Cina, scoperti altri duecento guerrieri del famoso esercito di terracotta dell'imperatore Qin


Importante scoperta in Cina: a Xi’an sono stati rinvenuti altri 200 guerrieri dell’esercito di terracotta dell’imperatore Qin.

Non finisce di sorprendere l’esercito di terracotta dell’imperatore Qin, l’enorme gruppo di statue di terracotta scoperto negli anni Settanta e realizzato per fare idealmente da guardia al mausoleo dell’imperatore cinese Qin Shi Huang, edificato nella città di Xi’An, nel centro della Cina. Sono state infatti scoperte più di duecento nuove sculture, che vanno ad aggiungersi alle ottomila che già si conoscevano e che ci permetteranno dunque di conoscere meglio l’immensa opera realizzata nel III secolo avanti Cristo, più di 2200 anni fa.

La scoperta è stata annunciata lo scorso 31 dicembre dall’agenzia di stampa nazionale Xinhua e arriva dopo una campagna di scavi condotta tra il 2009 e il 2019 su di un’area di quattrocento metri quadrati, nella prima delle otto fosse che contenevano l’armata di terracotta. Le nuove scoperte includono dodici cavalli, resti di due carri, armi e anche alcune costruzioni. Secondo l’archeologo Shen Maosheng, direttore degli scavi, le statue scoperte con l’ultima campagna possono dividersi in due categorie sulla base dei loro gesti: i guerrieri che tengono lance, che si presentano con il braccio destro piegate e il polso contratto, e i guerrieri che portano gli archi, che invece hanno il braccio destro disteso. Ci sono poi figure disposte in pose diverse, il che fa supporre che avessero diversi ruoli nell’esercito, mentre le differenze tra le armature segnalano i diversi gradi dei soldati. Queste evidenze ci consentiranno anche di approfondire le nostre conoscenze sull’organizzazione dell’esercito cinese all’epoca dell’imperatore Qin. Non solo: gli scavi, ha dichiarato Shen Maosheng, permetteranno anche un avanzamento nella conoscenza dell’arte e delle tecniche di produzione della terracotta del tempo.

Secondo gli studiosi, nella fossa numero 1 ci sarebbero ancora seimila statue da scoprire (oltre alle seimila che la stessa fossa ha già fatto emergere). Come detto, al momento sono ottomila le statue di terracotta rinvenute, che fanno del mausoleo dell’imperatore Qin il più importante e famoso sito archeologico della Cina (tanto da essere dichiarato Patrimonio mondiale dell’umanità dell’Unesco già nel 1987). Alcune delle statue dell’esercito di terracotta sono state esposte anche all’estero, mentre mostre di loro riproduzioni continuano ogni anno a fare il giro del mondo per far conoscere questo sito straordinario.

Le statue colpiscono per il loro elevato grado di realismo e per la loro caratterizzazione individuale, e secondo alcuni studiosi potrebbero essere nate in seguito al contatto tra gli artisti cinesi e le statue ellenistiche prodotte durante il regno di Alessandro Magno in Asia. Gli scavi nel mausoleo sono ancora in corso (ci vorranno ancora decenni per completarli), e l’esercito di terracotta viene visto ogni anno da centinaia di migliaia di turisti che visitano il sito.

Immagine: alcuni guerrieri dell’esercito di terracotta (2015). Ph. Credit

Cina, scoperti altri duecento guerrieri del famoso esercito di terracotta dell'imperatore Qin
Cina, scoperti altri duecento guerrieri del famoso esercito di terracotta dell'imperatore Qin


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER