Notevole scoperta in Scozia: ritrovato un autoritratto sconosciuto di Vincent van Gogh


Notevole scoperta in Scozia, alle National Galleries of Scotland di Edimburgo, dove è stato ritrovato un autoritratto sconosciuto di Vincent van Gogh: era dipinto sul retro di un’altra tela, la “Testa di contadina”, secondo una prassi che il pittore olandese seguì spesso.

Alle National Galleries of Scotland di Edimburgo è stato rinvenuto un autoritratto nascosto di Vincent van Gogh, una scoperta definita “sensazionale” dal museo scozzese. Si tratta di un’opera in precedenza sconosciuta: l’immagine misteriosa si trovava sul retro della Testa di contadina dipinta nell’aprile 1885 a Neunen, conservata presso il museo scozzese. È stata scoperta grazie a una radiografia eseguita sul dipinto in vista del prestito per la mostra A Taste for Impressionism in programma dal 30 luglio al 13 novembre presso la Royal Scottish Academy di Edimburgo. I visitatori potranno vedere per la prima volta la straordinaria immagine scovata con i raggi X attraverso un lightbox appositamente predisposto nel percorso della mostra della Royal Scottish Academy.

Nascosto alla vista per oltre un secolo, l’autoritratto si trova sul retro della tela con la Testa di contadina ed è ricoperto da strati di colla e cartone. Van Gogh riutilizzava spesso le tele per risparmiare denaro. Tuttavia, invece di dipingere su opere precedenti, girava la tela e lavorava sul rovescio. Secondo gli esperti della National Galleries of Scotland, ci sarebbe la possibilità di scoprire l’autoritratto per esporlo alla vista, ma il processo di rimozione della colla e del cartone richiederà sicuramente un delicato lavoro di conservazione, e adesso il museo sta cercando di capire come si possa ottenere questo risultato senza danneggiare la Testa di contadina.

L’opera appena scoperta mostra un soggetto barbuto con un cappello a tesa con un fazzoletto da collo legato alla gola. Fissa lo spettatore con uno sguardo intenso, il lato destro del viso in ombra e l’orecchio sinistro chiaramente visibile. La condizione dell’autoritratto sottostante non è nota, dal momento che per adesso l’immagine ci è nota soltanto dalla radiografia: se sarà possibile scoprirla, aiuterà a gettare nuova luce sull’artista. Più tardo rispetto alla Testa di contadina, l’autoritratto appena scoperto fu probabilmente realizzato in un momento chiave della carriera di Van Gogh, all’epoca del suo trasferimento a Parigi.

La radiografia che mostra l'autoritratto appena scoperto
La radiografia che mostra l’autoritratto appena scoperto
Vincent van Gogh, Testa di contadina (aprile 1885; olio su tela incollata su cartone, 47,5 x 35,5 cm; Edimburgo, National Galleries of Scotland)
Vincent van Gogh, Testa di contadina (aprile 1885; olio su tela incollata su cartone, 47,5 x 35,5 cm; Edimburgo, National Galleries of Scotland)
La Testa di contadina e l'autoritratto. Foto di Neil Hanna
La Testa di contadina e l’autoritratto. Foto di Neil Hanna

La professoressa Frances Fowle, Senior Curator di arte francese presso le National Galleries of Scotland, ha dichiarato: “Momenti come questo sono incredibilmente rari. Abbiamo scoperto un’opera sconosciuta di Vincent van Gogh, uno degli artisti più importanti e popolari al mondo. Che regalo incredibile per la Scozia! E sarà per sempre sotto la cura delle National Galleries. Siamo molto entusiasti di condividere questa emozionante scoperta nella nostra grande mostra estiva A Taste for Impressionism, in cui l’immagine a raggi X dell’autoritratto sarà visibile a tutti”.

