Istituito il Dantedì: ogni 25 marzo si celebrerà la giornata nazionale di Dante


Il consiglio dei ministri, su proposta del ministro Franceschini, ha istituito il Dantedì: il 25 marzo sarà la giornata nazionale dedicata a Dante.

Il 25 marzo sarà il Dantedì: il consiglio dei ministri, su proposta di Dario Franceschini, ministro del MiBACT, ha istituito questa data come giornata nazionale dedicata al sommo poeta Dante Alighieri

La proposta di istituire una giornata interamente dedicata a Dante è stata condivisa da intellettuali e studiosi e da prestigiose istituzioni culturali, quali l’Accademia della Crusca, la Società Dantesca, la Società Dante Alighieri, l’ Associazione degli Italianisti alla Società italiana per lo studio del pensiero medievale, ed è stata oggetto di vari atti parlamentari. 

Il ministro Franceschini ha commentato orgogliosamente: "Ogni anno, il 25 marzo, data che gli studiosi riconoscono come inizio del viaggio nell’aldilà della Divina Commedia, si celebrerà il Dantedì. Una giornata per ricordare in tutta Italia e nel mondo il genio di Dante con moltissime iniziative che vedranno un forte coinvolgimento delle scuole, degli studenti e delle istituzioni culturali. A un anno dalle celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante sono già tanti i progetti al vaglio del Comitato per le celebrazioni presieduto dal professor Carlo Ossola. Dante ricorda molte cose che ci tengono insieme: Dante è l’unità del Paese, Dante è la lingua italiana, Dante è l’idea stessa di Italia". 

Istituito il Dantedì: ogni 25 marzo si celebrerà la giornata nazionale di Dante
Istituito il Dantedì: ogni 25 marzo si celebrerà la giornata nazionale di Dante


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER