Alla Casa di Van Gogh a Zundert una mostra con gli oggetti dei dipinti di Van Gogh


Dal 30 luglio al 30 ottobre 2022, la Casa di Vincent van Gogh a Zundert ospita una mostra di oggetti che Van Gogh dipinse nelle sue opere. Il tutto parte da una recente ricerca che ha permesso di fare luce su molti di questi oggetti di uso quotidiano.

Dal 30 luglio al 30 ottobre 2022, la Casa di Vincent van Gogh a Zundert in Olanda presenta la mostra Closer to Vincent – Everyday Objects in the Work of Vincent van Gogh, basata su una nuova ricerca della storica dell’arte Alexandra van Dongen sugli oggetti che Van Gogh ha raffigurato nei suoi dipinti, per uno studio che ha fornito molte nuove intuizioni sul lavoro di Van Gogh. La mostra, progettata dagli artisti André Smits & Monika Dahlberg, contiene vari oggetti di uso quotidiano, di quelli che l’artista dipingeva spesso nelle sue opere, dall’inizio della sua carriera fino all’ultimo anno della sua vita in Francia.

Sono presenti nei suoi primi lavori nei suoi interni con persone impegnate in lavori domestici o figure sedute su sedie accanto al camino, e più tardi si trovano oggetti anche nelle sue nature morte e nei suoi dipinti floreali, che considerava principalmente come studi sul colore e sulla forma. Spesso questi dipinti nascevano a causa della cronica mancanza di denaro che impediva a Van Gogh di permettersi modelli viventi. Alcuni di questi oggetti di uso quotidiano usati da Vincent, per esempio un vaso di fiori, una brocca per liquori di terracotta francese e una lattiera in rame normanna, sono finiti nella collezione del Museo Van Gogh di Amsterdam grazie alla cognata di Vincent, Jo van Gogh-Bonger.

Mai prima d’ora tutti gli oggetti di uso quotidiano raffigurati da Vincent erano stati identificati con precisione. Tuttavia la recente ricerca della storica dell’arte Alexandra van Dongen, curatrice del design storico al Museum Boijmans Van Beuningen di Rotterdam, ha dimostrato che una precisa identificazione degli oggetti di Vincent può talvolta gettare nuova luce sul possibile luogo di produzione e sulla datazione del suo lavoro. Ad esempio, una semplicissima casseruola di terracotta che compare nella Natura morta con patate proviene da Vallauris, importante centro di produzione della ceramica nella Francia meridionale. In precedenza si pensava che Vincent avesse dipinto questa natura morta a Nuenen, ma l’identificazione della casseruola e la ricerca tecnica sulla tela di lino mostrano che il dipinto è stato realizzato a Parigi nel 1886.

Prima di partire per la Francia, Vincent iniziò una serie di nature morte a Nuenen nel suo studio, dietro la casa dei suoi genitori. Gli utensili raffigurati danno una buona idea del Brabante e di altri utensili da cucina dell’epoca. La presenza di tali oggetti nella cucina della madre di Vincent è stata confermata da recenti ritrovamenti archeologici nel cortile della canonica. Vincent a volte prendeva in prestito oggetti antichi o speciali dal collezionista e pittore dilettante Antoon Hermans, al quale dava lezioni di pittura. I bozzetti per I Mangiatori di patate mostrano chiaramente quali oggetti Vincent avesse scelto e studiato per la sua composizione. Per la mostra, il Netherlands Open Air Museum mette a disposizione un esemplare simile della caratteristica lampada a cherosene che pende sopra il tavolo, così come negli interni dei tessitori di Nuenen. Anche le sedie di legno sono spesso utilizzate nel lavoro di Vincent. Sono anche il soggetto principale di due dipinti che considerava i ritratti di Gauguin e di se stesso, quando lavorarono brevemente insieme alla Casa Gialla ad Arles. Molte delle sue famose nature morte floreali francesi mostrano “vasi” che originariamente non erano intesi come vasi di fiori. Vincent collocava infatti i suoi bouquet dentro boccali di birra in gres, brocche di maiolica e vasi da farmacia, lattiere in rame, vasi di terracotta destinati alla conservazione di confit de canard. La presenza di alcuni tipi di oggetti nel lavoro di Vincent spesso dice qualcosa sul luogo e sul luogo in cui li ha dipinti o fa riferimento alle sue fonti di ispirazione artistica. Poiché Vincent ha ritratto i suoi modelli materiali in modo molto naturalistico, sono spesso molto facili da identificare. Alexandra van Dongen concentra lo sguardo su piccoli dettagli, su oggetti a cui di solito non prestiamo attenzione, ma che sono molto significativi per comprendere ancora meglio l’opera di Van Gogh.

