Milano: intitolata una piazza a Tina Modotti, grande fotografa e attivista del primo Novecento


Pochi giorni fa Milano ha intitolato una piazza a Tina Modotti, tra le più celebri fotografe di primo Novecento, nonché grande attivista.

Milano ha intitolato una piazza a Tina Modotti, tra le più celebri fotografe e attiviste d’inizio Novecento. La piazza si trova in zona Rogoredo/Santa Giulia (accesso da via Pizzolpasso angolo via Russolo) e la cerimonia di intitolazione si è svolta pochi giorni fa, il 22 settembre, alla presenza di rappresentanti dell’Amministrazione comunale.

Dopo la prima statua pubblica dedicata a una donna, l’eroina del Risorgimento Cristina Trivulzio di Belgiojoso, la cui inaugurazione è avvenuta il 15 settembre, l’Amministrazione comunale ha proseguito il suo intento di valorizzare il contributo delle donne alla storia artistica, politica e sociale con l’intitolazione di una piazza a Tina Modotti, al secolo Assunta Saltarini-Modotti (Udine,1896 - Città del Messico, 1942).

Fino al 7 novembre 2021 è visitabile inoltre al Mudec una mostra a lei dedicata, dal titolo Tina Modotti. Donne, Messico e libertà, in cui si intende raccontare la sua storia personale, da donna emancipata e moderna, e la sua attività fotografica, oltre al suo forte impegno sociale.

Promossa dal Comune di Milano - Cultura e prodotta da 24 Ore Cultura - Gruppo 24 Ore, la retrospettiva è realizzata in collaborazione con Sudest57 e il Comitato Tina Modotti di Udine: esposte un centinaio di fotografie, stampe originali, lettere, documenti e video. 

Milano: intitolata una piazza a Tina Modotti, grande fotografa e attivista del primo Novecento
Milano: intitolata una piazza a Tina Modotti, grande fotografa e attivista del primo Novecento


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Barocco     Firenze     Frammenti