A Torino l'arte si può acquistare in ristoranti e locali: nasce Artàporter


A Torino nasce Artàporter, la piattaforma che consente di accogliere l’arte in bar, ristoranti, studi professionali e negozi affiliati attraverso una rete di artisti ed esercenti. Attraverso la geolocalizzazione è possibile vedere la mappa dei locali aderenti. 

Nasce a Torino Artàporter, la piattaforma che supporta lo sviluppo dell’arte emergente con l’obiettivo di renderla accessibile a tutti. La startup ha appena lanciato il sito www.artaporter.it che consente di accogliere l’arte in bar, ristoranti, studi professionali e negozi affiliati attraverso una rete di artisti ed esercenti. Finora sono quindici i locali ad aver aderito alla start up torinese.

Il progetto è nato da un’idea di Massimo Gioscia e Dario Ujetto, insieme a Savio Musicco e Alyona Kosareva, sostenuto da Pierangelo Decisi, Emanuele Buscaglione e Gaetano Coppola attraverso ISC - Innovation Square Center, e che ha aderito a Torino Social Impact.L’idea nasce soprattutto dalla volontà di ripensare i luoghi comuni dell’arte, ovvero dalla capacità delle città di creare gallerie urbane con nuovi itinerari turistici legati all’arte. Non solo quindi spazi pubblici, ma anche spazi privati, a cominciare da commercianti che amano l’arte e che vogliono mettere a disposizione i propri spazi per esporre le opere. Intento è aumentare l’accessibilità del mondo dell’arte in spazi diversi per renderla il più accessibile possibile e magari acquistabile anche in un locale. Si tratta di un progetto phygital che permette non solo il matching online tra artisti e negozianti, ma anche la nascita di touch point capillari attraverso i quali veicolare l’arte diffusa con Artàporter District o distretti d’arte, creando nuovi spazi artistici mappati in tutta la città.

La piattaforma è gratuita ed è in grado di restituire all’artista il 100% del valore dell’opera, grazie a un modello di economia circolare che sfrutta il principio della condivisione attraverso una piattaforma web, facilmente utilizzabile da smartphone. Attraverso la geolocalizzazione è dunque possibile visualizzare la mappa dei locali aderenti. Tra gli artisti che partecipano al progetto ci sono pittori astrattisti come Antonio Palmisani, Nico Biso e Norman Sgrò, ma anche artisti digitali come Milena Petrelli, in arte Muso, e Renato Muzzin. C’è spazio anche per la fotografia con Sauar e per i neosurrealisti con Riccardo Fissore e Angelo Franco, e per la street art con Morb, Plagio e il collettivo Rockmantic. Partecipano anche giovani artiste come Elisa Bonotti, Roberta N9VE, Chiara Gobbo e Lorenza Maddalena e l’artista newyorkese Frank Denota, tra i fondatori del Movimento GANT, che ha collaborato con i più grandi artisti pop come Andy Warhol e Keith Haring.

Sono partiti in questi giorni i primi matching tra artisti e locali, dove è possibile ammirare le prime opere tra le vie di Torino. Occorre inquadrare con lo smartphone il QR code vicino all’opera per acquistarla e portarla subito via con sé. Sono inoltre aperte le candidature per artisti e negozianti su www.artapoter.it.

Il progetto ha preso il via a Torino, ma nei prossimi mesi arriverà anche in altre città italiane e all’estero.

A Torino l'arte si può acquistare in ristoranti e locali: nasce Artàporter
A Torino l'arte si può acquistare in ristoranti e locali: nasce Artàporter


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


In Francia rispunta una Lucrezia di Artemisia Gentileschi. Andrà in asta a novembre
In Francia rispunta una Lucrezia di Artemisia Gentileschi. Andrà in asta a novembre
Monica Bonvicini vince il prestigioso Oskar Kokoschka Preis: è la seconda volta nella storia per un artista italiano
Monica Bonvicini vince il prestigioso Oskar Kokoschka Preis: è la seconda volta nella storia per un artista italiano
Uomo vitruviano, secondo l'ex direttore della Pinacoteca Nazionale di Cagliari è un algoritmo segreto
Uomo vitruviano, secondo l'ex direttore della Pinacoteca Nazionale di Cagliari è un algoritmo segreto
Adesso sappiamo per certo chi fu l'architetto che ideò la Torre di Pisa (e Vasari aveva ragione)
Adesso sappiamo per certo chi fu l'architetto che ideò la Torre di Pisa (e Vasari aveva ragione)
Roma, in questa strada nascerà una grande opera di street art con i nomi di 36.570 migranti morti nel Mediterraneo
Roma, in questa strada nascerà una grande opera di street art con i nomi di 36.570 migranti morti nel Mediterraneo
“So io dov'è l'opera che manca”: visitatore del Metropolitan fa ritrovare al museo un capolavoro
“So io dov'è l'opera che manca”: visitatore del Metropolitan fa ritrovare al museo un capolavoro