La mostra nella Casa di Vincent van Gogh si svolge in occasione della pubblicazione della ricerca di Alexandra van Dongen presso i tipi di Uitgeverij Sterck & De Vreese. All’inizio del 2021, Van Dongen ha trascorso un mese a casa del sagrestano di Zundert come “artista in residenza” per continuare la sua ricerca e ha già presentato alcune delle sue scoperte sugli oggetti del Brabante nell’opera di Van Gogh nella piccola mostra You can’t get any closer, che aveva al centro i reperti archeologici del cortile della canonica di Nuenen, con i quali è emerso chiaramente quali furono gli oggetti che Vincent tradusse in pittura all’epoca in cui lavorara dietro la casa dei genitori. Insieme agli artisti visivi André Smits (Artist in the World) e Monika Dahlberg, che terrà una residenza d’artista a Zundert tra luglio e agosto 2022, Van Dongen sta traducendo la sua ricerca in una mostra con testi, disegni e collage alle pareti e una selezione di oggetti, che rendono visibili i dipinti e i luoghi in cui ha lavorato Van Gogh. Al centro della mostra ci sono gli oggetti della tenuta di Vincent van Gogh, che sono in prestito dal Museo Van Gogh di Amsterdam e dal Musée d’Orsay di Parigi. Sono esposti anche reperti archeologici provenienti dal giardino della canonica di Nuenen. Inoltre, il pubblico può vedere un vaso da confit de canard dello stesso tipo di quelli che Van Gogh usava nelle sue nature morte con girasoli, e una replica della sedia in salice che Vincent aveva dipinto ad Arles e su cui posavano i suoi modelli, come il postino Joseph Roulin. Questa replica è stata realizzata appositamente per la mostra nella Van Gogh Huouse dal produttore di sedie Rien Stuijts.

Per tutte le informazioni è possibile visitare il sito della Casa di Van Gogh.

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraCloser to Vincent – Everyday Objects in the Work of Vincent van Gogh
CittàZundert
SedeCasa di Vincent van Gogh
DateDal 30/07/2022 al 30/10/2022
ArtistiVincent van Gogh
TemiOttocento

Alla Casa di Van Gogh a Zundert una mostra con gli oggetti dei dipinti di Van Gogh
Alla Casa di Van Gogh a Zundert una mostra con gli oggetti dei dipinti di Van Gogh


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


A Treviso la più grande mostra di sempre su Paris Bordon
A Treviso la più grande mostra di sempre su Paris Bordon
La neve rischia di scomparire per sempre. Al MUSE si indaga il rapporto uomo/natura
La neve rischia di scomparire per sempre. Al MUSE si indaga il rapporto uomo/natura
Vasilij Kandinskij: a Rovigo una grande mostra ripercorre la sua arte
Vasilij Kandinskij: a Rovigo una grande mostra ripercorre la sua arte
Roma, i Musei Capitolini dedicano una mostra all'imperatore Domiziano
Roma, i Musei Capitolini dedicano una mostra all'imperatore Domiziano
Milano, la pittura dei sogni di Stefano Di Stasio in mostra alla Fondazione Stelline
Milano, la pittura dei sogni di Stefano Di Stasio in mostra alla Fondazione Stelline
Al Parco archeologico del Colosseo, una mostra fotografica ci porta alla scoperta di Cartagine
Al Parco archeologico del Colosseo, una mostra fotografica ci porta alla scoperta di Cartagine