Ecco il Tondo Doni in versione street art. Un'opera del collettivo Orticanoodles


Nel quartiere romano di Talenti è stata realizzata dal collettivo Orticanoodles l’opera monumentale di street art Anima Mundi - Tondo Doni.

Il collettivo ORTICANOODLES ha realizzato un lavoro monumentale di Street Art: un’opera d’arte pubblica che ripropone rivisitandolo il Tondo Doni di Michelangelo Buonarroti

Su una parete di 35 metri è stata realizzata in una settimana di lavoro da quattro persone e quaranta matrici spolvero della lunghezza di 3,5 metri una vera opera di narrazione creativa e d’innovazione strategica, di rinnovamento sociale e tecnologico. Sono stati utilizzati ventuno colori speciali su 35 chili di Airlite che catturano lo smog e ora l’opera è visibile in via Ugo Ojetti 504, all’interno del quartiere romano di Talenti, dove si trova un parco di 42 ettari con cui l’opera di Street Art sembra dialogare. L’opera è stata commissionata da Impreme Spa come inizio di un più ampio percorso di arte pubblica e partecipata.

Il Tondo Doni è l’unica opera su supporto mobile certa di Michelangelo ed è di fondamentale importanza nella storia dell’arte, poiché pone le basi del manierismo. La rivisitazione del celebre capolavoro enfatizza la vitalità della natura nella sua totalità, assimilata a un unico organismo vivente. Maria rappresenta il principio unificante da cui prendono forma i singoli organismi, i quali, pur articolandosi e differenziandosi tra loro, risultano legati da un’Anima universale.  

L’opera, coerentemente con il suo concept, è stata realizzata utilizzando una reinterpretazione della tecnica rinascimentale dello spolvero

Come detto, i creatori dell’opera monumentale di Street Art Anima Mundi - Tondo Doni sono gli ORTICANOODLES, pseudomino del duo di artisti italiani formato da Wally e Alita: virtuosi della tecnica dello stencil, sono tra i primi interpreti italiani a guadagnare riconoscimento internazionale. Hanno più volte esposto all’estero, rappresentando la street art italiana nel mondo, e nel 2008 hanno partecipato con Freedom, uno stencil dipinto sulle pareti del tunnel della stazione di Waterloo, al Cans Festival organizzato da Banksy a Londra. Da anni il collettivo è impegnato nella realizzazione di progetti di arte partecipata e pubblica che non solo riqualificano, ma qualificano e valorizzano quartieri e spazi collettivi con una particolare attenzione anche all’ambiente, utilizzando ad esempio vernici mangiasmog. 

Ecco il Tondo Doni in versione street art. Un'opera del collettivo Orticanoodles
Ecco il Tondo Doni in versione street art. Un'opera del collettivo Orticanoodles


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER