Bologna, alla galleria G7 le nuove opere su carta di David Tremlett


Dal 24 settembre al 27 dicembre 2022 la galleria Studio G7 di Bologna ospita una nuova personale di David Tremlett in cui l’artista inglese espone le opere su carta realizzate dal 2019 al 2021.

Dal 24 settembre al 27 dicembre 2022, la galleria Studio G7 di Bologna inaugura la nuova stagione espositiva ospitando nei propri spazi la quarta mostra personale dell’artista inglese David Tremlett (St. Austell, Cornovaglia, 1945), intitolata David Tremlett. 2019 2020 2021 lavori su carta, con un testo critico di Marinella Paderni. 

Dopo l’ultima esposizione del 2008 che aveva visto l’artista creare un grande wall drawing capace di coinvolgere e idealmente riunire tutte le pareti dello spazio espositivo, in questo nuovo progetto l’architettura della galleria si fa metafora del tempo. In particolare, l’artista presenta opere inedite su carta realizzate tra il 2019 e il 2021. È proprio questo l’intervallo di tempo che vede il lavoro di Tremlett mutare, spostando il cosiddetto “spazio delle idee” dalla dimensione del viaggio a quella dello studio. Se prima infatti l’artista rintracciava nel mondo e nelle lunghe distanze nuove geometrie e architetture da formalizzare e presentare in spazi pubblici e privati, il nuovo modo di viaggiare ha visto lo studio d’artista e i luoghi d’Europa a Tremlett familiari diventare il centro del pensiero e del processo creativo.

Seguendo questo nuovo approccio al lavoro, la galleria verrà divisa in tre momenti, idealmente testimoni dei tre anni (2019, 2020, 2021) in cui l’artista ha dovuto allontanare la propria idea di viaggio dal processo creativo. Le opere su carta sono il risultato di una riflessione che attinge dal passato e, consapevole del presente, rivolge lo sguardo al futuro.

La mostra, gratuita, è visitabile dal martedì al sabato dalle 15:30 alle 19:30. La mattina, il lunedì e i festivi visitabile su appuntamento. Per informazioni sulla mostra visitare il sito www.galleriastudiog7.it.

David Tremlett studia scultura al Royal College of Art di Londra. Alla fine degli anni Settanta, durante i viaggi in Australia, Africa, Iran, Afghanistan e India, entra in contatto con grandi superfici policrome coperte a mano mediante pigmenti; scopre così le polveri colorate, che risultano perfette per le sue esigenze di viaggiatore. Il piccolo formato caratteristico dei primi lavori viene sostituto da supporti di grande scala. Parallelamente alla grafite si affianca l’uso del colore, dal verde al marrone, fino a colori caldi e cangianti. A partire dagli anni ’80 la pratica del wall drawing diventa progressivamente il principale mezzo espressivo dell’artista. Con il tempo questa tecnica si evolve, ampliando sia lo spettro dei colori sia i supporti su cui lavorare, in una pratica definita dallo stesso artista “scultorea”, tesa alla definizione dello spazio e dell’intero volume. La stesura dei pigmenti attraverso l’uso delle mani nude avviene, oltre che sulle pareti degli spazi architettonici, sulla carta. 

David Tremlett realizza wall drawings in tutto il mondo: si ricordano gli interventi presso la Cappella di Barolo, La Morra, insieme a Sol LeWitt; ambasciata britannica, Berlino; British Council, Nairobi; Chiesa di S. Pietro e S. Paolo, Villenauxe-la-Grande, Francia; Tate Britain e Bloomberg HQ, Londra; Sinagoga di Zamosc; Chiesa di Coazzolo, Asti; Cappella del Relais San Maurizio, Santo Stefano Belbo. L’artista partecipa a numerose mostre personali e collettive, in Italia e all’estero; tra gli spazi in cui espone si ricordano Museum of Modern Art, New York; Stedeljik Museum, Amsterdam; Centre Pompidou, Parigi; Juan Miro Foundation, Barcellona; alla Galleria Civica d’Arte Contemporanea, Trento; Musée de Grenoble, Francia; Centro d’Arte Contemporanea Pecci, Prato.

Immagine: David Tremlett, My Places #14 (2019; collage, grafite e pastello su carta, 59 x 84 cm)

Bologna, alla galleria G7 le nuove opere su carta di David Tremlett
Bologna, alla galleria G7 le nuove opere su carta di David Tremlett


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Arte Sella si arricchirà di una nuova opera di Arcangelo Sassolino e si apre alla tecnologia
Arte Sella si arricchirà di una nuova opera di Arcangelo Sassolino e si apre alla tecnologia
Street art... bancaria: Fineco Bank fa realizzare un murale su un palazzo a Milano
Street art... bancaria: Fineco Bank fa realizzare un murale su un palazzo a Milano
Art Rights Prize: i premi e la giuria del primo premio digitale rivolto agli artisti
Art Rights Prize: i premi e la giuria del primo premio digitale rivolto agli artisti
Uffizi, entra nelle collezioni l'Autoritratto al buio di Lorenzo Puglisi
Uffizi, entra nelle collezioni l'Autoritratto al buio di Lorenzo Puglisi
Dopo un secolo, un'opera di un artista contemporaneo torna nel Pantheon di Parigi
Dopo un secolo, un'opera di un artista contemporaneo torna nel Pantheon di Parigi
La sorprendente illusione della pittura di Giuseppe Adamo
La sorprendente illusione della pittura di Giuseppe Adamo