Torino, le Luci d'artista compiono 25 anni: torna l'evento natalizio d'arte contemporanea


Compie 25 anni l’ormai tradizionale manifestazione Luci d’Artista di Torino: i più grandi artisti contemporanei, da Michelangelo Pistoletto a Luigi Mainolfi, da Gilberto Zorio a Joseph Kosuth, tornano ad abbellire la città con le loro opere luminose anche per questo Natale.

Compie venticinque anni Luci d’artista, l’evento che ogni anno porta a Torino le opere fatte di luce dei più importanti artisti italiani e stranieri sulla scena internazionale. Il progetto, nato nel 1998 per volontà della Città di Torino, è stato pioniere di un percorso espositivo d’arte contemporanea innovativo che ha coinvolto decine di artisti. Le luci d’artista nascono come inedite luminarie per celebrare le feste natalizie e da subito diventano oggetto di un obiettivo ambizioso: creare una collezione pubblica di installazioni d’arte contemporanea, espressione di “una cultura alta capace di comunicare con tutti”, come affermava Fiorenzo Alfieri che ne era stato l’ideatore. A lui è dedicata questa venticinquesima edizione, per la quale la Città di Torino ha voluto realizzare tre nuove opere, create da Giorgio Griffa, Renato Leotta e Grazia Toderi grazie all’aiuto di preziosi partner e alla generosità degli artisti. La manifestazione è un progetto della Città di Torino, realizzato da Fondazione Torino Musei e in collaborazione con la Fondazione per la Cultura. Si avvale del sostegno di Fondazione Compagnia di San Paolo e Fondazione CRT. Main sponsor IREN S.p.A. Nuovi partner: Consulta per la Valorizzazione dei Beni Artistici e Culturali di Torino, Unione Industriali Torino, Il Mercato Centrale Torino, Cultura Italiae, Saganaki.

Le installazioni luminose, 26 luci delle quali 17 allestite nel centro città e 9 nelle altre Circoscrizioni, saranno visibili dal 27 ottobre 2022 all’8 gennaio 2023. Il museo a cielo aperto quest’anno subirà tuttavia una riduzione negli orari. Infatti la Città, che negli anni ha avuto una particolare attenzione alla sostenibilità della manifestazione facendo sempre più uso di sistemi innovativi e luci a led a basso impatto, nella 25^ edizione ha deciso di impegnarsi con maggiore sensibilità anche sul tema dei consumi. Per cui dalla domenica al giovedì le installazioni si spegneranno alle 22, mentre il venerdì e il sabato alle 24, orario che sarà mantenuto nel periodo di Natale e Capodanno, dal 19 dicembre al 2 gennaio 2023. Luci d’Artista dal 2018 propone inoltre il progetto educativo-culturale Incontri illuminanti con l’Arte Contemporanea, public program che intende valorizzazione le opere luminose del ’Museo a cielo aperto’ attraverso la promozione di progetti educativi e formativi che avvicinano ai linguaggi dell’arte contemporanea.

Michelangelo Pistoletto, Amare le differenze -  ©Luci d’Artista - Città di Torino - foto di Max Chicco
Michelangelo Pistoletto, Amare le differenze - ©Luci d’Artista - Città di Torino - foto di Max Chicco
Vasco Are, Vele di Natale - ©Luci d’Artista - Città di Torino - foto di Alberto Ramella
Vasco Are, Vele di Natale - ©Luci d’Artista - Città di Torino - foto di Alberto Ramella
Rebecca Horn, Piccoli spiriti blu -  ©Luci d’Artista - Città di Torino - foto di Alberto Ramella
Rebecca Horn, Piccoli spiriti blu - ©Luci d’Artista - Città di Torino - foto di Alberto Ramella
Mario Merz, Il volo dei Numeri © Luci d’Artista - foto di Max Chicco
Mario Merz, Il volo dei Numeri © Luci d’Artista - foto di Max Chicco
Luigi Nervo, Vento solare - ©Luci d’Artista - Città di Torino - foto di Luisa Cicero
Luigi Nervo, Vento solare - ©Luci d’Artista - Città di Torino - foto di Luisa Cicero