La Testa di contadina è entrata nella collezione del museo della capitale della Scozia nel 1960, come parte della donazione di un avvocato di Edimburgo, Alexander Maitland, in memoria di sua moglie Rosalind. Risalente a un primo periodo della carriera di Van Gogh, il dipinto mostra una donna della città di Nuenen, nel sud dei Paesi Bassi, dove l’artista visse dal dicembre 1883 al novembre 1885. Dipinto a marzo o aprile 1885, sembra avere una somiglianza con Gordina de Groot (noto come Sien), che posò per il primo capolavoro di Van Gogh, I mangiatori di patate del 1885 conservato al Van Gogh Museum di Amsterdam. I suoi lineamenti del viso, il copricapo bianco e i semplici abiti da lavoro sono disegnati a olio, utilizzando ampie pennellate e colori terrosi tipici degli artisti realisti francesi come Jean-François Millet, che Van Gogh ammirava molto.

Nel 1886 l’artista si trasferì a Parigi per essere più vicino al fratello Theo, che fu uno dei primi sostenitori degli impressionisti. Esposto al lavoro di questo rivoluzionario gruppo di artisti, Van Gogh alleggerì la sua tavolozza e sperimentò un nuovo linguaggio, fatto di pennellate spezzate. Nello studio di Fernand Cormon, dove prese lezioni di pittura, incontrò gli artisti dell’avanguardia come Henri de Toulouse-Lautrec ed Emile Bernard. Conobbe anche il lavoro di Georges Seurat e Paul Gauguin, sotto la cui influenza iniziò a dipingere in modo più espressivo, usando colori più luminosi. Nell’estate del 1887 Van Gogh stava compiendo esperimenti sui ritratti, usando gli amici e anche se stesso come modello. Theo era fuori città e non era in grado di aiutarlo finanziariamente, quindi Van Gogh riutilizzò le sue tele per risparmiare denaro. Van Gogh morì nel 1890 e suo fratello lo seguì sei mesi dopo, a quel punto l’intera opera dell’artista fu lasciata alla vedova di Theo, Jo Van Gogh-Bonger.

Probabilmente intorno al 1905, quando la Testa di contadina fu prestata per una mostra allo Stedelijk Museum di Amsterdam, fu presa la decisione di incollare la tela su cartone prima di incorniciarla. A questa data la contadina era evidentemente considerata più “finita” dell’autoritratto di Van Gogh. Il dipinto passò di mano più volte e nel 1923 fu acquisito da Evelyn St. Croix Fleming, il cui figlio, Ian, divenne il celebre autore dei libri di James Bond. Fu solo nel 1951 che arrivò in Scozia, essendo entrato nella collezione di Alexander e Rosalind Maitland.

L’autoritratto nascosto fa parte di un gruppo di molti di questi autoritratti e altre opere dipinte sul retro di tele precedenti del periodo di Nuenen. Cinque esempi si trovano nel Van Gogh Museum di Amsterdam. Altri si trovano al Metropolitan Museum of Art di New York, al Wadsworth Atheneum Museum of Art, al Kunstmuseum dell’Aia. I documenti del Van Gogh Museum confermano infine che nel 1929 il cartone fu rimosso da tre delle opere del periodo di Nuenen dal restauratore olandese Jan Cornelis Traas, rivelando i ritratti sul retro.


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Francia, la Maison Carrée di Nîmes si candida per il Patrimonio Mondiale del'Umanità
Francia, la Maison Carrée di Nîmes si candida per il Patrimonio Mondiale del'Umanità
L'appello dei professionisti “La Rai porti il teatro in tv”
L'appello dei professionisti “La Rai porti il teatro in tv”
Milano, no-Covid vandalizzano opera su vaccini e minacciano la street artist: “ti veniamo a prendere”
Milano, no-Covid vandalizzano opera su vaccini e minacciano la street artist: “ti veniamo a prendere”
New York, sarà rimosso il controverso monumento a Roosevelt davanti al museo di storia naturale
New York, sarà rimosso il controverso monumento a Roosevelt davanti al museo di storia naturale
Uscito il nuovo dpcm: aprono musei e luoghi della cultura nelle zone gialle
Uscito il nuovo dpcm: aprono musei e luoghi della cultura nelle zone gialle
Scoperto il più antico verso noto della letteratura italiana, in un manoscritto in Germania
Scoperto il più antico verso noto della letteratura italiana, in un manoscritto in Germania