Assurdo a Napoli: un camion entra e si posteggia nel salone d'ingresso di Palazzo Reale, salendo sui marmi


Ha dell’assurdo quanto capitato a Napoli, dove un camion con gru è entrato nel salone d’ingresso di Palazzo Reale, salendo dapprima sui due gradini di marmo che immettono nel locale e poi sulla pavimentazione anch’essa in marmo. La scena è stata ripresa da alcuni visitatori che in quel momento si trovavano nello storico palazzo napoletano, che non è davvero un edificio qualsiasi: costruito nel XVII secolo, fu infatti la reggia dei viceré spagnoli, quindi dei Borbone che regnarono dapprima sul Regno di Napoli e poi sul Regno delle Due Sicilie, e fu anche residenza dei Savoia, che poi nel 1919 cedettero il palazzo allo Stato. Il salone nel quale è entrato il camion è quello su cui s’affaccia lo scalone d’onore, costruito tra il 1651 e il 1666 su progetto dell’architetto Francesco Antonio Picchiatti (Napoli, 1617 - 1694): Montesquieu riteneva lo scalone il più bello d’Europa, e oggi è in effetti una delle immagini più note di Napoli e non solo.

La segnalazione è arrivata al consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, che ha rilasciato una nota in cui dichiara: “una scena raccapricciante per la quale il soprintendente, Paolo Mascilli, mi auguro abbia adeguate e convincenti spiegazioni. A partire dal chiarire se siano state fatte prove di carico per sapere se l’ingresso del tir potesse o meno danneggiare la pavimentazione, per finire alle motivazioni per le quali è stato scelto un simile modus operandi. Rischioso per un bene monumentale di valore inestimabile”.

Borrelli prosegue constadando che “sembra che le operazioni siano legate all’allestimento di una mostra e il tutto sia avvenuto tra lo sbigottimento generale dei visitatori presenti. Dalle foto, infine, non sembra essere presente il responsabile sicurezza e sembra altresì che non sia stata presa alcuna cautela per la protezione della scalinata d’ingresso. Circostanze che, mi auguro, vengano chiarite immediatamente. In gioco c’è la tutela del nostro Palazzo Reale”.

Tuttavia, anche qualora l’ingresso del camion debba essere chiarito e a prescindere dalle motivazioni che verranno date, ci si domanda se sia comunque tollerabile che un mezzo come quello fotografato nell’immagine possa entrare (peraltro salendo due gradini) nel salone di un palazzo antico. Anche semplicemente per una pura questione d’immagine che si offre al pubblico e alla stampa.

Sulla sua pagina Facebook, Borrelli (anche lui utilizza l’aggettivo “assurdo” per descrivere quanto accaduto) ha pubblicato diverse foto dell’incredibile manovra. Sotto, alcune delle immagini.

Assurdo a Napoli: un camion entra e si posteggia nel salone d'ingresso di Palazzo Reale, salendo sui marmi storici
Assurdo a Napoli: un camion entra e si posteggia nel salone d’ingresso di Palazzo Reale, salendo sui marmi storici



Assurdo a Napoli: un camion entra e si posteggia nel salone d'ingresso di Palazzo Reale, salendo sui marmi storici
Assurdo a Napoli: un camion entra e si posteggia nel salone d’ingresso di Palazzo Reale, salendo sui marmi storici



Assurdo a Napoli: un camion entra e si posteggia nel salone d'ingresso di Palazzo Reale, salendo sui marmi storici
Assurdo a Napoli: un camion entra e si posteggia nel salone d’ingresso di Palazzo Reale, salendo sui marmi storici

Assurdo a Napoli: un camion entra e si posteggia nel salone d'ingresso di Palazzo Reale, salendo sui marmi
Assurdo a Napoli: un camion entra e si posteggia nel salone d'ingresso di Palazzo Reale, salendo sui marmi

Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER







Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

Strumenti utili