A Terni arriva la Kid Design Week, il festival della creatività per bambini (e non solo)


Dal 3 al 9 ottobre 2022 si terrà a Terni la seconda edizione della Kid Design Week, festival della creatività per bambini. Ma che parla anche agli adulti.

Dal 3 al 9 ottobre 2022 torna a Terni la Kid Design Week, festival della creatività per grandi e bambini. Una settimana ricca di appuntamenti che intendono creare relazioni inedite tra l’individuo e l’idea di esperienza, a partire da riflessioni di ampio respiro sul segno grafico del bambino. Per la seconda edizione del festival è stato scelto il tema delle libertà, che coinvolgerà laboratori, talks, atelier e i momenti formativi del programma.

Il festival, organizzato da Utilità Manifesta / design for social APS in collaborazione con i Servizi Educativi Comunali del Comune di Terni, la Direzione Istruzione Assessorato alla Cultura Comune di Terni, con il contributo della Fondazione Carit Terni, mette a sistema gli spazi creativi di Terni, come il Caos – Centro Arti Opificio Siri, nato dalla riconversione dell’ex fabbrica chimica SIRI, che oggi ospita spazi espositivi permanenti, ma anche una vasta area dedicata a mostre d’arte contemporanea, oltre al Teatro Sergio Secci e spazi dedicati a laboratori didattici e residenze per artisti. La Kid Design Week, realizzata con il patrocinio Aiap Associazione Italiana Design della Comunicazione visiva e Adi Associazione per il Disegno Industriale, vanta quest’anno anche importanti collaborazioni con realtà del territorio nazionale: tra queste, il collettivo Mook, l’Associazione Parole O_Stili, giovani artisti emergenti.

"La Kid Design Week è un invito a disegnare, dando spazio alla meraviglia, alla percezione personale della realtà, alla propria creatività, che oltre a essere oggetto di stimolo e divertimento diventa strumento al servizio dell’istruzione, della formazione, dell’educazione", ha affermato Francesco Maria Giuli, dell’agenzia Molly&partners, art designer del festival. "Sollecitati da quanto si muove nel tessuto sociale micro e macro, abbiamo deciso di dedicare l’edizione 2022 del Festival al tema della libertà, intesa come entità poliedrica. Parliamo infatti di libertà al plurale perché l’aspirazione alla libertà, che ci definisce come esseri umani, ci porta a trovare la nostra direzione di vita in base alle nostre vocazioni; ma libertà è anche assunzione di responsabilità: siamo responsabili delle scelte realizzate e di quelle, per esempio, che affidiamo ad altri; che guidano il nostro futuro. Attraverso il segno grafico, lo scarabocchio, il bambino inizia a cercare la sua strada, unica e personale di crescita, maturando attraverso il gesto manuale idee di libertà. Crescendo, questa si realizza nella ricerca aperta e perenne della propria direzione. Con la Kid Design Week vogliamo dare spazio a riflessioni sulle forme che la libertà può assumere o ispirare, sui sentimenti che può muovere, sulle visioni che accende".

Il Festival è sui bambini e con i bambini, ma parla agli adulti: così, oltre a un’ampia offerta di momenti laboratoriali e formativi per la fascia di età 0 - 14 anni, riserva ampio spazio agli adulti, che sono educatori, pedagogisti, insegnanti, genitori. Intende quindi richiamare l’attenzione sull’importanza della creatività, non solo a livello pedagogico, ma anche come spazio per l’adulto di recupero dei propri talenti; e lo fa partendo dal disegno che non è solamente un’attività manuale, ma è espressione e comunicazione. Segno grafico e comunicazione visiva, musica, disegno, movimento ispireranno azioni e riflessioni sui temi libertà e relazione, libertà e sostenibilità, libertà e scelta.