Le nuove opere

Generosamente donata da Giorgio Griffa, AZZURROGIALLO è collocata nei Giardini di piazza Cavour ed è realizzata nell’ambito del progetto “дети - Bambini” di Cultura Italiae. Si tratta di un’installazione sospesa che appare come un flusso di energia luminosa composta da miriadi di luci dalle sfumature blu, viola, verde e giallo. L’opera si integra con la natura circostante, abbraccia spazi vuoti e presenze arboree e si snoda come sospesa tra terra e cielo, accanto alla scuola Niccolò Tommaseo, tra le prime istituite a Torino, nel 1877. Il passaggio coperto dalle luminarie evoca la Notte stellata di van Gogh, come in altri suoi cicli pittorici in cui la ricerca analitica sul segno si carica di rimandi ai grandi maestri dell’arte di ogni tempo.

Sempre all’interno del progetto “дети - Bambini” di Cultura Italiae, sul tetto dell’Ospedale Ostetrico Ginecologico Sant’Anna di Torino, in piazza Polonia e all’ingresso di corso Spezia, campeggia un’installazione luminosa regolata dalla luna. Si tratta di io, sono nato qui di Renato Leotta, artista di rilievo della nuova generazione. L’opera è una luce viva e sensibile ai cambiamenti di energia che governano i sentimenti e la vita di chiunque, a partire dall’artista stesso che sceglie di condividere i propri stati d’animo con chi passa e la osserva, in un dialogo ideale. La luminosità potrà infatti essere modificata da remoto. Ogni sera, così come la luna risplende sempre diversa sulla natura, Leotta conferisce all’affermazione “io, sono nato qui.” sfumature di intensità emotiva sempre diverse. L’opera è stata donata dall’artista e realizzata grazie al contributo della Consulta per la Valorizzazione dei Beni Artistici e Culturali di Torino e Unione Industriali Torino.

Infine, visibile in piazza della Repubblica, sulla Cupola della Basilica Mauriziana si eleva un grande punto interrogativo ...?..., segno comprensibile in ogni lingua, animato da una luce scintillante. È l’opera di Grazia Toderi realizzata grazie al contributo di Il Mercato Centrale Torino. Non è un interrogativo immobile, ma si rinnova a ogni sguardo. Rivolta verso la piazza e il mercato, verso la città e ognuno di noi, si staglia nella notte invitandoci a mantenere un “dubbio luminoso”. Grazia Toderi è una delle artiste più rappresentative delle ricerche avviate in Italia negli anni ’90 e focalizzate sull’immagine. Lavora con disegno, luce, fotografia e video. Ha esposto in importanti musei e ottenuto riconoscimenti a livello internazionale, tra cui il Leone d’Oro della Biennale di Venezia nel 1999.

Piero Gilardi, Migrazioni (Climate Change) - ©Luci d’Artista - Città di Torino - foto di Ramella&Giannese
Piero Gilardi, Migrazioni (Climate Change) - ©Luci d’Artista - Città di Torino - foto di Ramella&Giannese
Luigi Mainolfi, Lui e l'arte ©Luci d’Artista - foto di Max Chicco
Luigi Mainolfi, Lui e l’arte ©Luci d’Artista - foto di Max Chicco
Giulio Paolini, Palomar - ©Luci d’Artista - Foto di Mauro Donato
Giulio Paolini, Palomar - ©Luci d’Artista - Foto di Mauro Donato
Vanessa Safavi, Ice Cream Light - ©Luci d’Artista - Città di Torino
Vanessa Safavi, Ice Cream Light - ©Luci d’Artista - Città di Torino
Gilberto Zorio, Luce Fontana Ruota - ©Luci d’Artista - Città di Torino - foto di Max Chicco
Gilberto Zorio, Luce Fontana Ruota - ©Luci d’Artista - Città di Torino - foto di Max Chicco

Le altre opere

Cosmometrie di Mario Airò in piazza Carignano, schemi simbolici e geometrici proiettati sulla pavimentazione urbana; Vele di Natale di Vasco Are in piazza Foroni, zona mercato rionale (Circoscrizione 6); Ancora una volta realizzata con materiali ecosostenibili e fonti luminose a basso consumo energetico dall’artista piemontese Valerio Berruti nella Galleria Subalpina; Volo su... di Francesco Casorati, un filo rosso in flex-neon sostenuto da sagome geometriche di uccelli fiabeschi nell’area pedonale di via Di Nanni (Circoscrizione 3); Regno dei fiori: nido cosmico di tutte le anime di Nicola De Maria, lampioni tramutati in fiori luminosi in piazza Carlina; L’energia che unisce si espande nel blu di Marco Gastini, un intrigo di simboli e segni grafici di colore blu e rosso che si incontrano sul soffitto nella Galleria Umberto I; Planetario di Carmelo Giammello, 14 costellazioni disegnate con neon fluorescenti, globi e punti luminosi, secondo lo schema di una mappa astronomica che, tra fedeltà scientifica e invenzione creativa, annulla la distanza fisica che intercorre tra l’uomo e le stelle, in via Roma; Migrazione (Climate Change) di Piero Gilardi, 12 sagome di pellicani applicate a una rete sospesa verticalmente che si illuminano e si spengono gradualmente, seguendo un algoritmo di controllo nella Galleria San Federico; Le panchine - Illuminated Benches di Jeppe Hein in piazza Risorgimento (Circoscrizione 4); Piccoli spiriti blu di Rebecca Horn al Monte dei Cappuccini (Circoscrizione 8); Cultura=Capitale di Alfredo Jaar in piazza Carlo Alberto, un’equazione luminosa cultura=capitale che è un invito a pensare alla creatività e al sapere condivisi da tutti i cittadini come al vero patrimonio di un Paese; Doppio Passaggio (Torino) di Joseph Kosuth sul ponte Vittorio Emanuele I, due brani tratti dai testi di Friedrich Nietzsche e Italo Calvino; Luì e l’arte di andare nel bosco di Luigi Mainolfi, la narrazione di una fiaba che si estende come una sequenza di frasi luminose in via Carlo Alberto; Il volo dei numeri di Mario Merz sulla cupola della Mole Antonelliana, segnale luminoso dato dal valore simbolico della sequenza della serie di Fibonacci dove ogni numero è la somma dei due precedenti; Concerto di parole di Mario Molinari in piazza Polonia (Circoscrizione 8); Vento solare di Luigi Nervo in piazzetta Mollino, una grande sagoma luminosa legata alla cosmologia fantastica; L’amore non fa rumore di Luca Pannoli ai Murazzi del Po; Palomar di Giulio Paolini in via Po, un antico atlante astronomico costellato da pianeti inscritti in forme geometriche che culmina nel profilo di un acrobata in equilibrio su un cerchio; Amare le differenze di Michelangelo Pistoletto in piazza della Repubblica – facciata del mercato coperto Antica Tettoia dell’Orologio (Circoscrizione 7); My Noon di Tobias Rehberger, un grande orologio luminoso che scandisce le ore in formato binario piazza Bodoni; Ice Cream Light di Vanessa Safavi in piazza Livio Bianco (Circoscrizione 2); Noi di Luigi Stoisa, figure rosse che si intrecciano in via Garibaldi; Luce Fontana Ruota di , una stella rotante che evoca un mulino collocata nel laghetto di Italia ’61 in corso Unità d’Italia (Circoscrizione 8) che quest’anno si accenderà dall’8 dicembre.


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Due giorni di accesso gratuito alle Terme di Caracalla
Due giorni di accesso gratuito alle Terme di Caracalla
Radio Canonica: un progetto per far conoscere la figura di Pietro Canonica
Radio Canonica: un progetto per far conoscere la figura di Pietro Canonica
Una sala virtuale per vedere il film documentario dedicato a Salgado di Wim Wenders
Una sala virtuale per vedere il film documentario dedicato a Salgado di Wim Wenders
Bottega veneta veste gli artisti delle performance ispirate a Bruce Nauman
Bottega veneta veste gli artisti delle performance ispirate a Bruce Nauman
Roma, torna la Street Art for Rights per l'Agenda 2030 ONU. Al via la seconda edizione
Roma, torna la Street Art for Rights per l'Agenda 2030 ONU. Al via la seconda edizione
Dantedì: le tante iniziative degli Uffizi per celebrare il Sommo Poeta
Dantedì: le tante iniziative degli Uffizi per celebrare il Sommo Poeta