390 anni dopo Rubens, le pale d'altare di Jan Fabre entrano nella chiesa di Sant'Agostino ad Anversa


390 anni dopo le pale di Rubens, Jordaens e van Dyck, la chiesa di Sant’Agostino si arricchisce di tre nuove pale: sono le opere di Jan Fabre.

A 390 anni esatti dalla realizzazione delle pale d’altare per la chiesa di Sant’Agostino ad Anversa, commissionate dall’Ordine degli Agostiniani ai tre più grandi artisti fiamminghi del tempo, ovvero Pieter Paul Rubens (Siegen, 1577 - Anversa, 1640), Jacob Jordaens (Anversa, 1593 - 1678) e Antoon Van Dyck (Anversa, 1599 - Londra, 1641), nuove pale d’altare arricchiscono l’edificio, oran on più chiesa ma sede di AMUZ - Auditorium della Musica, che organizza da 25 anni il festival Laus Polyphoniae dedicato alla musica antica. L’onore è spettato al grande Jan Fabre (Anversa, 1958), che ha ricevuto l’incarico di “tradurre” i tre capolavori barocchi dei maestri del Seicento nel linguaggio dell’arte contemporanea creando tre nuove pale d’altare, contemporanee e monumentali.

“Eclettico e rubensiano, conosciuto a livello mondiale per progetti di integrazione tra diverse forme d’arte”, si legge nella presentazione, "Fabre riunisce nelle sue tre opere The monastic performance, The mystic contract e The ecstatic recording gli elementi chiave della sua arte: l’agnello, il fuoco, la figura femminile, la spiritualità e infine i diamanti, omaggio ad Anversa, sua città natale. Il linguaggio è esuberante ed estatico, secondo la tradizione barocca. Singolare è la scelta dei materiali: corazze verde smeraldo appartenenti a coleotteri della famiglia Buprestidi, già utilizzati da Fabre per decorare il soffitto della Sala degli Specchi del Palazzo Reale di Bruxelles con la scultura permanente Heaven of Delight. L’azione della luce su questo materiale insolito crea un incredibile effetto cromatico, con sfumature e suggestioni diverse a seconda dell’inclinazione e intensità del raggio luminoso".

Le opere di Fabre sono in mostra all’AMUZ da oggi, martedì 3 luglio 2018, fino al 10 dicembre 2018. La mostra fa parte del programma Anversa Barocca 2018. Rubens inspires, che prevede performance di arte visiva, danza e musica nelle chiese monumentali della città, ovvero San Carlo Borromeo, Sant’Andrea, San Paolo e San Giacomo, oltre alla Cattedrale di Nostra Signora. Orari: dal 3 luglio al 9 agosto il lunedì dalle 14 alle 20; dal martedì al venerdì dalle 14 alle 17. Dal 3 settembre al 10 dicembre aperto il lunedì dalle 14 alle 20. Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito di AMUZ. Inoltre, dal 6 luglio al 4 novembre 2018, i bozzetti delle tre pale di Jan Fabre, realizzati a collage, sono esposti dal 6 luglio al 4 novembre 2018 presso la Rossaert Art Gallery di Anversa.

Nell’immagine: le pale di Jan Fabre per la chiesa di Sant’Agostino ad Anversa.

390 anni dopo Rubens, le pale d'altare di Jan Fabre entrano nella chiesa di Sant'Agostino ad Anversa
390 anni dopo Rubens, le pale d'altare di Jan Fabre entrano nella chiesa di Sant'Agostino ad Anversa


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER