È Assange il protagonista della settima edizione del Padiglione Internet


Miltos Manetas dedica la settima edizione del Padiglione Internet a Julian Assange, perché “Assange è Internet e Internet è Assange”. Alla Fondazione Gervasuti la mostra "Assange in Prison"

Dal 12 giugno al 27 novembre 2022 si terrà la settima edizione del Padiglione Internet AIIA - Assange è Internet e Internet è Assange. Miltos Manetas (Atene, 1964), pittore greco e artista multimediale che ha fondato nel 2009 il Padiglione Internet in occasione della 53° Biennale di Venezia, ha donato undici dipinti a olio su tela di Julian Assange durante la settimana d’apertura della Biennale Arte 2022. Ora Manetas presenta alla Fondazione Gervasuti di Venezia la mostra Assange in Prison a cura di Mara Sartore.

Secondo Miltos Manetas, Julian Assange è una figura mitologica, fuori dal tempo e dallo spazio, che incarna le contraddizioni delle democrazie liberali, un Prometeo punito. Se Internet è stato creato come spazio libero per lo scambio di informazioni e per la comunicazione globale, il racconto di Assange narra i limiti di questo sistema ed evidenzia le aree oscure del web. L’artista si identifica con Assange, poiché si pone ai limiti del sistema dell’arte: nel 2009 il primo Padiglione Internet ha partecipato come evento collaterale ufficiale della Biennale; ha aperto infatti le sue porte in quell’anno dopo che Miltos Manetas e il curatore Jan Aman avevano ricevuto l’invito dalla Biennale di Venezia diretta da Daniel Birbaum di aggiungere Internet alla lista dei paesi partecipanti. Nelle edizioni successive è stato poi escluso perché il Padiglione portò nella città della laguna i pirati di The Pirate Bay. A distanza di tredici anni, ora il Padiglione Internet regala i suoi dipinti.

“Ho dedicato questa settima edizione del Padiglione Internet a Julian Assange perché grazie agli NFT egli non può essere cancellato, in quanto la Blockchain esiste e quindi nessuno può tappare la bocca a Julian Assange”, ha affermato Miltos Manetas parlando di questa edizione del Padiglione. “Assange può piacere o no, ma Julian Assange è internet e Internet è Assange”.

La prigione di Assange rappresenta per Miltos Manetas uno stato d’animo e una condizione umana, prima ancora dell’esperienza immersiva creata alla Fondazione Gervasuti.

Miltos Manetas e Mara Sartore si sono conosciuti alla prima edizione del Padiglione Internet. Hanno collaborato per le prime due edizioni, e poi ancora nel 2019 quando Miltos Manetas è stato ospite al Venice Meeting Point.

La settima edizione del Padiglione Internet è stata resa possibile con la collaborazione di Lightbox, Galleria Valentina Bonomo, Hyperuranium.io e con il supporto di DiEM25.

Per maggiori info: www.padiglioneinternet.com

È Assange il protagonista della settima edizione del Padiglione Internet
È Assange il protagonista della settima edizione del Padiglione Internet


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Terminano i lavori di restauro al Santuario di Oropa. Recuperate pitture e statue
Terminano i lavori di restauro al Santuario di Oropa. Recuperate pitture e statue
Isgrò cancella le leggi razziali: un'opera dal valore pedagogico
Isgrò cancella le leggi razziali: un'opera dal valore pedagogico
Caravaggio di Siracusa, Sgarbi la spunta: l'opera parte per Roma, poi sarà in Trentino
Caravaggio di Siracusa, Sgarbi la spunta: l'opera parte per Roma, poi sarà in Trentino
Nascerà una micro cittadella delle arti nel pieno centro di Firenze
Nascerà una micro cittadella delle arti nel pieno centro di Firenze
Oltre cento artisti celebrano il centenario della scomparsa di Modigliani su portale dedicato
Oltre cento artisti celebrano il centenario della scomparsa di Modigliani su portale dedicato
In Francia è stata data alle fiamme un'opera d'arte contemporanea (di un artista 19enne) dedicata ai migranti
In Francia è stata data alle fiamme un'opera d'arte contemporanea (di un artista 19enne) dedicata ai migranti