Disputa tra ultrà di Roma e Lazio su Michelangelo: laziali lo portano in Curva Nord, romanisti rivendicano il primato


Michelangelo arriva in Curva Nord: i tifosi della Lazio lo espongono con una coreografia, i romanisti rivendicano di esser stati i primi.

Una disputa sul grande Michelangelo Buonarroti infiamma il mondo della tifoseria di Roma. Comincia tutto domenica scorsa, quando Roma e Lazio si affrontano all’Olimpico per il derby (terminato, per la cronaca, in parità, col risultato di 1-1). Gli ultrà della Lazio hanno portato in Curva Nord una coreografia a tema storico-artistico, riproducendo le mani di Adamo e di Dio che Michelangelo affrescò sulla volta della Cappella Sistina, su fondo celeste: il senso della coreografia è che la Lazio sarebbe una... creatura di Dio. L’inusuale omaggio a Michelangelo (di arte, è il caso di dirlo, non se ne vede praticamente mai negli stadi) ha dunque attirato elogi nei confronti delle aquile biancocelesti.

Gli ultrà della Roma hanno però voluto specificare che gli eterni rivali sono arrivati per secondi: spetterebbe infatti ai romanisti il merito di aver portati per primi Michelangelo in curva. La testata Il Romanista, punto di riferimento della tifoseria giallorossa, fa sapere che proprio i sostenitori della Lupa hanno avuto per primi l’idea di richiamare Michelangelo: era il 18 aprile 1993, in programma c’era un altro derby tra Roma e Lazio (anche allora conclusosi con un pareggio: 0-0), e i romanisti esposero uno striscione con il verso “Questo sol m’arde e questo m’innamora”, tratto dalla rima 106 di Michelangelo (“Per ritornar là donde venne fora”). Ovviamente, lo spirito divino cui Michelangelo faceva riferimento con la metafora del sole nel suo sonetto, diventa... la squadra della Roma nella particolare rilettura dei tifosi.

“È stata l’ultima coreografia che fece Roberto Venturelli, organizzata insieme a Fausto Iosa”, specifica Il Romanista. “Era grande come un campo di calcetto. Un telone esposto al centro della Tribuna Tevere mentre la Sud diceva il suo ‘Grazie di esistere’ alla Roma con stelle e girandole pirotecniche. Era Michelangelo in una coreografia romanista per un derby”.

Nelle immagini sotto: lo striscione dei romanisti del 1993 (tratta dall’Archivio Storico della Roma) e la coreografia dei laziali di domenica scorsa.

Disputa tra ultrà di Roma e Lazio su Michelangelo: laziali lo portano in Curva Nord, romanisti rivendicano il primato
Disputa tra ultrà di Roma e Lazio su Michelangelo: laziali lo portano in Curva Nord, romanisti rivendicano il primato


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER