Italia a sì tanto colta giuria? E se dopo esserci recati alla premiazione la nostra automobile rimarrà a secco, ci sarà uno dei capolavori dell’arte antica pronto a farci il pieno.


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90€

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Federico Giannini

L'autore di questo articolo: Federico Giannini

Giornalista d'arte, nato a Massa nel 1986, laureato a Pisa nel 2010. Ho fondato Finestre sull'Arte con Ilaria Baratta. Oltre che su queste pagine, scrivo su Art e Dossier e su Left.

Leggi il profilo completo


Commenta l'articolo che hai appena letto



Commenta come:      
Spunta questa casella se vuoi essere avvisato via mail di nuovi commenti



Nessun commento dal sito per questo articolo.





Torna indietro



Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma