La camera turca di Villa Medici, primo interno d'ispirazione islamica a Roma. Ecco com'era nell'800


L’Accademia di Francia a Roma - Villa Medici ha acquisito nelle sue collezioni un importante dipinto che testimonia come si presentava la camera turca a metà dell’Ottocento, primo esempio a Roma di interno di ispirazione islamica. 

Entra a far parte delle collezioni dell’Accademia di Francia a Roma il dipinto Chambre de l’artiste à la Villa Médicis, dite la chambre turque, realizzato nel 1850 dal pittore francese ed ex borsista di Villa Medici, Alfred de Curzon (1820 – 1895).

L’acquisizione è stata resa possibile grazie al generoso sostegno di Philip e Cathia Hall, e al supporto di Marie-Cécile Zinsou, presidente del Consiglio di amministrazione dell’Accademia di Francia a Roma.

L’opera torna nel luogo in cui è nata, la camera turca, situata in una delle torrette nord di Villa Medici.

Il dipinto rappresenta infatti la camera turca di Villa Medici, residenza dell’artista durante il suo primo anno da borsista all’Accademia di Francia a Roma.

Progettata nel 1833 dal pittore e direttore dell’Accademia di Francia a Roma Horace Vernet (1789-1863), la camera turca venne realizzata dopo il ritorno dal suo primo viaggio in Algeria. Si tratta di un primo esempio di interno d’ispirazione islamica a Roma, che attesta il fascino per un Oriente immaginario: convivono elementi in stile arabo-andaluso, come l’arco a ferro di cavallo delle porte e delle finestre, i motivi ornamentali ottomani e quelli più naturalistici della volta. Sono in particolare da notare le maioliche colorate che rivestono le pareti, provenienti dalla famosa ceramica Giustiniani di Napoli.

L’opera di Alfred de Curzon offre all’osservatore una prospettiva rara e preziosa della camera turca, così come appariva a metà dell’Ottocento, prima dell’aggiunta del caratteristico pavimento di piastrelle geometriche, e costituisce una testimonianza preziosa dell’arredo originale della camera turca, così come venne progettata da Horace Vernet.

Immagine: Veduta dell’interno della camera turca a Villa Medici e del quadro di Alfred de Curzon, Chambre de l’artiste à la Villa Médicis, dite la chambre turque (1850; olio su tela, 33 x 47 cm)

La camera turca di Villa Medici, primo interno d'ispirazione islamica a Roma. Ecco com'era nell'800
La camera turca di Villa Medici, primo interno d'ispirazione islamica a Roma. Ecco com'era nell'800


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Fiandre, a Gent inaugura la nuova avveniristica casa dell'Agnello Mistico di Van Eyck
Fiandre, a Gent inaugura la nuova avveniristica casa dell'Agnello Mistico di Van Eyck
Spagna, posto il vincolo d'interesse culturale sull'Ecce Homo attribuito a Caravaggio
Spagna, posto il vincolo d'interesse culturale sull'Ecce Homo attribuito a Caravaggio
Siena, ritrovato il prezioso reliquiario d'oro di San Galgano, rubato nel 1989
Siena, ritrovato il prezioso reliquiario d'oro di San Galgano, rubato nel 1989
Firenze, la Cappella Brancacci viene sottoposta a un intervento di monitoraggio
Firenze, la Cappella Brancacci viene sottoposta a un intervento di monitoraggio
Verona, il Museo di Castelvecchio acquisisce un importante e raro dipinto di Paolo Farinati
Verona, il Museo di Castelvecchio acquisisce un importante e raro dipinto di Paolo Farinati
Siena, finiti i restauri alla Libreria Piccolomini del Duomo. Il capolavoro di nuovo aperto
Siena, finiti i restauri alla Libreria Piccolomini del Duomo. Il capolavoro di nuovo aperto