Queste sono solo alcune delle iniziative proposte alla Kid Design Week:

Il gruppo Mook, nato dal progetto di Carlo Nannetti e Francesca Crisafulli, insegnanti presso l’Istituto Europeo di Design di Roma, mette al centro l’idea di rigenerazione a partire dalla raccolta e dall’assemblaggio di materiale scaricato dal tempo. Mook ricostruisce con la fantasia. In occasione della Kid Design Week porta alla scoperta dell’autocostruzione con materiali di recupero come atto che il bambino deve a se stesso. Del laboratorio fanno parte materiali, rumore, manualità, fantasia. Attraverso il recupero il bambino si proietta nel mondo che desidera. Ancora Mook prende per mano i bambini con il laboratorio Prima di Me, che pone l’accento sull’importanza che le domande assumono per il bambino: domande che il bambino sente l’esigenza di porre, per le cui risposte, è disposto a cercare e a mettersi in gioco, iniziando a progettare la propria idea di mondo.

Un importante focus sul linguaggio sarà curato dall’Associazione Parole O_Stili. Nata con l’obiettivo di responsabilizzare ed educare gli utenti della Rete a scegliere forme di comunicazione non ostile. Parole O_Stili, promuove i valori espressi nel Manifesto della comunicazione non ostile organizzando iniziative di sensibilizzazione e formazione per rendere le persone consapevoli del fatto che virtuale è reale e che l’ostilità in rete ha conseguenze concrete, gravi e permanenti nella vita delle persone. A intervenire a Terni sarà Erika Grillo, attrice, pedagogista teatrale ed ambasciatrice dell’Associazione Parole O_Stili che terrà laboratori per ragazzi, ma anche attività co-partecipate genitori-ragazzi alla scoperta degli strumenti digitali e dei social media, in un dialogo familiare sulle opportunità della rete.

Ad occuparsi di linguaggio e parole, sarà inoltre Sabrina D’Alessandro, visual artist e fondatrice del URPS - Ufficio Resurrezione Parole Smarrite, con il suo Accendipensieri: per scoprire parole antiche e inventare parole nuove, un laboratorio per piccoli e grandi che pone l’accento sull’allegria del linguaggio e dell’immaginario, giocando a scoprire parole antiche, sui motivi che le fanno uscire di scena, mettendo in libertà parole smarrite, perdute, dimenticate, restituendole al tempo presente per proiettarle nel futuro ed inventando parole nuove.

Tra i giovani artisti emergenti sarà Jacopo Spampanato in arte Senape, fumettista che proporrà una performance laboratorio co-partecipata e costruita con i bambini dal titolo Esopo Buffo, durante la quale il fumetto sarà strumento di osservazione della realtà. Uno spettacolo interattivo, per fare emergere attraverso la risata il pensiero dei più piccoli. Giulia Ceccarani, illustratrice, condurrà la realizzazione del grande murale progettato dagli studenti del Liceo Artistico O. Metelli di Terni e lasciato alla città sui muri del Caos, edificio museale nel centro cittadino. L’illustratrice Giada Fuccelli condurrà un talk sulle tecniche di animazione e un laboratorio dove si insegnerà a trasformare un’immagine in un’altra, apparentemente distante, grazie alla magia dell’animazione con la tecnica della rotoscopia.

Si parlerà di libertà, di risorse ambientali e di sana alimentazione con Slow Food Umbria che all’interno del Festival realizzerà il Laboratorio del Gusto È ora di fare i bambini (Ci) facciamo (la) merenda in collaborazione con COOP. Il laboratorio è per le giovani generazioni e per i genitori che gustano il piacere di saperne di più.

Alcune delle iniziative in programma si terranno presso gli spazi Hydra, il Museo Multimediale della Cascata delle Marmore, che con i suoi 165 metri è la cascata più alta d’Europa.

Per info: www.kidesignfestival.it

A Terni arriva la Kid Design Week, il festival della creatività per bambini (e non solo)
A Terni arriva la Kid Design Week, il festival della creatività per bambini (e non solo)


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE